Terazosina: A Cosa Serve ed Effetti Collaterali
Ultima modifica 22.11.2021
INDICE
  1. Generalità
  2. A Cosa Serve?
  3. Avvertenze e Precauzioni
  4. Interazioni
  5. Effetti Collaterali
  6. Come Agisce
  7. Dosaggio e Modo d'uso
  8. Gravidanza e Allattamento
  9. Controindicazioni

Generalità

Che cos'è la Terazosina e Caratteristiche generali

La terazosina è un principio attivo appartenente al gruppo dei farmaci alfa-bloccanti che viene utilizzato in presenza di ipertensione e per contrastare la sintomatologia dell'ipertrofia prostatica benigna.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2021/11/22/terazosina---struttura-chimica-orig.jpeg Shutterstock
Terazosina - Struttura Chimica

Affinché possa esercitare la sua azione terapeutica, la terazosina deve essere assunta per bocca, difatti la si trova all'interno di compresse e gocce orali. I medicinali che la contengono possono essere venduti solo dietro presentazione di apposita ricetta medica ed essendo classificati come farmaci di fascia A, il loro costo può essere rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN), interamente o parzialmente a seconda dei casi (può essere necessario il pagamento di un ticket).

Esempi di Medicinali contenenti Terazosina

  • Itrin®
  • Prostatil®
  • Terafluss®
  • Teraprost®
  • Terazosina Doc®
  • Terazosina Hexal®
  • Terazosina Teva®
  • Terazosina Zentiva®
  • Unoprost®
  • Urodie®
  • Uroflus®

A Cosa Serve?

Quando si Usa la Terazosina e quali sono le sue Indicazioni Terapeutiche?

L'utilizzo della terazosina è indicato per il trattamento:

  • Dell'ipertensione di grado da lieve a moderato;
  • Della sintomatologia urinaria che tipicamente si manifesta in presenza di ipertrofia prostatica benigna.

Avvertenze e Precauzioni

Cosa bisogna sapere prima di assumere la Terazosina

Prima di iniziare una terapia a base di terazosina è necessario informare il medico se ci si trova in una o più delle seguenti condizioni:

All'inizio del trattamento o quando il dosaggio di terazosina viene aumentato, inoltre, il medico dovrà tenere sotto controllo il paziente in quanto è possibile che si manifesti una riduzione marcata della pressione sanguigna (in particolare, ipotensione ortostatica, ossia brusco calo della pressione sanguigna che si verifica quando si passa da una posizione sdraiata o seduta ad una posizione in piedi) con la comparsa di vertigini o altri sintomi come debolezza, stordimento, sonnolenza, palpitazione o - seppur raramente - sincope. Qualora ciò dovesse verificarsi, è necessario sdraiarsi finché non ci si sente meglio e poi contattare subito il medico.

Il rischio che si manifesti un abbassamento della pressione sanguigna è maggiore nei seguenti casi:

  • Pazienti che stanno assumendo inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5, come il sildenafil, il vardenafil, il tadalafil;
  • Pazienti che stanno assumendo farmaci antipertensivi;
  • Pazienti che stanno assumendo altri farmaci per il trattamento dei disturbi causati dall'ipertrofia prostatica benigna;
  • Pazienti che riprendono l'assunzione della terazosina dopo aver dimenticato di prenderne una dose;
  • Pazienti che hanno più di 65 anni di età.

Nota: allo scopo di ridurre il rischio di abbassamento della pressione sanguigna è necessario assumere la terazosina nelle quantità e nelle modalità prescritte dal medico. In particolare, assumere la prima dose prima di coricarsi, avendo cura di evitare movimenti bruschi, specialmente se si è anziani.

NOTA BENE

  • L'utilizzo della terazosina non è raccomandato nei bambini.
  • La terazosina può causare effetti indesiderati - come vertigini, stordimento, sonnolenza - capaci di interferire con le capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari, soprattutto all'inizio del trattamento o quando viene aumentato il dosaggio di assunzione. Si raccomanda pertanto cautela e di evitare simili attività qualora i suddetti effetti dovessero manifestarsi.

Interazioni

Interazioni Farmacologiche fra la Terazosina e Altri Farmaci

Qualora fosse necessario intraprendere un trattamento a base di terazosina, il medico deve essere informato se si stanno assumendo o sono stati da poco assunti farmaci quali:

In qualsiasi caso, prima di iniziare il trattamento con medicinali contenenti terazosina è opportuno informare il medico se si stanno assumendo, sono stati recentemente assunti o si potrebbero assumere farmaci o prodotti di qualsiasi tipo - inclusi i farmaci senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici, i prodotti omeopatici, ecc. - anche se non citati nel soprastante elenco.

Effetti Collaterali

Quali Effetti Indesiderati può causare la Terazosina?

La terazosina, così come qualsiasi altro principio attivo, può causare diversi effetti indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano o li manifestano nello stesso modo. Infatti, ogni persona reagisce in maniera soggettiva alla somministrazione del farmaco, manifestando effetti indesiderati diversi per tipo ed intensità, oppure non manifestandone affatto.

Di seguito saranno riportati alcuni degli effetti collaterali che potrebbero manifestarsi nel corso del trattamento con terazosina. Per informazioni più specifiche, leggere il foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere.

L'assunzione della terazosina deve essere immediatamente interrotta ed è necessario contattare subito il medico o recarsi nel più vicino pronto soccorso qualora dovessero manifestarsi i seguenti effetti indesiderati gravi:

Effetti Indesiderati Comuni

Effetti Indesiderati Non Comuni

Effetti Indesiderati Rari, Molto Rari e a Frequenza Non Nota

Sovradosaggio da Terazosina

In caso di sovradosaggio da terazosina si può manifestare un brusco calo della pressione sanguigna. Qualora si avvertano i sintomi dell'abbassamento della pressione ematica, è necessario sdraiarsi ed informare subito il medico.

Ad ogni modo, in caso di assunzione di dosi eccessive di terazosina, è necessario informare il medico dell'accaduto o rivolgersi al più vicino ospedale.

Non esiste un antidoto specifico, pertanto, il trattamento è sintomatico e di supporto.

Come Agisce

Come Funziona la Terazosina e con quale Meccanismo d'Azione agisce?

La terazosina è un antagonista competitivo dei recettori alfa-adrenergici post-sinaptici di tipo 1 (recettori alfa-1). In altre parole, in seguito alla sua somministrazione, il principio attivo è in grado di esercitare un'azione bloccante nei confronti dei recettori alfa-1 post-sinaptici.

Benché il meccanismo d'azione esatto con il quale la terazosina induce un abbassamento della pressione sanguigna non sia stato determinato, si ritiene che il rilassamento dei vasi sanguigni periferici sia principalmente dovuto all'azione alfa-1 bloccante esercitata dal principio attivo nei confronti dei recettori alfa-adrenergici localizzati proprio a livello vasale.

Nei pazienti affetti da ipertrofia prostatica benigna, invece, la terazosina determina un miglioramento della sintomatologia urinaria e dell'urodinamica. Anche in questo caso, si ritiene che ciò sia dovuto al blocco dei recettori adrenergici alfa-1 localizzati a livello prostatico e della vescica.

Dosaggio e Modo d'uso

Come si Somministra la Terazosina e in Quali Dosi?

La terazosina è disponibile in forma di compresse e gocce orali. Le compresse devono essere assunte con un bicchiere d'acqua.

La terazosina deve essere assunta seguendo sempre le indicazioni del medico, sia per quel che riguarda la quantità di farmaco che per quel che riguarda la durata del trattamento e il modo d'uso. Ad ogni modo, di seguito saranno riportate - a titolo puramente illustrativo - le dosi solitamente impiegate in terapia.

La dose iniziale è generalmente di 1 mg di terazosina al dì da assumersi la sera prima di coricarsi (questo per evitare la brusca diminuzione della pressione sanguigna). Dopodiché, il medico può aumentare il dosaggio gradualmente fino al raggiungimento della dose di mantenimento ideale per ciascun paziente.

La frequenza con cui il medico aumenta la dose così come la dose di mantenimento stessa possono variare in funzione dell'indicazione terapeutica che rende necessario il trattamento con terazosina (trattamento dell'ipertensione o trattamento dei disturbi urinari indotti dall'ipertrofia prostatica benigna) e in funzione dello stato di salute del paziente. Pertanto, si raccomanda di seguire con scrupolosa attenzione le indicazioni fornite dal medico. In caso di dubbi, si consiglia di consultare nuovamente il medico e di leggere il foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere.

Qualora ci si dimentichi di assumere una o più dosi di terazosina è necessario informarne il medico, poiché potrebbe essere necessario ricominciare l'assunzione con dosi di principio attivo inferiori.

Gravidanza e Allattamento

La Terazosina può essere utilizzata durante la Gestazione e nelle Madri che Allattano al Seno?

L'uso della terazosina nelle madri che allattano al seno per il trattamento dell'ipertensione NON è indicato. In linea generale, anche l'uso nelle donne in gravidanza andrebbe vietato a meno che il medico non lo ritenga assolutamente necessario e, anche fosse, l'uso dovrebbe avvenire sotto lo stretto controllo del medico stesso. Tuttavia, è opportuno precisare che alcuni medicinali a base di terazosina sono espressamente controindicati in gravidanza oltre che durante l'allattamento. Informazioni dettagliate sono contenute nel foglietto illustrativo del medicinale, ad ogni modo, per qualsiasi dubbio, si raccomanda di rivolgersi al proprio medico.

Naturalmente, l'utilizzo nell'ambito della sintomatologia dell'ipertrofia prostatica benigna non è pertinente nelle pazienti di sesso femminile.

Controindicazioni

Quando la Terazosina NON deve essere usata?

L'impiego della terazosina deve essere evitato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota alla terazosina e/o ad uno o più degli eccipienti contenuti nel medicinale che si deve assumere;
  • Nei pazienti che hanno manifestato sincope alla minzione (temporanea perdita di coscienza durante la minzione);
  • Per il trattamento dei disturbi urinari causati dall'ipertrofia prostatica benigna nei pazienti che hanno avuto o soffrono di ipotensione ortostatica

Inoltre, per alcuni medicinali a base di terazosina, anche la gravidanza e l'allattamento al seno risultano nell'elenco delle controindicazioni all'uso del medicinale stesso (vedi capitolo dedicato).

NOTA BENE

In questo articolo si è cercato di fornire una panoramica generale sulle principali caratteristiche dei medicinali contenenti terazosina. Nonostante ciò, per maggiori e specifiche informazioni, si rimanda all'attenta lettura del foglietto illustrativo del farmaco che si deve impiegare.

In caso di dubbi, consultare il medico.

Autore

Dott.ssa Ilaria Randi

Dott.ssa Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista