Vene del Braccio

Generalità

Le vene del braccio sono i vasi venosi dell'arto superiore, a patto però che il termine "braccio" indichi il tratto anatomico compreso tra mano e spalla.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/08/vene-di-un-braccio-orig.jpeg

Secondo la più classica delle visioni anatomiche, le vene del braccio sono distinguibili in due grandi categorie: le vene del braccio superficiali e le vene del braccio profonde.
Alla categoria delle vene del braccio superficiali appartengono: la vena basilica, la vena cefalica, la vena cubitale mediana e la vena ascellare; alla categoria delle vene del braccio profonde, invece, fanno parte: la vena radiale, la vena ulnare, la vena brachiale e le vene perforanti del braccio.
Le vene del braccio possono essere protagoniste di alcune importanti condizioni patologie particolare; inoltre, possono trovare impiego nel campo della chirurgia vascolare, della medicina generale e della cardiochirurgia.

Breve ripasso di cos'è una vena

In anatomia umana, rientra nell'elenco delle vene qualsiasi vaso sanguigno preposto al trasporto di sangue dalla periferia (dove per periferia s'intendono i tessuti e gli organi dell'organismo) al cuore.
Contrariamente a ciò che molte persone pensano, nelle vene NON scorre soltanto sangue non ossigenato (cioè privo di ossigeno); a dimostrare quanto appena affermato è l'esistenza delle vene polmonari, ossia i vasi venosi destinati a trasportare il sangue ricco di ossigeno dai polmoni al cuore, affinché quest'ultimo possa poi diffonderlo alla periferia.

Le vene differiscono dalle arterie dal punto di vista strutturale: rispetto alle seconde, le prime sono meno estensibili e meno spesse.

Cosa sono le Vene del Braccio?

Le vene del braccio sono i vasi venosi dell'arto superiore, nell'accezione in cui però il termine "braccio" includa la mano e il tratto anatomico compreso tra polso e spalla.
In altre parole, secondo la visione più estesa (e meno appropriata) della parola "braccio", le vene del braccio sono le vene che, a partire dall'estremità finale dell'arto superiore (mano), percorrono tutto l'avambraccio, il gomito e tutta la sezione anatomo-scheletrica occupata dall'omero (braccio propriamente detto).

Breve puntualizzazione

In anatomia umana, il braccio (o braccio propriamente detto) è la sezione anatomica compresa tra gomito e spalla e costituita da un unico osso, l'omero.
Nel gergo comune, tuttavia, alla parola "braccio" è possibile assegnare il significato più allargato di "arto superiore".

Anatomia

Per semplificare la descrizione anatomica delle vene del braccio, gli anatomisti distinguono i suddetti vasi in due categorie: le vene del braccio superficiali e le vene del braccio profonde.

Vene del braccio superficiali

Le vene del braccio superficiali sono: la vena basilica, la vena cefalica, la vena cubitale mediana e la vena ascellare.
L'aggettivo "superficiali" indica che queste vene del braccio risiede nel sottocutaneo.

Per capire le successive descrizioni delle vene del braccio…

  • La descrizione del percorso delle vene del braccio inizia dalla periferia, in quanto la direzione di scorrimento del sangue all'interno di questi condotti vascolari è dalla periferia al cuore.
  • Se il palmo della mano è rivolto verso l'osservatore, il versante mediale dell'arto superiore è la porzione di quest'ultimo più vicina al tronco.
  • Se il palmo della mano è rivolto verso l'osservatore, il versante laterale dell'arto superiore è la porzione di quest'ultimo più lontana dal tronco.

VENA BASILICA

Di diametro non trascurabile, la vena basilica origina sul versante mediale (o ulnare) di un complesso di vasi sanguigni della mano, denominato rete venosa dorsale.

Derivante dalle cosiddette vene metacarpali dorsali della mano, la rete venosa dorsale risiede sulla fascia superficiale del dorso della mano e rappresenta il complesso venoso in cui confluisce gran parte del sangue che ha precedentemente irrorato i tessuti della mano.

Dalla rete venosa dorsale, quindi, la vena basilica comincia un percorso di risalita verso l'alto, in direzione della spalla, che la porta a collocarsi, dapprima, sulla porzione antero-mediale dell'avambraccio (dalla parte dell'ulna) e, poi, sulla porzione mediale del braccio propriamente detto (internamente all'omero).

L'ulna è, insieme al radio, una delle due ossa che costituiscono lo scheletro dell'avambraccio.
Nella situazione in cui il palmo della mano è rivolto verso l'osservatore, l'ulna giace sul versante mediale dell'arto superiore.
L'omero, invece, è l'osso del braccio propriamente detto.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/08/vene-del-braccio-basilica-cefalica-e-cubitale-mediana-orig.jpeg

Nell'intraprendere la risalita sopraccitata, la vena basilica passa ovviamente per il gomito; il suo passaggio in tale sede è anatomicamente importante, in quanto è a livello della faccia anteriore del gomito che la vena basilica si unisce, tramite la vena cubitale mediana, alla vena cefalica.
La vena basilica termina il proprio decorso poco oltre la metà del braccio propriamente detto, dopo aver perforato la cosiddetta fascia brachiale (a livello dell'epicondilo mediale dell'omero), aver raggiunto il margine inferiore del muscolo grande rotondo e aver ricevuto l'apporto di sangue venoso della vena brachiale.
A segnare la conclusione della vena basilica è la sua confluenza nella vena ascellare.

Lo sapevi che…

Le vene del braccio sporgenti sono associate a un corpo in ottima forma. È, infatti, molto comune osservarle in chi pratica sport quotidianamente e conduce uno stile di vita sano e particolarmente attivo.

VENA CEFALICA

La vena cefalica rappresenta la vena del braccio opposta alla vena basilica. Rispetto a quest'ultima, infatti, origina versante laterale (o radiale) della rete venosa dorsale e intraprende un percorso di risalita verso la spalla tale per cui occupa una posizione antero-laterale sull'avambraccio, prima, e una posizione laterale sul braccio propriamente detto, poi.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/08/vene-del-braccio-e-sport-orig.jpeg

Come affermato in precedenza, a livello del gomito (faccia superiore), la vena cefalica stabilisce un contatto indiretto con la vena basilica, attraverso la vena cubitale mediana.
Il decorso della vena cefalica termina a livello dell'ascella, dopo il passaggio in una particolare regione anatomica situata tra i muscoli deltoide e grande pettorale, e denominata solco deltopettorale.
A segnare la conclusione della vena cefalica è la sua confluenza nella vena ascellare.

Lo sapevi che…

Tra le vene del braccio, la vena cefalica è quella facilmente visibile  (specie nei soggetti normopeso) sulla porzione latero-superiore del braccio propriamente detto, in corrispondenza del margine inferiore del muscolo deltoide.

VENA CUBITALE MEDIANA

Come i lettori già sanno dalle due precedenti descrizioni, la vena cubitale mediana è la vena del braccio che mette in comunicazione, in corrispondenza della faccia anteriore del gomito, la vena basilica e la vena cefalica.
Sul gomito, la vena cubitale mediana occupa una posizione ben precisa: risiede nella cosiddetta fossa cubitale, al di sopra dell'aponeurosi bicipitale, cioè la fascia fibrosa che separa le strutture profonde della fossa cubitale da quelle superficiali.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/08/vene-del-braccio-solco-deltopettorale-e-vena-cefalica-orig.jpeg

Lo sapevi che…

Delle vene del braccio, la vena cubitale mediana è quella diviene molto evidente, al momento dell'applicazione di una pressione appena di sopra del gomito.

VENA ASCELLARE

Situata nella regione dell'ascella, la vena ascellare è un grosso vaso venoso il cui decorso inizia in corrispondenza del margine inferiore del muscolo grande rotondo e termina vicino al margine laterale della prima costola, dove diviene vena succlavia.

Il muscolo grande rotondo è un muscolo della spalla, che nasce sulla faccia posteriore della scapola e termina sulla faccia anteriore dell'omero, appena sotto una struttura chiamata collo.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/05/arteria-succlavia-e-continuazione-lungo-l-arto-superiore-orig.jpeg

Rappresentante a tutti gli effetti la continuazione delle vene braccio basilica e brachiale, la vena ascellare accoglie, durante il suo tragitto fino alla vena succlavia, diversi altri vasi venosi; tra questi vasi, meritano una citazione la già citata vena cefalica, la vena sottoscapolare, la vena omerale circonflessa, la vena laterale toracica e la vena toraco-acromiale.
Durante il suo intero percorso, la vena ascellare affianca l'arteria omonima, ossia l'arteria ascellare.

Continuazione dell'arteria succlavia, l'arteria ascellare è l'arteria da cui ha origine l'arteria brachiale, ossia il vaso arterioso deputato, con le sue numerose branche, a irrorare di sangue ossigenato le ossa e i tessuti dell'arto superiore.

Vene del braccio profonde

Le vene del braccio profonde sono: la vena radiale, la vena ulnare, la vena brachiale e le cosiddette vene perforanti del braccio.
L'aggettivo "profonde" segnala che queste vene del bracco risiede nei tessuti più profondi dell'arto superiore.

VENA RADIALE

La vena radiale è uno dei due principali vasi venosi dell'avambraccio.

Con origine nell'arcata venosa palmare profonda, questa vena del braccio profonda transita lungo il versante antero-laterale del tratto polso-gomito, sopra il radio e parallelamente all'arteria radiale.

Come già anticipato, il radio è l'osso che, assieme all'ulna, forma lo scheletro dell'avambraccio.
Nella situazione in cui il palmo della mano è rivolto verso l'osservatore, il radio giace sul versante laterale dell'arto superiore.

La vena radiale termina il proprio decorso a livello della fossa cubitale del gomito; qui, unendosi alla vena ulnare, dà vita alla vena brachiale.

VENA ULNARE

La vena ulnare è il secondo dei due principali vasi venosi dell'avambraccio.
Con origine anch'essa nell'arcata venosa palmare profonda, questa vena del braccio profonda percorre il versante antero-mediale del tratto polso-gomito, sopra l'ulna e parallelamente all'arteria ulnare.
Il percorso della vena ulnare termina a livello della fossa cubitale del gomito, dove, ripetendo quanto detto in precedenza, ha luogo la sua unione con la vena radiale e l'inizio della vena brachiale.

Lo sapevi che…

Sia la vena radiale che la vena ulnare comunicano, mediante anastomosi, con le arterie che affiancano, quindi rispettivamente con l'arteria radiale e l'arteria ulnare.

VENA BRACHIALE

La vena brachiale è la principale vena del braccio profonda del tratto anatomico compreso tra gomito e spalla.
Frutto dell'unione tra la vena radiale e la vena ulnare a livello della fossa cubitale del gomito, questa vena risale il braccio propriamente detto a fianco dell'arteria brachiale, fino al bordo inferiore del muscolo grande rotondo, sede in cui confluisce nella vena ascellare.
Nel tragitto che la porta al collegamento con la vena ascellare, la vena brachiale presenta diverse vene tributarie, le quali le "scaricano" il sangue privo di ossigeno proveniente dai muscoli bicipite brachiale e tricipite brachiale.

VENE PERFORANTI DEL BRACCIO

Le vene perforanti del braccio sono tutti quei vasi venosi minori profondi che, attraversando le fasce muscolari profonde, mettono in comunicazione le vene profonde del bracci con le vene superficiali del braccio.

Funzione

Le vene del braccio costituiscono la rete venosa che ha il compito di drenare il sangue deossigenato dai tessuti ossei e dai tessuti molli dell'arto superiore, e indirizzarlo al cuore, per la sua riossigenazione.
Più nello specifico, il vene del braccio accolgono il sangue che ha donato l'ossigeno alle ossa, ai muscoli, alla pelle ecc. della mano, dell'avambraccio e del braccio propriamente detto.

Patologie

Anche se molto più raramente delle vene dell'arto inferiore, le vene del braccio possono essere oggetto di episodi di tromboflebite.
Inoltre, per una vena del braccio come la vena ascellare, esiste la possibilità che da una lesione di questo vaso venoso dell'ascella, oltre a una grave emorragia, scaturisca anche un fenomeno chiamato embolia gassosa.

Tromboflebite: cos'è?

La tromboflebite è l'infiammazione della parete di una vena degli arti superiori o inferiori, dovuta alla formazione, nella stessa vena vittima del processo infiammatorio, di un coagulo di sangue anomalo (il cui nome specifico è trombo).
Se interessa le vene del braccio superficiali, la tromboflebite è un esempio di tromboflebite superficiale; se invece riguarda del vene del braccio profonde, la tromboflebite è un esempio di tromboflebite profonda o trombosi venosa profonda.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/08/embolia-gassosa-orig.jpeg

Embolia gassosa

L'embolia gassosa è la pericolosa condizione patologica che insorge quando una o più bolle d'aria bloccano il flusso di sangue all'interno di un vaso sanguigno.
L'embolia gassosa che scaturisce da una lesione a carico della vena del braccio ascellare è un esempio di embolia gassosa venosa.

Lo sapevi che…

La pericolosità dell'embolia gassosa è correlata alla possibilità che:

Uso Clinico

Alcune vene del braccio trovano impiego in ambito clinico-terapeutico e clinico-diagnostico.
Le vene del braccio in questione sono la vena basilica, la vena cefalica e la vena cubitale mediana.

Uso in medicina della vena basilica

La vena del braccio basilica si presta molto bene alla creazione di una fistola artero-venosa, quando serve un accesso vascolare per l'emodialisi (l'emodialisi è un trattamento per l'insufficienza renale cronica).

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/08/vene-del-braccio-venipuntura-orig.jpeg

Uso in medicina della vena cefalica

La vena del braccio cefalica è, assieme alla vena succlavia, uno dei due vasi venosi entro cui i cardiochirurghi fanno passare gli elettrocateteri indispensabili il collegamento di un pacemaker al cuore.

Uso in medicina della vena cubitale mediana

Essendo molto superficiale, la vena cubitale mediana è un'ottima candidata alla venipuntura, ossia l'operazione di puntura di una vena finalizzata a un prelievo di sangue o a un'iniezione.

In realtà, anche altre vene del braccio si prestano alla venipuntura, ma la vena cubitale mediana è in assoluto la migliore.


ARTICOLI CORRELATI

Vene varicose varici Vene Vene: anatomia Insufficienza Venosa Sistema circolatorio e problemi circolatori negli arti inferiori Insufficienza Venosa: sintomi e cure Vena Safena Vena Azygos - Vena Azigos Apparato Circolatorio Giugulari - Vene Giugulari Rimedi per l'Insufficienza Venosa Vena Cava Distensione delle vene del collo - Sintomi e cause di Distensione delle vene del collo Flebite - Erboristeria Sintomi Trombosi venosa profonda Sintomi Vene varicose Vena porta - Ipertensione portale Vene dilatate palpabili a livello scrotale: Cause e Sintomi Vene e definizione muscolare Vene varicose: cure e terapia Vene varicose: sintomi e diagnosi Vene su Wikipedia italiano Vein su Wikipedia inglese Video Esercizi per le Braccia Ascella Ossa del Braccio Ulna e Radio Muscoli dell'Avambraccio Muscoli del Braccio Omero Radio Ulna Anatomia ed esercizi per braccia e gambe Auto Massaggio per la Cellulite delle Braccia Braccia - Petto - Schiena - Spalle in Forma con i Manubri Braccia e spalle esplosive con gli elastici Braccia e Spalle per Ragazze - Arms and Shoulder for Girls Braccia gonfie: Cause e Sintomi Braccia grosse? allenale con gli esercizi giusti! Braccia grosse? Allenale con gli esercizi giusti! - Seconda Parte - Braccia grosse? allenale con gli esercizi giusti! - Terza Parte - Braccia magre e sexy Braccia Toniche e Forti Braccia Workout con Kettlebell Dolore alle braccia - Cause e Sintomi Formicolio al Braccio Destro - Cause e Sintomi Formicolio al Braccio Sinistro - Cause e Sintomi Glutei e Braccia Definiti con Elastico Tubolare ed Elastiband Muscoli motori della spalla e del braccio Otto esercizi per avere spalle e braccia toniche Palla Medica (Allenamento Petto-Braccia-Schiena-Spalle) Snellire le Braccia Vuoi braccia grosse? Allenale con una scheda ottimizzata… braccia su Wikipedia italiano Upper limb su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 14/09/2018

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ