La Scoliosi quale atteggiamento naturale - Scoliosi idiopatica: vecchi e nuovi concetti, caso clinico

Ultima modifica 02.10.2019

A cura del Dott. Giovanni Chetta

Postura e tensegrità

La ricerca dell'unicità della postura è un errore in quanto ignora la fondamentale proprietà del tessuto connettivo ossia la viscoelasticità. Non siamo statue. Le stabilità posturali sono assicurate, nel campo gravitazionario, dal continuo movimento, dall'impiego alternato fascia-muscoli e ossia dalla loro oscillazione funzionale. Il sistema miofasciale-scheletrico è quindi una struttura non stabile ma in continuo equilibrio dinamico. Siamo un sistema ridondante ossia variare la distribuzione interna dei pesi non implica necessariamente una modifica della postura; il controllo e l'efficienza di tutto ciò è fondamentale per il benessere della colonna vertebrale in primis. Come abbiamo visto sul periostio vi è la massima concentrazione di sensori dello stress (recettori interstiziali) che rapidamente portano le informazioni relative (e non solo quelle del dolore) al cervello.La fascia dorso-lombare è quindi più di una forza di trasmissione, senza di essa non vi sarebbe un controllo efficiente dei muscoli.

La statica è in realtà un caso speciale della deambulazione, essa è caratterizzata da oscillazioni posturali, visibili e quantificabili tramite l'esame stabilometrico, corrispondenti a ritmici movimenti sui piani traverso e frontale. PosturaQuale moto senza progressione, la stazione eretta comprende l'inibizione dello spostamento col relativo intervento muscolare supplementare decelerante. Essa pertanto risulta più difficoltosa e più dispendiosa dal punto di vista energetico rispetto alla normale locomozione: l'uomo è fatto per camminare (sul terreno naturale).

Al contempo, la spasmodica ricerca della simmetria dei vari segmenti corporei non trova in realtà alcun riscontro in natura (un rapido sguardo ai ns. organi interni ne rende già ampiamente l'idea). Essa non solo non è garanzia di salute ma in taluni casi, quando ricercata forzatamente, può risultare eccessivamente "stressante" dal punto di vista fisico oltre che psichico e quindi dannosa. Come abbiamo dimostrato, la ricerca dell'armonia funzionale è sicuramente più vantaggiosa in quanto più fisiologica; solo importanti asimmetrie possono comportare serie problematiche.

La postura esprime la nostra comunicazione cibernetica con l'ambiente che si evolve quale funzione strutturante tensegrità elicoidali.


Reality Check : il 76% dei lavoratori asintomatici presenta ernia del disco (Boos et al., 1995), la coordinazione posturale è più importante della struttura.


Il termine inglese "Tensegrity ", coniato nel 1955 dall'architetto Richard Buckminster-Fuller, dalla combinazione delle parole "tensile" ed "integrity", caratterizza la capacità di un sistema di stabilizzarsi meccanicamente tramite forze di tensione e di decompressione che si ripartiscono e si equilibrano fra di loro. Compressioni e trazioni si equilibrano all'interno di un sistema vettoriale chiuso.
Le strutture di tensegrità si ripartiscono in due categorie:

  1. costituite da barre rigide assemblate in triangoli, in pentagoni o in esagoni;
  2. costituite da barre rigide e cavi flessibili. I cavi costituiscono una configurazione continua che comprime le barre disposte in maniera discontinua in seno ad essa. Le barre, a loro volta, spingono verso l'esterno i cavi.

I vantaggi della struttura di tensegrità sono:

  • la resistenza dell'insieme supera di molto la somma delle resistenze dei singoli componenti;
  • la leggerezza: a parità di capacità resistenza meccanica, una struttura di tensegrità presenta un peso ridotto della metà rispetto a una struttura a compressione;
  • la flessibilità del sistema è simile a quella di un sistema pneumatico. Ciò consente una grande capacità di adattamento reversibile ai cambiamenti di forma in equilibrio dinamico. Inoltre l'effetto di una deformazione locale, determinata da una forza esterna, viene modulato da tutta la struttura minimizzandone in tal modo l'effetto.
  • l'interconnessione meccanica e funzionale di tutti gli elementi costitutivi consente una continua comunicazione bidirezionale al pari di un vero e proprio network.

A partire dal citoscheletro (Ingber, 1998), l'organismo umano è caratterizzato da una struttura di tensegrità.


tensegrità

tensegritàA livello macroscopico gli assi rigidi (le barre) sono costituiti dalle ossa e le strutture flessibili (i cavi) dal sistema miofasciale (Myers, 2002). Così come avviene a livello macroscopico, a livello cellulare i filamenti del citoscheletro ( microfilamenti di actina e microtubuli di tubulina) polimerizzano e depolimerizzano in risposta agli stimoli meccanici.
Peculiarità della "tensegrità umana" è quella di funzionare come sistema a "eliche a passo variabile " o vortici (spirali). E' infatti sul piano trasverso che soprattutto si sviluppa l'antigravitarietà del sistema cibernetico uomo grazie a un sofisticato sistema di equilibrio neuro-biomeccanico.


Altri articoli su 'Postura e tensegrità'

  1. Fascia Connettivale - Caratteristiche e Funzioni
  2. Scoliosi - Cause e Conseguenze
  3. Diagnosi Scoliosi
  4. Prognosi della scoliosi
  5. Trattamento della scoliosi
  6. Matrice Extra-Cellulare - Struttura e Funzioni
  7. Tessuto connettivo e Fascia Connettivale
  8. Moto dell'uomo e importanza dell'appoggio podalico
  9. Importanza dei corretti appoggi podalico ed occlusale
  10. Scoliosi Idiopatica - Miti da Sfatare
  11. Caso clinico di Scoliosi e Protocollo Terapeutico
  12. Risultati trattamento Caso Clinico Scoliosi
  13. La Scoliosi quale atteggiamento naturale - Bibliografia