Attività Fisica e Colesterolo

Benefici dell'attività fisica

Se ben strutturata, l'attività fisica si è dimostrata capace di ridurre i livelli di VLDL, quindi i trigliceridi plasmatici, ed aumentare quelli di HDL, quindi il colesterolo buono.

Colesterolo Attività fisicaMeno certa appare la capacità di ridurre le lipoproteine LDL (colesterolo cattivo); di conseguenza, se aumentano i valori di HDL ma rimangono grossomodo stabili i livelli di LDL, nel complesso il colesterolo totale può aumentare leggermente. È comunque importante ricordare che tale fenomeno non deve in alcun modo preoccupare, dato che è a carico esclusivamente della frazione buona (HDL), con conseguente diminuzione del vero predittore del rischio cardiovascolare: il rapporto LDL/HDL.

 

Colesterolo LDL / Colesterolo HDL
Rischio cardiovascolare* Uomini Donne
Molto basso (dimezzato) 1 1.47
Medio 3.55 3.22
Rischio moderato (raddoppiato) 6.35 5.0
Molto Alto (triplicato) 8 6.14

Stile di Vita

Per quanto esposto, la lotta contro gli elevati livelli di colesterolo LDL non può prescindere da quella contro la sedentarietà.

Malattie cardiovascolari, come prevenirle (regole base, OMS)

Altrettanto importante è intervenire con ulteriori modifiche del proprio stile di vita; particolare attenzione andrà posta all'astensione dal fumo, alla perdita di peso, ove necessario, e ad eventuali modifiche dell'apporto alimentare. Solo in un secondo momento si dovrà pensare ai farmaci, indicati solamente quando la modifica dello stile di vita, dopo sei settimane, risulta inefficace.

Ricordando che il rischio di incidenti cardiovascolari è quantificabile sulla base di molti altri fattori di rischio (vedi articolo specifico), ricordiamo come la pratica di attività fisica moderata - tutti i giorni o quasi - comporti una riduzione del 30-50%  del rischio di subire malattie coronariche, rispetto alla popolazione sedentaria e a parità di altri fattori di rischio.

Gli effetti positivi sulla salute cardiovascolare raggiungibili attraverso l'attività fisica sono massimi per chi passa dalla sedentarietà alla pratica di regolare attività fisica di intensità moderata.


HDl e malattie cardiovascolari

Dall'immagine in alto si nota come bassi valori di colesterolo HDL siano associati ad un aumento significativo del rischio cardiovascolare.

Persone con livelli plasmatici di colesterolo HDL inferiori a 40 mg/dL sono esposte ad un maggiore rischio di sviluppare coronaropatia, restenosi dopo angioplastica e morire per cause cardiovascolari, specie se sussistono ulteriori fattori di rischio: sesso maschile, essere in menopausa, fumare e soffrire di malattie come diabete ed ipertensione non perfettamente controllate con i farmaci.

Importanza di Perdere Peso

L'attività aerobica regolare aumenta i livelli di colesterolo HDL dal 3 al 9% in persone adulte, sane e precedentemente sedentarie. L'aumento dei livelli di HDL registrabile è tanto maggiore quanto minori sono i livelli iniziali di colesterolo HDL, e quanto più alti sono i valori di trigliceridi e grasso addominale.

Da una metanalisi di un grande gruppo di studi è emerso che nelle persone in sovrappeso per ogni kg di peso perduto si assiste ad un aumento di circa 0.35 mg/dL dei livelli plasmatici di colesterolo HDL. Tale effetto si ottiene soltanto se la perdita di peso è stabile, quindi se il peso raggiunto viene mantenuto nel tempo.

Sembra quindi che i maggiori benefici dell'attività fisica sui livelli di colesterolo HDL siano correlati alla perdita di peso che essa promuove.

Quale attività fisica?

Il grado di attività fisica consigliabile per ottenere buoni risultati, in termini di riduzione della colesterolemia LDL e del rischio cardiovascolare, si può così quantificare:

almeno 5 giorni alla settimana di attività fisica ad intensità moderata per 30-40 minuti al giorno, oppure almeno 3 giorni alla settimana di attività fisica ad intensità elevata per 20-30 minuti al giorno. Altre linee guida consigliano almeno 150 minuti alla settimana di esercizio fisico con intensità da moderata a vigorosa.

L'attività fisica ad intensità moderata non porta all'esaurimento delle forze ed equivale, ad esempio, a camminare di buon passo (4/5 km/h), ad usare la bicicletta da camera od il tappeto rotante senza troppa fatica, a praticare nuoto non competitivo o ad impegnarsi in danze popolari. Per attività fisiche intense si intendono, ad esempio, la ginnastica aerobica, il jogging, il tennis o gare di nuoto.

Per valutare l'intensità dell'esercizio fisico si può far riferimento anche alla frequenza cardiaca, come illustrato in questo articolo.

Attività fisica e colesteroloIl binomio tra gli esercizi aerobici succitati e l'attività di resistenza con pesi od elastici, è attualmente considerata uno dei migliori protocolli contro sovrappeso ed obesità, che insieme all'ipercolesterolemia rientrano tra i fattori di rischio più importanti per le malattie cardiovascolari, specie quando l'adipe in eccesso si concentra a livello addominale.

Esistono controindicazioni?

In un soggetto sano ed in buona salute non esiste alcuna controindicazione alla pratica di regolare attività fisica, indipendentemente dal grado di intensità a cui viene svolta. Un consulto medico preventivo è comunque sempre utile e diviene essenziale in presenza di alcune condizioni: malattie cardiovascolari (angina, infarto, ictus, claudicatio intermittens), ridotta tolleranza agli sforzi fisici (fiato corto, dolore o senso di pressione al petto che sopraggiunge durante l'esercizio fisico), grave osteoporosi, terapie farmacologiche in corso, frequenti episodi di vertigini o svenimenti, e stati patologici in genere.



ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisica Attività fisica e Diabete di tipo 2 Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisico Benefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2 Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea? Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2 Osteoporosi, fratture ed attività fisica Acqua ed attività sportiva Adattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisica Analisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzate Anziani ed attività fisica: screening cardiologico Apparato respiratorio e attività fisica negli anziani Attività agonistica e prevenzione delle infezioni Attività agonistica, infezioni e vaccinazioni Attività fisica e collasso cardiaco Attività fisica e funzionalità cardiorespiratoria Attività fisica e gravidanza Attività fisica e lombalgia Attività fisica e sport nell'età evolutiva Attività fisica e sport nella terza età Attività fisica ed invecchiamento Attività fisica in gravidanza Attività fisica per bambini Attività sportiva ed obesità Attività sportive e impegno cardiovascolare Attività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrire Attività fisica e Ipertensione Attività fisica ed Ipertensione ATTIVITA' FISICA E OBESITA' ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESS Benefici e rischi dell'attività fisica nell'obesità Benessere e attività fisica Cellulite, dieta e attività fisica Curare la Cellulite - Alimentazione ed Attività Fisica DIABETE: Attività fisica e diabete mellito Dieta ed esercizio fisico Idratazione e attività fisica Il soggetto obeso e l'attività fisica Ipertensione ed attività fisica Ipertensione ed attività fisica: controindicazioni? Obesità, ormoni ed esercizio fisico Patologie cardiovascolari e attività sportiva Prevenzione, salute e attività fisica Quanto mangiare prima dell’attività fisica Sedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisica Sforzo Cardiovascolare - Attività Sportive Sistema immunitario ed esercizio fisico Soffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisica Stress ed attività fisica
Ultima modifica dell'articolo: 14/09/2018