Onicomicosi: quale impatto sulla qualità della vita?

Onicomicosi: quale impatto sulla qualità della vita?
Ultima modifica 29.09.2020
INDICE
  1. Che cos'è?
  2. Cause e Fattori di Rischio
  3. Sintomi
  4. Conseguenze e Impatto sulla qualità della vita
  5. Consigli Utili

Che cos'è?

Onicomicosi: definizione e caratteristiche

L'onicomicosi - o micosi delle unghie - è un'infezione di natura fungina che interessa soprattutto le unghie dei piedi, ma che può coinvolgere (benché più raramente) anche le unghie delle mani.

I responsabili di quest'infezione fungina - o micotica, che dir si voglia - sono principalmente:

L'onicomicosi è una malattia delle unghie fra le più diffuse al mondo che si manifesta con maggior frequenza negli individui di sesso maschile rispetto a quelli di sesso femminile. Meno comune nell'infanzia, la micosi delle unghie interessa maggiormente adulti e anziani.

In funzione di come il fungo patogeno invade l'unghia è possibile distinguere diverse tipologie di onicomicosi, ognuna caratterizzata da un proprio quadro clinico e da una sintomatologia più o meno specifica.

Cause e Fattori di Rischio

La causa dell'onicomicosi, come abbiamo detto, è da ricercarsi in un'infezione fungina che coinvolge le unghie. Affinché l'infezione venga contratta e la malattia si manifesti è necessario che il patogeno (sia esso un dermatofita, una muffa o un lievito) raggiunga l'unghia e sia in grado di proliferare indisturbato.

Il contagio e la diffusione dell'infezione possono essere favorite da determinati fattori e condizioni esterni, così come da comportamenti non propriamente corretti. Per citare qualche esempio, rappresentano fattori favorenti il contagio: il contatto con una superficie infetta (ad esempio, il pavimento); l'utilizzo di spogliatoi comuni (come avviene, ad esempio, in piscine e palestre); l'utilizzo di scarpe strette e non traspiranti che favoriscono lo sviluppo di un ambiente caldo-umido ideale per la proliferazione dei funghi responsabili di onicomicosi.

Sintomi

L'onicomicosi si contraddistingue per sintomi che interessano l'aspetto e la consistenza dell'unghia. Quando colpita da un'infezione fungina, infatti, questo annesso cutaneo muta in maniera più o meno evidente. Più precisamente, l'unghia può:

  • Cambiare colore;
  • Ispessirsi;
  • Divenire più fragile;
  • Sfaldarsi o rompersi facilmente.

A tutto ciò, si aggiungono ulteriori sintomi tipici delle infezioni micotiche, come odore sgradevole e dolore. In alcuni casi si può addirittura arrivare alla perdita dell'unghia.

Conseguenze e Impatto sulla qualità della vita

I sintomi che caratterizzano l'onicomicosi come le alterazioni dell'aspetto e della consistenza dell'unghia, la comparsa di cattivi odori e il dolore possono influire negativamente sulla qualità della vita dell'individuo che ne soffre. In particolare, la presenza di un'onicomicosi può incidere sulla sua sfera sociale privata e lavorativa.

La maggior parte delle attività lavorative e di svago richiede, infatti, l'uso delle mani, o semplicemente, la capacità di stare in piedi e muoversi: i sintomi dell'onicomicosi possono quindi ostacolare lo svolgimento delle suddette attività. Chi lavora con le mani, ad esempio, potrebbe sentirsi a disagio a mostrare un'unghia colpita da onicomicosi; lo stesso dolore che può manifestarsi in presenza di questo tipo d'infezione può rappresentare un forte ostacolo allo svolgimento dei propri compiti quotidiani rendendo difficile manipolare oggetti (nel caso di onicomicosi delle mani) e perfino infilarsi e portare per lungo tempo le scarpe (nel caso nelle micosi delle unghie dei piedi).

A tutto ciò si aggiunge il fatto che, nella società attuale, il bell'aspetto è fondamentale. Avere mani e piedi curati e impeccabili viene considerato come sinonimo di benessere fisico, pulizia e bellezza.

La sensazione di disagio - anche estetico e non solo fisico - unita ai sintomi più o meno marcati che caratterizzano questa malattia delle unghie, può far crescere nell'individuo che ne soffre un senso di inadeguatezza considerevole, tanto nelle relazioni personali quanto in quelle lavorative. La persona con onicomicosi, infatti, potrebbe sentirsi "non in ordine" e fortemente in imbarazzo nei casi in cui, per un motivo o per un altro, fosse necessario mostrare le dita di mani e piedi interessate dall'infezione. Oltre a quanto finora detto, alcuni individui possono temere di trasmettere l'infezione ai familiari più stretti, ai conviventi, agli amici o ai colleghi di lavoro.

Queste paure e le sensazioni di disagio, imbarazzo e inadeguatezza di cui sopra potrebbero portare ad una riduzione dell'autostima dell'individuo affetto da onicomicosi che potrebbe quindi decidere di evitare le relazioni interpersonali (incluse quelle più strette) e limitare le attività che prima venivano normalmente svolte; in altri termini, si potrebbe arrivare al cosiddetto isolamento sociale.

Lo sapevi che…

Secondo alcuni studi condotti in merito alle variazioni della qualità della vita in pazienti che soffrono di onicomicosi, sono le infezioni fungine delle unghie delle mani a causare i maggiori problemi a livello sociale e lavorativo, probabilmente perché molto più visibili di quelle dei piedi che, invece, possono essere nascoste da calzini e scarpe. Sempre secondo tali studi, inoltre, sarebbero le donne a sperimentare maggior disagio nel campo delle relazioni interpersonali e sociali quando colpite da onicomicosi.

Consigli Utili

Come comportarsi in caso di Onicomicosi?

Innanzitutto è molto importante essere consapevoli del fatto che l'onicomicosi NON è un difetto estetico (anche se spesso viene percepito come tale), ma una vera e propria malattia che deve essere adeguatamente trattata.

In caso di onicomicosi, pertanto, nascondere il problema ed evitare di parlarne anche con il farmacista o il medico magari, perché imbarazzati dalla situazione, è assolutamente sbagliato. Solo con una rapida diagnosi e con il conseguente inizio tempestivo di un idoneo trattamento sarà possibile risolvere il problema completamente e nel più breve tempo possibile.

Se l'onicomicosi viene subito identificata e diagnosticata quando si trova ancora in una fase iniziale o comunque lieve, è infatti possibile intervenire con terapie specifiche, mirate e per nulla invasive, come il trattamento con gli smalti medicati. Questi medicinali (perché di medicinali si tratta) sono dei veri e propri smalti contenenti principi attivi antifungini che si applicano direttamente sull'unghia infetta, ostacolano la proliferazione e uccidono i funghi responsabili dell'onicomicosi. Certo, la durata del trattamento può essere lunga in quanto strettamente connessa alla velocità di crescita dell'unghia interessata dalla micosi (circa 6 mesi per le unghie delle mani e 9-12 mesi per quelle dei piedi), ma un intervento tempestivo permetterà una più rapida risoluzione del problema, evitandone il peggioramento e determinando un miglioramento dei sintomi.

In commercio, inoltre, esistono farmaci di questo tipo in seguito all'applicazione dei quali è possibile procedere con l'applicazione di uno smalto cosmetico, in modo da avere unghie belle e impeccabili fin da subito.