Dito a Martello del Piede: Cos’è? Cause e Rimedi

Dito a Martello del Piede: Cos’è? Cause e Rimedi
Ultima modifica 07.09.2022
INDICE
  1. Cos’è
  2. Cause e fattori di rischio
  3. Sintomi Dito a Martello del Piede
  4. Diagnosi
  5. Trattamento

Cos’è

Cos'è il dito a martello del piede?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2022/09/07/dito-a-martello-piede-orig.jpeg Shutterstock

Il dito a martello è un disturbo del piede che interessa l'articolazione interfalangea prossimale e comporta una progressiva retrazione e flessione della dita coinvolte. In altre parole, si tratta di una deformità del piede, nella quale le dita (più comunemente, secondo, terzo o quarto dito) assumono un aspetto piegato, simile a quello di un artiglio di un rapace.

A causa del conflitto con la calzature, il dito a martello del piede si associa comunemente a dolore durante la camminata, difficoltà nel flettere le dita dei piedi e callosità, che nei casi più gravi possono ulcerarsi.  

Cause e fattori di rischio

Dito a Martello del Piede: quali sono le cause?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2022/09/07/dito-a-martello-piede-cause-orig.jpeg Shutterstock

Il dito a martello del piede è il risultato di uno squilibrio che mette sotto pressione muscoli, tendini e/o legamenti, normalmente deputati a mantenere la naturale posizione della dita; se la punta rimane piegata in una posizione abbastanza a lungo, i muscoli e le articolazioni si contraggono e non possono estendere la falange distale. Questa flessione forzata rende impossibile l'estensione della punta del dito.

Ricorda! Il dito del piede interessato dal disturbo è piegato a livello dell'articolazione centrale chiamata articolazione interfalangea prossimale. Con la progressiva deformità in flessione dell'articolazione interfalangea prossimale, si verifica tipicamente un'iperestensione compensatoria delle articolazioni metatarsofalangee e interfalangee distali. L'iperestensione dell'articolazione metatarsofalangee e la flessione dell'articolazione interfalangea distale rendono quella prossimale prominente dorsalmente. Questa protuberanza sfrega contro la scarpa del paziente e può progredire fino a causare disagio.

Indossare scarpe che non si adattano correttamente al piede è una causa comune di questo squilibrio:

  • Le calzature che si restringono verso la punta, spingono le dita più piccole in una posizione flessa (piegata). Alla fine, i muscoli non possono più raddrizzare la punta del dito interessato dal disturbo.
  • Le scarpe con un tacco più alto spingono il piede verso il basso e spingono le dita contro la scarpa, aumentando la pressione e la curvatura della punta. Lo sfregamento porta, inoltre, alla formazione di calli e duroni, che aggravano ulteriormente la condizione.

Fattori di rischio

Tra i fattori che possono incidere sullo sviluppo del dito a martello del piede rientrano:

  • Tipo di scarpe che s'indossano: in particolare, calzature che tendono ad ammassare le dita dei piedi, es. scarpe troppo strette nella punta del piede, tacchi alti, suole piatte ecc.
  • Traumi
  • Alluce valgo
  • Fascite plantare
  • Metatarsalgie da sovraccarico
  • Conformazione del piede: se il secondo dito del piede è più lungo dell'alluce, è più a rischio di dito a martello. Anche un equilibrio anomalo dei muscoli delle dita può causare una contrazione involontaria delle loro estremità, predisponendo, nel tempo, all'insorgenza del dito a martello
  • Alcuni processi patologici, tra cui artrite, malattie neurologiche e diabete
  • Altri fattori: il rischio di sviluppare il dito a martello aumenta con l'età e le donne hanno molte più probabilità di sviluppare il disturbo rispetto agli uomini. Anche l'ereditarietà potrebbe avere un ruolo nell'insorgenza del dito a martello del piede.

Sintomi Dito a Martello del Piede

Dito a Martello del Piede: come si manifesta?

Il dito a martello risulta piegato in una posizione anormale, a livello articolazioni di una o più dita dei piedi.

I sintomi a carico del dito a martello del piede possono includere:

  • Dolore, soprattutto in caso di sforzi, quando il paziente muove il dito a martello o indossa le scarpe;
  • Gonfiore o arrossamento;
  • Incapacità o difficoltà ad estendere totalmente il dito, con conseguente grave deficit funzionale ed estetico;
  • Difficoltà a camminare.

Possibili conseguenze

Sulla parte superiore dell'articolazione centrale del dito a martello, possono svilupparsi calli e duroni per lo sfregamento della pelle contro l'interno delle scarpe. Inizialmente, le dita a martello sono flessibili e possono essere corrette con semplici accorgimenti ma, se la deformità non viene trattata, le articolazioni possono irrigidirsi e richiedere un intervento chirurgico. Pertanto, ritardare il trattamento del dito a martello del piede può causare danni funzionali permanenti o rendere più difficile la guarigione.

Consulta anche: Duroni: Cosa Sono? Cause, Sintomi e Cura

Diagnosi

Dito a Martello del Piede: quali esami servono per la diagnosi?

La diagnosi del dito a martello è confermata per l'evidente presenza dei segni clinici sopra descritti. Un esame radiografico consente di stabilire il tipo di lesione (stiramento o rottura del tendine) e se è presente un eventuale frammento osseo (frattura da avulsione) alla base della falange distale. Le caratteristiche della lesione permettono di definire l'approccio terapeutico più adeguato da adottare.

Trattamento

Come si cura il Dito a Martello del Piede?

Il trattamento del dito a martello del piede può essere conservativo o, nel caso la deformazione sia ormai cronica, chirurgico.

Trattamento conservativo

All'inizio, il disturbo è correggibile passivamente, ma, in genere, richiede diverso tempo per risolversi. Pertanto, se l'articolazione coinvolta è ancora flessibile, il medico potrebbe consigliare di:

  • Optare per calzature più spaziose e comode per evitare il mal posizionamento delle dita del piede
  • Indossare inserti per scarpe (ortesi), cuscinetti e tutori per correggere la deformazione e alleviare la pressione sulla cute

Inoltre, il medico potrebbe suggerire esercizi, come raccogliere delle biglie o accartocciare un asciugamano con le dita dei piedi, per allungare e rafforzare i muscoli.

Trattamento chirurgico

Se i trattamenti conservativi non aiutano ad alleviare il disturbo o se l'articolazione del dito è rigida (non più mobile), il medico può raccomandare un intervento chirurgico per rilasciare il tendine che impedisce al dito a martello di rimanere esteso. La chirurgia viene generalmente eseguita in regime ambulatoriale utilizzando un anestetico locale. La procedura effettiva dipenderà dal tipo e dall'entità della deformità. In alcuni casi, il chirurgo potrebbe anche rimuovere un pezzo di osso per raddrizzare il dito.

Leggi anche: Dito a martello della mano

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici