Ciaspolata: cos'è e come funziona. Benefici delle ciaspole

Ciaspolata: cos'è e come funziona. Benefici delle ciaspole
Ultima modifica 14.01.2021
INDICE
  1. Cosa sono le ciaspole?
  2. Come si ciaspola: la tecnica
  3. Ciaspolare: l'attrezzatura necessaria
  4. Abbigliamento per ciaspolare
  5. Ciaspolare: quali benefici per la salute

Cosa sono le ciaspole?

Le ciaspole sono un'alternativa allo sci e interessano gran parte delle fasce muscolari, non solo degli arti inferiori, ma anche del tronco. Ciaspolare è uno sport adatto a tutti, adulti e bambini, basta scegliere il percorso più idoneo, a seconda della preparazione fisica e della difficoltà e lunghezza del sentiero da percorrere.

Una condizione è necessaria: la presenza di neve. Le ciaspole sono una sorta di zattere in plastica rigida lunghe dai 40 ai 50 cm, che consentono di camminare e fluttuare sulla neve fresca, soffice o compatta, battuta. Sopra la ciaspola è montato un dispositivo basculante per agganciare le scarpe, sia in punta che alla caviglia. Questo gancio consente la naturale flessione del piede durante la camminata. Sotto la ciaspola si trovano dei ramponi in acciaio - lungo i lati della ciaspola e in punta- un grip utile a far presa sulla neve anche dura, in presenza di accumuli o piccole lastre di ghiaccio.

Come si ciaspola: la tecnica

La tecnica corretta per ciaspolare non è così complessa, ed è molto simile al nordic walking: braccia e gambe si muovono in modo alternato, e la forza viene modulata a seconda della pendenza del sentiero (in piano, in salita, in discesa) e/o in funzione del manto innevato, se morbido, quindi se la neve è fresca e farinosa, o battuta. Quando avanza il piede destro si punta nella neve la bacchetta nella mano sinistra, e viceversa. Nei tratti di ripida salita invece si puntano entrambi i bastoncini avanti per poi far leva e aiutare la spinta delle gambe.

Importante è regolare il gancio sulle ciaspole, in base alla tipologia di ciaspolata, se su un sentiero ad anello, un bosco o in salita. Quando si è in discesa o in tratti ripidi o particolarmente impegnativi, è meglio fissare il basculante al tallone, per avere il piede più stabile e saldo. Altrimenti durante i tratti in piano, o nelle salite si lascia il tallone libero. Nelle salite, a risentire maggiormente della fatica sono solitamente i polpacci: per avvertire meno fastidio a carico di questi muscoli, è consigliato fissare l'alzatacco, che consente di accorciare l'escursione della caviglia

Ritmo e passi corti. Quando ci si approccia alla camminata con le ciaspole, è meglio evitare percorsi non battuti (non fare da apripista ma sfruttare le aperture già tracciate) e le falcate ampie e lunghe che rischiano di far affondare nella neve. L'ideale è trovare il buon ritmo con passi corti a gambe aperte ad altezza delle anche.

Durata. È consigliato iniziare con camminate di massimo 30 minuti, per poi passare ad un'ora o più, da regolare a seconda della tipologia di tracciato. 

 

Ciaspolare: l'attrezzatura necessaria

  • Ciaspole
  • Bastoni
  • Abbigliamento traspirante e fit
  • Guscio anti vento
  • Berretto, scaldacollo e guanti
  • Calze e scarponi da trekking (evitare le calze in cotone e preferire quelle in tessuto sintetico, traspirante)
  • Ghette impermeabili con cui coprire gli scarponi in caso di strato di neve molto soffice e alto
  • Occhiali da sole anti UVA e UVB, meglio se con lenti polarizzate, necessari per proteggere gli occhi dal riverbero del sole sulla neve
  • Crema solare protettiva
  • Zaino da montagna, in cui tenere eventuali maglie di ricambio post camminata, thermos con bevande calde o snack

Abbigliamento per ciaspolare

Ciaspolare comporta dispendio di energie, forza muscolare e resistenza. Il corpo, dopo circa dieci minuti di camminata, si surriscalda. L'ideale, quindi, per essere pratici e non sudare eccessivamente, è vestirsi a strati, evitando abbigliamento eccessivamente imbottito che renderebbe faticosi i movimenti.

L'abbigliamento ideale per ciaspolare:

  • Pantaloni lunghi da escursionismo, non imbottiti, traspiranti, antivento e impermeabili, oppure pantaloni da sci aderenti e fit che facilitano i movimenti (non jeans o pantaloni in tessuto);
  • Una maglia a maniche lunghe in tessuto tecnico sintetico (non il cotone, che tende a bagnarsi con il sudore a contatto con la pelle);
  • Un pile, o secondo strato, sempre in tessuto tecnico traspirante e magari antivento, che consente di stare al caldo ma far evaporare il sudore;
  • Un guscio impermeabile e antivento, meglio se Gore-Tex o Polartec traspiranti.

 

Ciaspolare: quali benefici per la salute

Gli effetti benefici del camminare con le ciaspole sono numerosi, per corpo e mente. Ciaspolare è un'attività di tipo aerobico che consente di bruciare una notevole quantità di calorie, quindi aiuta a dimagrire (si bruciano in media 600 calorie in un'ora), modella i muscoli delle gambe e dei glutei (su neve fresca si tonificano soprattutto i quadricipiti). Non solo, anche le fasce muscolari del tronco ne risentono positivamente: si allenano addominali e, grazie al movimento con i bastoncini, si fanno lavorare anche spalle e tricipiti. E ancora, come tutte le attività aerobiche, camminare con le ciaspole aumenta la frequenza cardiaca, aiuta sciogliere i grassi, preserva il buon funzionamento metabolico; e attiva la produzione di endorfine contribuendo così a migliorare l'umore e a contrastare l'ansia. La camminata con le ciaspole, a stretto contatto con la natura, può apporare i noti benefici dell'Adventure Therapy.