Cefalea Oftalmica

Generalità

La cefalea oftalmica è una particolare forma di mal di testa accompagnata da sintomi visivi e/o fenomeni neurologici. Questa condizione non è considerata grave, ma l'insieme di questi disturbi può interferire temporaneamente con alcune attività quotidiane, come la lettura o la guida.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/02/15/cefalea-oftalmica-orig.jpeg

I sintomi visivi della cefalea oftalmica sono completamente reversibili e comprendono: fotofobia, fosfeni (flash e lampi di luce), scotomi (visione di macchie scure o colorate) e perdita transitoria della vista. Al mal di testa, inoltre, si possono associare: nausea, vertigini e formicolio agli arti superiori.

Le cause della cefalea oftalmica non sono ancora del tutto chiare. Tuttavia, sembra che questa forma di mal di testa possa dipendere principalmente dalla vasocostrizione dei vasi sanguigni che irrorano l'occhio e le sue strutture, da cui scaturisce una temporanea riduzione del flusso ematico locale. Tra i fattori che possono scatenare questa forma di mal di testa rientrano anche i difetti della vista non corretti (vizi refrattivi, quali miopia, ipermetropia o astigmatismo) e la nevralgia del nervo trigemino. La cefalea oftalmica può essere favorita, inoltre, dall'astenopia (affaticamento degli occhi) o da patologie che rendono difficoltosa la visione (come la cataratta).

La diagnosi si basa su un'accurata raccolta della storia clinica e sull'esame obiettivo. Nei soggetti che presentano episodi di cefalea oftalmica poco frequenti, il trattamento è esclusivamente sintomatico e prevede l'assunzione di analgesici ed antinfiammatori da automedicazione, come l'ibuprofene ed il naprossene. In caso di attacchi ricorrenti o particolarmente gravi è indicata, invece, una terapia di profilassi.

Cos’è la Cefalea Oftalmica

La cefalea oftalmica è una forma di mal di testa accompagnata da alterazioni della vista.

Di solito, il dolore colpisce solo un lato del cranio e compare entro un'ora dall'insorgenza dei sintomi visivi (anch'essi a coinvolgimento monolaterale).

La cefalea oftalmica è di carattere pulsante e presenta un'intensità moderata-grave. Questa forma di mal di testa può aggravarsi con il movimento (ad esempio, camminando o salendo dei gradini).

Oltre ai problemi visivi, la cefalea oftalmica può associarsi a manifestazioni neurologiche transitorie, come aumento della sensibilità ai suoni, nausea e vomito.

Cause

Le cause della cefalea oftalmica non sono state individuate in modo definitivo. Tuttavia, è noto che questa forma di mal di testa dipenda dall'innescarsi di particolari meccanismi, tra cui un'alterazione del sistema di regolazione del dolore e da un'anomala risposta a livello neurologico a determinati stimoli. Quest'alterata reattività è comune a quasi tutte le persone colpite da cefalea oftalmica e risulta favorita da condizioni di vario tipo (es. disidratazione, affaticamento visivo, stress ecc.).

Fattori predisponenti

Alla base della cefalea oftalmica, pare sia implicata una combinazione di fattori genetici e vascolari:

  • Cause genetiche: in alcuni soggetti affetti da questa forma di cefalea, sono state identificate specifiche anomalie ereditarie;
  • Cause vascolari: il disturbo può risultare da una riduzione temporanea del flusso sanguigno (vasocostrizione), provocata dall'improvviso restringimento dei vasi che irrorano il bulbo oculare e le strutture ad esso correlate.

La cefalea oftalmica può essere associata, inoltre, a specifiche patologie della vista, come:

  • Difetti visivi non corretti (miopia, ipermetropia o astigmatismo);
  • Affaticamento degli occhi (astenopia);
  • Malattie oculari che rendono difficoltosa la visione (come nel caso della cataratta).

Talvolta, la cefalea oftalmica può originare da un'infiammazione del nervo trigemino.

Fattori aggravanti e/o scatenanti

I fattori che possono favorire o aggravare un episodio di cefalea oftalmica sono numerosi e comprendono:

La cefalea oftalmica può essere anche la conseguenza di affezioni sistemiche di varia natura, come l'aterosclerosi, il lupus eritematoso sistemico o l'anemia falciforme. In altre parole, il mal di testa è un sintomo che viene indotto da una concomitante patologia.

Chi è più a rischio

Le persone che tendono a sviluppare la cefalea oftalmica sono soprattutto le giovani donne (di solito, entro i 40 anni d'età). Inoltre, il disturbo si verifica più comunemente nei soggetti che hanno una predisposizione personale o familiare a manifestare un'emicrania con aura.

Sintomi e Complicazioni

La cefalea oftalmica si manifesta con attacchi ripetuti di mal di testa di tipo emicranico, associato a disturbi visivi. Ogni episodio dura da pochi minuti a diverse ore.

La cefalea oftalmica può interferire temporaneamente con alcune attività, come la lettura o la guida.

Cefalea oftalmica: disturbi visivi

I sintomi visivi che accompagnano gli attacchi di cefalea oftalmica sono completamente reversibili. Di solito, queste manifestazioni durano dai 5 ai 20 minuti (non si protraggono mai per più di un'ora). Il mal di testa persiste, invece, più a lungo (dalle 4 ore fino a casi limite di 2-3 giorni).

I sintomi visivi associati alla cefalea oftalmica comprendono:

  • Fotofobia (aumento della sensibilità alla luce);
  • Aumento della lacrimazione;
  • Visione di macchie cieche, scure o colorate, fisse o scintillanti nel campo visivo (scotomi);
  • Percezione di lampi di luce o flash in assenza di luce (fotopsie);
  • Perdita parziale della vista o cecità temporanea.

Mal di testa nella cefalea oftalmica: caratteristiche

Il mal di testa che accompagna la cefalea oftalmica colpisce solo un lato del cranio. Il dolore compare entro un'ora dai problemi alla vista e, di solito, è di carattere pulsante e d'intensità grave-moderata.

La cefalea oftalmica può aggravarsi durante lo svolgimento di attività quotidiane (es. camminando o salendo dei gradini) e può essere associata a:

  • Repulsione per il cibo, nausea e/o vomito (nelle crisi particolarmente forti);
  • Ipersensibilità o fastidio per odori (osmofobia) e rumori (fonofobia);
  • Vertigini;
  • Diminuzione della forza muscolare;
  • Formicolii, sensazione di intorpidimento e riduzione della sensibilità di un arto o di metà del corpo (tipicamente, le parestesie iniziano in una mano, si diffondono al braccio e possono coinvolgere l'emivolto omolaterale);
  • Perdita di sensibilità del palato;
  • Difficoltà ad esprimersi verbalmente ed articolare le parole (disturbi del linguaggio di tipo afasico);
  • Impaccio nei movimenti di un'estremità.

Diagnosi

In caso di cefalea oftalmica, è consigliabile effettuare una visita oculistica molto approfondita. La diagnosi di questo tipo di mal di testa è spesso considerata "di esclusione"; altre condizioni possono provocare, infatti, problemi visivi simili.

L'aspetto più importante da tenere in considerazione è che, durante un episodio di cefalea oftalmica, i sintomi visivi sono monolaterali, cioè coinvolgono un solo occhio.

Un medico può diagnosticare la cefalea oftalmica esaminando l'anamnesi personale e familiare, raccogliendo informazioni relative ai sintomi sperimentati dal paziente.

Diagnosi differenziale

Prima di formulare la diagnosi di cefalea oftalmica, è importante escludere altre possibili cause di cecità monoculare transitoria (amaurosis fugax), quali:

Terapia

Affrontare in modo adeguato la cefalea oftalmica, aiuta a ridurre la frequenza degli attacchi e ne limita i disagi associati.

Il primo passo da attuare per gestire e prevenire gli episodi di cefalea oftalmica consiste nel ridurre o, se possibile, eliminare i fattori scatenanti, attuando alcune modificazioni dello stile di vita (es. abitudini legate al sonno o dieta). Se il controllo di questi stimoli è inefficace, è possibile ricorrere alla terapia farmacologica

In ogni caso, l'approccio più appropriato alla cefalea oftalmica deve sempre tenere in considerazione le indicazioni individuali stabilite dal medico, formulate in relazione all'entità del disturbo, alla sintomatologia ed alle esigenze personali del paziente.

Trattamento sintomatico

Nei soggetti che manifestano pochi episodi di cefalea oftalmica nel corso di un anno, il trattamento farmacologico è mirato ad alleviare il dolore e controllare rapidamente la sintomatologia associata all'attacco di mal di testa.

Tra i farmaci più utilizzati nella terapia sintomatica rientrano gli anti-infiammatori non steroidei (FANS, come l'aspirina o l'ibuprofene) ed i triptani (principi attivi vasocostrittori).

Trattamento preventivo

In alcuni casi, contro la cefalea oftalmica è utile ricorrere ad una terapia farmacologica di profilassi o preventiva.

Quando il disturbo si presenta spesso (almeno 5 crisi al mese) oppure i sintomi sono molto gravi, un neurologo specializzato nella cura delle cefalee può indicare una terapia di profilassi, finalizzata a ridurre la frequenza e la gravità degli attacchi. Questo tipo di trattamento farmacologico prevede l'assunzione regolare di farmaci, spesso su base giornaliera.

Le principali classi di medicinali sono:

Il medico sceglierà se prescriverli sia in base alla frequenza degli attacchi di cefalea oftalmica che all'età del paziente; seguire le sue indicazioni aiuta ad affrontare il problema nel modo migliore possibile.

Altri interventi utili

Una strategia utile per contrastare la cefalea oftalmica è l'uso di occhiali per correggere eventuali disturbi o prevenire l'affaticamento eccessivo degli occhi.

Altro intervento efficace per prevenire il disturbo consiste nell'agire su tutti quelli che possono essere i fattori ambientali.

In caso di cefalea oftalmica causata da stress, ad esempio, è possibile ricorrere a rimedi naturali, quali l'assunzione di infusi di valeriana, camomilla e melissa ad azione calmante, così come la pratica dello yoga.

Qualche consiglio

Alcuni accorgimenti dietetico-comportamentali possono contribuire ad attenuare i sintomi della cefalea oftalmica. Questi comprendono:

  • Evitare fattori che possono favorire la comparsa di mal di testa, come il fumo di sigaretta, gli ambienti scarsamente areati, il consumo di alcolici, il caldo eccessivo e l'esposizione a rumori intensi;
  • Limitare il consumo di alimenti che possono contenere glutammato monosodico, nitriti e lattosio implicati nell'insorgenza di attacchi di mal di testa: latticini, formaggi stagionati, cibo cinese, uova, cioccolato, agrumi, pomodoro ecc.
  • Sottoporsi a periodiche visite di controllo presso un oculista di fiducia, proprio per evitare che la mancata consapevolezza di un dato disturbo (es. miopia, astigmatismo, ipermetropia ecc.) possa causare una cefalea oftalmica o qualsiasi altro tipo di problema.

ARTICOLI CORRELATI

Mal di Testa: Cause, Sintomi e Classificazione Emicrania: Definizione e Sintomi Rimedi Mal di Testa Vino: anidride solforosa, solfiti e mal di testa Cefalea a Grappolo Aura Visiva Cefalea Tensiva Cefalea Tensiva - Farmaci per la Cefalea Tensiva Emicrania Oftalmica Farmaci per curare il Mal di Testa Mal di Testa in Gravidanza Mal di Testa nel Bambino Rimedi per la Cefalea Triptani Mal di testa: il ruolo degli ormoni Mal di testa nei bambini Emicrania: Cura e Trattamento Neo Optalidon - Foglietto Illustrativo Sintomi Cefalea Sintomi Emicrania Zomig - Foglietto Illustrativo Almogran - Foglietto Illustrativo Auradol - Foglietto Illustrativo Cefalea - Erboristeria Cefalee tensive e disordini cranio-mandibolari Dieta e mal di testa Emicrania: Diagnosi Fasi e Sintomi dell'Emicrania - Cause di Emicrania Imigran - Foglietto Illustrativo Levobren - Foglietto Illustrativo Levopraid - Foglietto Illustrativo Mal di testa: Cause e Sintomi Maxalt - Foglietto Illustrativo Optalidon - Foglietto Illustrativo Sandomigran - Foglietto Illustrativo Sumatriptan - Farmaco Generico - Foglietto Illustrativo Tachicaf - Foglietto Illustrativo Tisana contro il mal di testa Tisana contro il mal di testa al rosmarino Tisana contro l'emicrania Tisana contro la cefalea Tisana contro le cefalee Tisane contro la cefalea Mal di testa su Wikipedia italiano Headache su Wikipedia inglese Vista annebbiata Strabismo Daltonismo Ambliopia (occhio pigro) Test per Daltonici Tavole di Ishihara Rottura dei Capillari dell’Occhio Visita Ortottica Vista e difetti della vista su Wikipedia italiano Visual perception su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 19/02/2018

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Che cos’è l’emicrania oftalmica? Che cos’è l’emicrania retinica? Caffè e Mal di Testa Mal di testa: attenzione all’abuso di farmaci Cefalea ipnica: che cos’è? Mal di testa: perché è frequente in primavera? Mal di testa da gelato: cause Mal di testa da gelato: come evitarlo Il computer causa mal di testa? Mal di testa da aereo: cause Mal di testa da aereo: come si manifesta Odori e rumori: causano mal di testa? Mal di testa e sbalzi climatici Mal di testa nella terza età Mal di testa e consumo di alcolici Mal di testa e digiuno Cefalea a grappolo: le persone più colpite Diario del mal di testa: come va compilato Mal di testa e rapporti sessuali Vista dei Cani Come lo strabismo altera la visione binoculare Lo sviluppo della visione e lo strabismo nei bambini Lo strabismo negli adulti Pseudostrabismo Occhi disallineati: l’importanza di un trattamento precoce Il 3D fa male agli occhi dei bambini? Lo strabismo è ereditario? Ambliopia: come riconoscere l’occhio pigro Che cos’è l’ambliopia tossica? Ambliopia: in che cosa consiste l’occlusione diretta? Tetris: il videogioco che allena l’occhio pigro Quando occorre fare la prima visita oculistica ad un bambino? Glaucoma: quali sono le conseguenze sulla vista? Quali fattori aumentano il rischio di glaucoma? Glaucoma: quali segnali non sono da sottovalutare? Come viene identificato il glaucoma? Il glaucoma si può prevenire? Che cos’è il glaucoma congenito? Glaucoma a pressione normale Il glaucoma può dipendere da altre malattie? Glaucoma pseudoesfoliativo e glaucoma pigmentario Glaucoma e apnea del sonno: esiste una relazione? Contro il glaucoma, un computer grande come la punta di una penna Che cos’è la sindrome da visione al computer? Affaticamento oculare: quali sono i rimedi più indicati? Cataratta: quanto dura un cristallino artificiale? La rivoluzione del laser a femtosecondi per curare la cataratta Quali furono i primi approcci per trattare la cataratta? Come è nato il primo cristallino artificiale? Dalton e la scoperta del daltonismo Quali esami consentono di valutare la sensibilità cromatica? Perché i daltonici sono quasi sempre maschi? L’alterata sensibilità ai colori è solo ereditaria? Quali forme di daltonismo esistono? Occhiali per daltonici e prospettive future Che cos’è il nistagmo fisiologico? Come pulire gli occhiali Come proteggere gli occhi dal freddo Anche gli occhi hanno un loro linguaggio L’igiene oculare quotidiana Leggere con poca luce fa male alla vista? L’occhio quando fissa un oggetto è fermo oppure no? Adattamento degli occhi alla luce e al buio Quali effetti produce l'ipertensione arteriosa sistemica sugli occhi? Uomini e donne vedono allo stesso modo?