Allergia allo Sperma
Ultima modifica 21.12.2021
INDICE
  1. Cos’è
  2. Cause e Fattori di Rischio
  3. Sintomi e Complicanze
  4. Diagnosi
  5. Cura e Rimedi

Cos’è

Cosa s’intende per Allergia allo Sperma?

L'allergia allo sperma è una reazione d'ipersensibilità che si verifica durante o dopo il contatto con il liquido seminale.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2021/12/16/allergia-allo-sperma-orig.jpeg Shutterstock

L'allergia allo sperma si presenta come una tipica risposta allergica localizzata o sistemica. I sintomi più comuni includono arrossamento, gonfiore, dolore, prurito e sensazione di bruciore nella vagina che, di solito, inizia circa 10-30 minuti dopo il contatto con lo sperma. Tuttavia, i sintomi non sono limitati solo ai genitali, in quanto l'allergia può causare orticaria, angioedema, problemi di respirazione o anafilassi, una reazione allergica pericolosa per la vita.

Le allergie allo sperma possono essere, quindi, piuttosto gravi.

Fortunatamente, l'uso del preservativo può aiutare a prevenire il fenomeno, così come l'assunzione di un antistaminico prima di avere rapporti sessuali non protetti. I trattamenti di desensibilizzazione spesso hanno successo.

L'allergia allo sperma può essere confusa, a volte, con la vaginite, la candidosi o un'infezione a trasmissione sessuale. Tuttavia, c'è un modo affidabile per capire la differenza: se i sintomi si manifestano poco dopo aver fatto sesso senza preservativo, la causa potrebbe essere un'allergia allo sperma.

Terminologia e Sinonimi

  • Allergia al liquido seminale
  • Ipersensibilità al liquido seminale
  • Allergia da contatto con lo sperma

Allergia allo Sperma: Quanto è comune?

Secondo l'International Society for Sexual Medicine, un'allergia allo sperma (nota anche come ipersensibilità al plasma seminale) è una rara reazione allergica alle proteine ​​presenti nel liquido seminale.

La prevalenza dell'allergia da contatto con lo sperma nella popolazione generale non è chiara. Alcune stime suggeriscono che possa manifestarsi nell'8% delle donne, ma la condizione è probabilmente sottostimata a causa della sua natura sensibile.

Le evidenze disponibili suggeriscono che:

  • L'allergia allo sperma si osserva esclusivamente nelle donne;
  • Oltre il 40% delle donne affette presenta sintomi dopo il primo rapporto sessuale;
  • Più del 60% viene diagnosticato tra i 20 ei 30 anni, ma ci sono segnalazioni di donne che diventano sintomatiche per la prima volta dopo la menopausa;
  • Esiste un'associazione significativa con una storia personale o familiare di atopia, in particolare in quelli con reazioni sistemiche.

Cause e Fattori di Rischio

Allergia allo Sperma: Quali sono le Cause?

Le cause dell'allergia allo sperma non sono ancora del tutte chiare, ma diverse evidenze sostengono l'ipotesi di un'interruzione della normale immunomodulazione del tratto genitale femminile.

Questa può verificarsi attraverso:

  • Cambiamenti riproduttivi e ormonali (es. gravidanza, menopausa)
  • Interventi chirurgici o procedure mediche a livello tratto genitale (es. legatura delle tube, isterectomia, inserimento di un dispositivo intrauterino ecc.);
  • Predisposizione genetica (come nel caso della "vulvovaginite seminale allergica" familiare, riportata in una serie di casi di una madre e tre figlie con reazioni localizzate allo sperma sin dal primo contatto).

A provocare l'allergia allo sperma, è il "plasma seminale umano" (HSP), termine utilizzato per indicare i componenti del seme umano diversi dagli spermatozoi. Le reazioni allergiche alle proteine ​​nell'HSP si presentano, di solito, come reazioni sistemiche o reazioni vaginali localizzate durante o dopo il rapporto sessuale vaginale. Queste risposte anomale possono essere prevenute dall'uso del preservativo.

Reazione Allergica Sistemica allo Sperma

Una reazione sistemica allo sperma è tipicamente dovuta all'ipersensibilità di tipo I con successivo sviluppo di immunoglobuline di classe E (IgE) contro le proteine nel liquido seminale. 

Nell'allergia allo sperma possono essere coinvolti più allergeni. Tra questi, si ritiene che l'antigene prostatico specifico (PSA), una glicoproteina da 33-34 kD, svolga un ruolo fondamentale.

Per approfondire: Antigene Prostatico Specifico - PSA: Cos'è?

Reazione Allergica Locale allo Sperma

A differenza della risposta sistemica, una reazione localizzata non sembra coinvolgere le IgE. Sebbene ci siano state segnalazioni occasionali di reazioni di ipersensibilità di tipo III e di un'eruzione cutanea fissa, il meccanismo immunitario sottostante alla maggior parte delle allergie da contatto localizzate evocate dallo sperma è sconosciuto.

Sintomi e Complicanze

Allergia allo Sperma: Quali sono le Caratteristiche Cliniche?

L'allergia al liquido seminale può presentarsi come una reazione localizzata o una risposta sistemica. I sintomi possono comparire dopo il primo rapporto o dopo il rapporto successivo.

Una revisione dei casi di allergia da contatto con lo sperma ha riportato che:

  • Il 31% delle donne ha manifestato solo sintomi vulvovaginali localizzati
  • Il 28% ha manifestato solo sintomi sistemici
  • Il 39% soffriva di sintomi sia localizzati, che sistemici
  • L'1% ha sviluppato un'eruzione cutanea fissa

Ulteriori casi studio descrivono:

  • Ripetute esacerbazioni di asma dopo il rapporto
  • Reazione sistemica dopo il contatto topico con il liquido seminale.

Reazione Allergica Locale allo Sperma: Come si Manifesta

  • Insorgenza immediata dei sintomi dopo il contatto con il liquido seminale
  • Grave bruciore vulvovaginale, prurito o formicolio
  • Rossore, gonfiore e, meno comunemente, formazione di vescicole intorno alla vulva e all'apertura vaginale

Reazione Allergica Sistemica allo Sperma: Quali Sintomi?

  • Insorgenza entro 30 minuti fino a diverse ore dopo l'esposizione
  • Prurito e/o edema vulvare e vaginale
  • Prurito generalizzato, orticaria e/o angioedema che spesso coinvolgono viso, labbra, lingua, e gola e possono o meno essere preceduti da sintomi localizzati iniziali
  • Sintomi respiratori come dispnea, respiro sibilante, stridore, oppressione toracica, tosse, naso che cola e starnuti
  • Sintomi gastrointestinali come nausea, vomito e diarrea
  • Reazioni anafilattiche pericolose per la vita con ipotensione profonda e collasso cardiovascolare, tuttavia fino ad oggi non sono stati segnalati decessi

Durata e Cos’Altro è Utile Sapere

  • La risoluzione dei sintomi si verifica in genere entro 24 ore, sebbene il dolore vulvovaginale localizzato, l'orticaria e il malessere possano persistere per diversi giorni o settimane
  • L'aumento dell'intensità della reazione con le successive esposizioni è una caratteristica comune.
  • Dopo l'esordio iniziale, di solito, i sintomi insorgono con tutti i successivi contatti, indipendentemente dal partner. Tuttavia, la reazione allergica può essere limitata ad un partner specifico.

I sintomi sono completamente prevenuti dall'uso del preservativo.

Quali sono le Complicazioni dell'Allergia allo Sperma?

Le complicanze dell'allergia da contatto con lo sperma includono l'impatto emotivo sull'individuo e sulle sue relazioni, da cui possono conseguire:

Tuttavia, è bene sapere che:

  • L'allergia allo sperma non è associata all'infertilità primaria;
  • Una gestione specifica, come discusso di seguito, può consentire il concepimento naturale;
  • L'inseminazione artificiale previo lavaggio degli spermatozoi è generalmente ben tollerata, sebbene vi siano stati casi di allergia persistente.

Diagnosi

Esami per la Diagnosi di Allergia allo Sperma

Spesso, la diagnosi dell'allergia allo sperma si basa solo sulla storia clinica, ma possono essere realizzate le seguenti indagini per escludere altre cause:

Le indagini per confermare l'allergia allo sperma possono includere un test cutaneo utilizzando quali antigeni le proteine del liquido seminale ottenute dal partner sessuale della paziente (in breve: l'eiaculato fresco viene liquefatto a temperatura ambiente per 30 minuti, quindi centrifugato a 5000 giri per separare gli spermatozoi dal liquido seminale). Quest'ultimo deve essere contemporaneamente sottoposto a prick test come controllo. Un falso negativo può verificarsi con l'uso di antistaminici o per effetto di diluizione di altre proteine irrilevanti.

Gli anticorpi IgE siero-specifici contro il liquido seminale intero o le proteine plasmatiche seminali frazionate si trovano in tutte le donne con reazioni sistemiche, ma non vengono rilevati in modo coerente in quelle con reazioni localizzate.

Diagnosi differenziale

Altre condizioni che dovrebbero essere considerate in un paziente con sintomi indicativi di allergia allo sperma possono includere:

  • Fattori fisici (es. introito piccolo)
  • Vulvovaginite
  • Vulvodinia
  • Dermatite irritativa da contatto a varie sostanze come: lubrificanti, spermicidi, sapone, carta igienica profumata o prodotti per l'igiene femminile
  • Dermatite allergica da contatto ad un altro allergene come il lattice del preservativo
  • Alcune forme di orticaria cronica (es. dermatografismo sintomatico, orticaria indotta dall'esercizio ecc.)
  • Trasferimento al liquido seminale di un allergene alimentare (es. arachidi) o farmaco (es. penicillina) o un metabolita di un farmaco
  • Broncocostrizione indotta dall'esercizio o asma post-coitale innescata dall'attività sessuale
Per conoscere altre possibili Cause: Bruciore Durante i Rapporti Sessuali o Dopo

Cura e Rimedi

Allergia allo Sperma: Qual è il Trattamento previsto?

La gestione generale dell'allergia allo sperma può includere:

  • Educazione e consulenza
  • Evitare l'allergene (es. astinenza, uso di un contraccettivo di barriera come il preservativo)
  • Antistaminico orale assunto 30-60 minuti prima del rapporto può ridurre la gravità di una reazione non anafilattica
  • Autoiniettore di adrenalina per tutti i pazienti con una storia di reazione sistemica o che tendono a sviluppare reazioni estreme.

La gestione specifica dell'allergia allo sperma può includere:

  • Desensibilizzazione intravaginale utilizzando almeno due o tre volte alla settimana diluizioni del liquido seminale intero. In pratica, una donna può essere desensibilizzata utilizzando concentrazioni crescenti del liquido seminale del suo partner, somministrato per via intravaginale. Gli esiti di trattamento tendono ad essere variabili.
  • Desensibilizzazione sottocutanea alle relative proteine ​​plasmatiche seminali frazionate ottenute dal partner sessuale del paziente. Questa strategia elimina i sintomi in > 95% delle donne nel tempo. Per mantenere la tolleranza, le donne devono essere esposte allo sperma almeno due o tre volte alla settimana.

Allergia allo Sperma e Gravidanza

Nessuna forma di allergia allo sperma è stata associata all'infertilità. Nonostante ciò, la condizione può mettere a dura prova qualsiasi relazione e, a volte, può rendere difficile il concepimento praticando rapporti sessuali, ma non dovrebbe influire sulla gravidanza una volta iniziata. Inoltre, non esistono prove documentate di allergie allo sperma che predispongano ad un aborto spontaneo.  

Vedi anche Allergie Correlate al Sesso: Quali Sono e Come Interpretare i Segnali

Autore

Giulia Bertelli
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici