Cellulite e Calzature: quale relazione?

Cellulite e Calzature: quale relazione?
Ultima modifica 09.12.2019
INDICE
  1. Introduzione
  2. Cellulite e Calzature: esiste una relazione?
  3. Calzature Anti-Cellulite
  4. Rimedi Efficaci contro la Cellulite

Introduzione

Prima di analizzare la relazione fra cellulite e calzature può essere utile fare un piccolo ripasso per capire cos'è la cellulite e perché si forma.

Che cos'è la Cellulite?

La cellulite - anche nota come pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica - è un disturbo che interessa il tessuto adiposo sottocutaneo, altrimenti definito come pannicolo adiposo. Nota distintiva di questo disturbo è il classico aspetto della pelle "a buccia d'arancia", così descritto a causa delle irregolarità - vagamente somiglianti a quelli della buccia del suddetto agrume - che assume la superficie cutanea degli individui che presentano il disturbo.

Quali sono le Cause della Cellulite?

Si ritiene che la cellulite sia provocata da una serie di fattori che concorrono l'uno con l'altro nell'originare il problema, quindi, non è possibile definire un solo responsabile dell'insorgenza del disturbo. Questi fattori contribuiscono a favorire la comparsa di edema e infiammazione nel pannicolo adiposo, inducendone un'alterazione che sfocia poi nella cellulite. Ad  ogni modo, fra questi fattori ritroviamo:

  • Predisposizione genetica;
  • Fattori ormonali;
  • Gravidanza;
  • Stress;
  • Sovrappeso e obesità;
  • Presenza di alcune patologie (ad esempio, diabete);
  • Sedentarietà;
  • Alimentazione scorretta;
  • Alterazioni della circolazione linfatica e/o sanguigna.

Cellulite e Calzature: esiste una relazione?

L'ultimo punto indicato nel soprastante elenco, ossia le alterazioni che interessano la circolazione linfatica o sanguigna sono imputabili a cause di varia natura. Fra queste, ritroviamo l'uso di indumenti troppo stretti, l'assunzione di posture scorrette per lunghi periodi di tempo e l'impiego di calzature inadeguate che possono compromettere il ritorno venoso e linfatico dagli arti inferiori verso il cuore, con conseguente stasi dei fluidi sanguigni e linfatici.

Di seguito, entreremo più nel dettaglio facendo qualche breve accenno di anatomia per meglio comprendere il legame esistente fra cellulite e calzature.

Ritorno venoso e pompa periferica

Il ritorno venoso dagli arti inferiori verso il cuore è garantito dalla presenza di valvole che consentono il passaggio del sangue in un'unica direzione - dal basso verso l'alto - ma non solo. Difatti, la sola presenza di queste valvole non è sufficiente a garantire che il flusso di sangue proceda nella direzione corretta. Ecco, quindi, che entra in gioco un altro sistema: quello del cuore periferico degli arti inferiori, formato dal piede e dai muscoli del polpaccio.

A livello della pianta del piede è presente una complessa rete di vene superficiali e profonde; in particolare, qui si possono distinguere la soletta venosa di Lejar (a livello superficiale) e il triangolo della volta (contiene le vene profonde più importanti, quali: le vene plantari mediali, le vene plantari laterali e la vena tibiale posteriore). In condizioni normali, ossia quando il piede appoggia la sua intera superficie al terreno, ad ogni passo compiuto viene esercitata una compressione sulla suola di Lejar e sul triangolo della volta con conseguente spremitura delle vene qui presenti. La compressione e la spremitura delle vene fungono da pompa per il sangue venoso che viene spinto oltre la caviglia; a questo punto, i muscoli del polpaccio, contraendosi, comprimono le vene profonde della gamba, pompando il sangue ancora più in alto, verso l'inguine, a livello del quale entreranno in gioco altri meccanismi che favoriranno la risalita del sangue venoso al cuore.

Importanza delle calzature e comparsa della cellulite

Alla luce di quanto finora detto, appare chiara l'importanza della compressione esercitata durante la camminata e, conseguentemente, l'importanza che rivestono le calzature che si indossano.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/12/06/cellulite-e-calzature-2-orig.jpeg Shutterstock

In particolare, le calzature dotate di tacchi molto alti non consentono il perfetto funzionamento della pompa periferica descritta nel precedente paragrafo, questo perché - indossando scarpe di questo tipo - il peso corporeo e la compressione esercitata sul terreno non sono più equilibrati e la ripartizione del peso fra l'avampiede e il calcagno risulta invertita rispetto alle condizioni "naturali". Secondo alcune delle fonti consultate, il peso è così distribuito:

  • Piedi nudi: avampiede 43% e calcagno 57%.
  • Indossando scarpe con tacchi/elevazione di 2 cm: avampiede 50% e calcagno 50%.
  • Indossando scarpe con tacchi di 4 cm: avampiede 57% e calcagno 43%.
  • Indossando scarpe con tacchi di 6 cm: avampiede 75% e calcagno 25%.
  • Indossando scarpe con tacchi dai 6 cm in su: il peso grava sul metatarso.

L'uso di scarpe con tacchi molto alti quindi - oltre a compromettere la postura - può ostacolare il ritorno venoso, favorendo un ristagno di sangue ma anche di fluidi linfatici; può, pertanto, contribuire alla comparsa o all'aggravamento della cellulite.

Chiaramente, ciò non significa che l'insorgenza di questo disturbo sia causato solo ed esclusivamente dall'indossare le scarpe con i tacchi alti, così come non significa che bisogna dire addio a simili calzature. Ricordiamo ancora una volta, infatti, che la cellulite vede cause multifattoriali nella sua insorgenza e che la prevalenza di un determinato fattore sull'altro nell'originare il disturbo è estremamente soggettiva e varia da persona a persona.

Calzature Anti-Cellulite

In tempi relativamente recenti sono nate le cosiddette scarpe anti-cellulite, ma di cosa si tratta? E soprattutto, sono davvero efficaci? Di seguito entreremo più nel dettaglio e cercheremo di rispondere a tali domande.

Cosa sono le Scarpe Anti-Cellulite?

Le scarpe anti-cellulite sono calzature caratterizzate da una particolare forma della suola che risulta essere spessa e convessa. Esse presentano una suola sovradimensionata e arrotondata in maniera decisamente accentuata, tanto da modificare l'equilibrio una volta indossate e da imporre una sorta di "movimento oscillatorio" durante l'atto del camminare.

Le scarpe Anti-Cellulite sono realmente efficaci?

Secondo i sostenitori di calzature di questo tipo, la particolare forma della suola e il "movimento oscillatorio" di cui sopra dovrebbero sollecitare diversi muscoli - inclusi quelli che, teoricamente, non entrano in funzione durante la deambulazione - aiutando non solo a combattere la cellulite ma anche contribuendo a perdere peso e a rassodare i muscoli di gambe e glutei, il tutto mentre si eseguono le normali attività quotidiane. Oltre a ciò, la particolare forma delle scarpe dovrebbe consentire di migliorare la propria postura e di alleggerire il carico del peso corporeo a livello di ginocchia e anche.

In realtà, le prove scientifiche a riguardo non sono molte e il dibattito sull'efficacia di simili calzature è piuttosto acceso. Se da un lato, il miglioramento di una postura scorretta potrebbe essere plausibile secondo coloro che hanno avuto modo di utilizzarle, il presunto effetto anti-cellulite di queste particolari scarpe sembra tutt'altro che confermato.

Rimedi Efficaci contro la Cellulite

Per combattere la cellulite, è necessario agire su più fattori; innanzitutto è necessario apportare cambiamenti al proprio stile di vita laddove siano presenti comportamenti e abitudini sbagliati, soprattutto ma non esclusivamente, nel campo dell'alimentazione. Dopodiché, ad un corretto stile di vita, è indispensabile abbinare una regolare attività fisica.

Per maggiori informazioni: Cellulite: Rimedi e Attività Fisica

Non mancano poi i rimedi naturali, i cosmetici e i trattamenti medici ed estetici che si possono utilizzare - in associazione ad uno stile di vita sano - per tentare di sconfiggere il disturbo.

Per approfondire: Combattere e Sconfiggere la Cellulite

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista