Bagher nella pallavolo

Bagher nella pallavolo
Ultima modifica 20.10.2023
INDICE
  1. Cos'è il bagher?
  2. Bagher in pass e set
  3. Bagher nel digging

Cos'è il bagher?

Il bagher o underarm pass o bump fa parte delle strategie di ricezione difensiva (pass o reception) e del digging* (ovvero tutto ciò che è finalizzato ad impedire alla palla di toccare il campo dopo un attacco o un muro offensivo).

Il bagher prevede il contatto della palla con la parte interna degli avambracci uniti tra loro (platform), tenendo le braccia abbassate all'altezza della vita.

*Il digging, in realtà, costituirebbe un'azione diversa, focalizzata sul salvataggio "al limite" della palla. Più spesso, infatti, è eseguito in tuffo e/o con una sola mano. Per comodità, tuttavia, elencheremo entrambe le tecniche.

bagher nella pallavolo Shutterstock

Bagher in pass e set

Il bagher è considerato un movimento di passaggio e alzata (set), nonostante costituisca l'unica tecnica "praticabile" per opporsi alla battuta di servizio, e la seconda tecnica per importanza (dopo il muro) nella difesa dalla schiacciata.

Nella realtà dei fatti, questa catalogazione nasce dal presupposto che il bagher è sempre il primo o, al massimo, il secondo movimento di un'azione completa - anche se, per necessità, si può usare anche per rimandare la palla nel campo avversario - ed ha l'obbiettivo di "passare" la palla all'alzatore o direttamente al battitore per una schiacciata "a sorpresa".

Spesso, il bagher viene usato quando la palla è troppo bassa per essere palleggiata con un set.

Bagher nel digging

Il digging è un'abilità basata prevalentemente sui riflessi e richiede un altissimo livello di attenzione.

Può essere eseguita classicamente o spesso in "tuffo", nel tentativo di salvare la palla in extremis.

Quando il giocatore intercetta la palla con una sola mano aperta, infilata al limite tra di essa e il pavimento, si parla di "pancake".

Il pancake è spesso usato nella pallavolo indoor, ma raramente nel beach volley, perché la natura irregolare e cedevole del campo in sabbia limita le possibilità che la palla abbia un contatto buono e pulito con la mano.

Se usato correttamente, è uno dei giochi di pallavolo difensivi più spettacolari.

In genere il tuffo viene gestito con specifiche tecniche, la più nota delle quali è la rullata, una sorta di capriola. A volte, tuttavia, il giocatore può essere costretto ad abbandonarsi completamente aumentando l'energia di contatto con il pavimento e perdendo il controllo; le possibilità di infortuni aumentano.

Autore

Dott. Riccardo Borgacci

Dott. Riccardo Borgacci

Dietista e Scienziato Motorio
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer