Chi sono le persone fragili?

Chi sono le persone fragili?
Ultima modifica 02.02.2024
INDICE
  1. Introduzione
  2. Persone fragili: chi rientra in questa categoria
  3. Caratteristiche delle persone fragili
  4. La fascia d'età più colpita

Introduzione

Nel corso degli ultimi anni, quelli caratterizzati dalla pandemia, in particolar modo, si è spesso utilizzato il termine "persone fragili" per la priorità nella somministrazione dei vaccini anti Covid, ad esempio, e per le misure di salvaguardia in soggetti maggiormente a rischio. Il "paziente fragile", infatti, è colui che è cronicamente a rischio di maggiori complicanze, scompensi multipli a cascata, a frequenti ricoveri ospedalieri e, in sintesi, a maggior rischio di morte o di disabilità.

Persone fragili: chi rientra in questa categoria

Le persone fragili sono pazienti che nella maggior parte dei casi sono affetti da malattie croniche complesse. La caratteristica predominante è l'instabilità clinica che porta all'assunzione di terapie farmacologiche diverse, anche in contemporanea, e alla ridotta autosufficienza. In certi casi, inoltre, sussistono anche problematiche sociali e familiari.

Caratteristiche delle persone fragili

  • affetto da patologie croniche
  • coesistono più patologie
  • politrapia: uso contemporaneo di diverse terapie farmacologiche
  • disabilità
  • problematiche sociali
  • perdita, totale o parziale, di una o più capacità funzionali di base.

La fascia d'età più colpita

La fragilità riguarda tutte le fasce d'età ma la popolazione tende ad invecchiare, e così il numero di persone anziane aumenta. L'avanzamento dell'età, di per sè, rappresenta una condizione di «fragilità» a causa della riduzione funzionale di più organi ed apparati.