Prurito cutaneo: cause e rimedi

Prurito cutaneo: cause e rimedi
Ultima modifica 03.01.2022
INDICE
  1. Introduzione
  2. Da che cosa può dipendere
  3. Xerosi
  4. Dermatite atopica
  5. Orticaria
  6. Eritema solare
  7. Dermatite da contatto
  8. Prurito cutaneo, quando dipende da malattie sistemiche
  9. Consigli utili

Introduzione

La pelle pruriginosa è una condizione sgradevole e irritante, che genera fastidio e fa venire voglia di grattarsi. In molti casi, il prurito cutaneo è favorito dalla pelle secca, che è tipica delle persone anziane, ma non si tratta dell'unica causa di questa problematica. A seconda della causa del prurito, la pelle può apparire normale, arrossata, ruvida o irregolare; graffi ripetuti possono anche causare aree spesse in rilievo che potrebbero sanguinare o infettarsi. Per migliorare la situazione, è utile ricorrere a rimedi specifici.

Da che cosa può dipendere

Nella maggior parte dei casi, il prurito cutaneo è legato a disturbi che riguardano la pelle, ma può essere anche uno dei campanelli di allarme di altre patologie. Ecco le cause più comuni.

Xerosi

Il prurito è un sintomo molto comune nell'anziano, quasi sempre dovuto a una secchezza eccessiva della cute, chiamata xerosi. Il disturbo è acuito dal freddo, da una scarsa umidità ambientale o da lavaggi troppo frequenti. Simile a questo è il prurito "invernale", che può colpire anche i giovani per l'azione combinata del freddo e dei bagno-schiuma comuni (o delle saponette), troppo sgrassanti per le cuti sensibili. Bisogna ricordare che nell'anziano il prurito può anche accompagnare una malattia internistica, quale insufficienza renale o epatica, oppure può rappresentare la spia di un tumore misconosciuto.

 

Come intervenire

Il prurito dovuto alla pelle secca è facilmente risolvibile con l'applicazione di una crema idratante. Può essere utile anche preferire detergenti meno aggressivi e aggiungere emollienti oleosi all'acqua del bagno.

Dermatite atopica

Il prurito cutaneo può essere legato alla dermatite atopica, una malattia infiammatoria della pelle di tipo allergico, che rende la cute stessa maggiormente sensibile, permeabile, irritabile. Nei periodi di riacutizzazione, la pelle della zona interessata si presenta particolarmente secca, arrossata e ispessita e la persona avverte un prurito solitamente intenso, con importanti ripercussioni sulla qualità della vita. In fase acuta, si formano anche piccole vescicole che, rompendosi in seguito al grattamento, danno luogo a piccole erosioni, da cui fuoriesce siero e che successivamente si ricoprono di crosticine.

 

Come intervenire

Occorre innanzitutto contrastare la secchezza cutanea e l'infiammazione: ecco perché la prima cura consiste nell'utilizzo di prodotti altamente idranti ed emollienti. Per combattere i sintomi locali sono utili poi le creme e gli unguenti a base di corticosteroidi e di immunomodulatori, che riducono le lesioni, migliorano il prurito e scongiurano un peggioramento. In caso di sovrainfezione vanno usati anche dei farmaci antibiotici. Possono essere utili anche i bagni nell'acqua termale.

Orticaria

Si tratta di una delle cause più tipiche di prurito cutaneo. L'orticaria è una reazione che coinvolge i piccoli vasi sanguigni della cute, dilatandoli, scatenata dall'esposizione ad agenti verso cui si è allergici o intolleranti, come farmaci, cibi, additivi, coloranti eccetera. Si manifesta con la comparsa di pomfi pruriginosi, piccole aree lisce leggermente rilevate, di colore variabile dal bianco al rosa- rosso, che possono assumere varie forme e dimensioni. Il prurito è sempre presente e spesso molto intenso, aumenta in maniera significativa in ambienti molto riscaldati e a contatto con indumenti pesanti.

 

Come intervenire

Per curare l'orticaria è necessario eliminare le cause all'origine della malattia. Per diminuire il prurito, invece, si può applicare sull'area interessata un blando emolliente cutaneo (per esempio a base di oli) o un unguento contenente mentolo e fenolo: questi prodotti, infatti, hanno azione lenitiva e favoriscono la vasocostrizione. Anche i bagni freddi-tiepidi e gli impacchi freddi possono avere effetti simili e attenuare i fastidi. Se il prurito è incontrollabile, il medico può prescrivere degli antistaminici per bocca.

Eritema solare

Il prurito può derivare anche dall'eccessiva esposizione solare. Quando si esagera con la tintarella e magari non si usano le adeguate protezioni, infatti, ci si può scottare o procurare un eritema solare: di conseguenza, la cute diventa rossa, calda, fragile, può dare prurito e può ricoprirsi di macchie e bolle dolenti e altrettanto pruriginose.

 

Come intervenire

Per combattere il prurito e i sintomi fastidiosi e allo stesso tempo favorire la guarigione, si può applicare sulla zona una pomata all'ossido di zinco per qualche giorno. In presenza di numerose bolle, il medico può prescrivere una pomata a base di cortisone e antibiotici da prendere per bocca. Nei casi più seri, si possono anche effettuare delle medicazioni con pomate medicate, in ambulatorio o in ospedale (si trattano le scottature quasi come un'ustione).

Dermatite da contatto

Specie se il prurito è associato a eritema, papule e vescicole, alla sua origine può esserci una dermatite da contatto, manifestazione di tipo cutaneo scatenata dal contatto con sostanze riconosciute come estranee dall'organismo. Possono essere di tipo irritativo oppure di tipo allergico.

 

Come intervenire

Per risolvere il problema alla radice, è necessario evitare, se possibile, il contatto con la sostanza responsabile. Per curare rossori, gonfiori e prurito della cute, sono utili le pomate con cortisone, che vengono prescritte dal medico e vanno utilizzate per alcuni giorni. Se è presente un forte prurito si possono assumere anche degli antistaminici per bocca.

Prurito cutaneo, quando dipende da malattie sistemiche

Il prurito cutaneo può essere legato anche ad altri disturbi e malattie della pelle, come punture di insetto, scabbia, micosi, herpes. Tuttavia, in alcuni casi, più rari, può essere un campanello di allarme di altre patologie, come:

Anche la gravidanza può aumentare il rischio di prurito cutaneo.

A volte il prurito può essere causato anche dal sudore.

Consigli utili

Ecco alcuni suggerimenti di massima per attenuare il prurito cutaneo:

  • aggiungere all'acqua del bagno un po' di amido di riso, che ha azione lenitiva e rinfrescante, per cui apporta sollievo;
  • usare saponi e detergenti delicati e non aggressivi, che non facciano troppa schiuma;
  • per lavarsi preferire l'acqua tiepida a quella calda, più aggressiva;
  • alla fine del lavaggio, asciugare con cura la pelle, tamponandola delicatamente con un asciugamano morbido e non strofinandola;
  • applicare creme idratanti ed emollienti, se necessario chiedendo consiglio a un dermatologo;
  • evitare di usare gli ammorbidenti per lavare i capi, perché possono risultare irritanti. Utilizzare detersivi delicati e ipoallergenici.