Sulpiride: a cosa serve? Meccanismo d'azione, effetti collaterali

Sulpiride: a cosa serve? Meccanismo d'azione, effetti collaterali
Ultima modifica 26.06.2023
INDICE
  1. Che cos'è la Sulpiride?
  2. A cosa serve la Sulpiride?
  3. Avvertenze e precauzioni
  4. Interazioni
  5. Effetti indesiderati
  6. Sovradosaggio da Sulpiride
  7. Sulpiride meccanismo d'azione
  8. Dose e modo d'uso
  9. Uso in gravidanza e allattamento
  10. Controindicazioni

Che cos'è la Sulpiride?

La sulpiride è un antipsicotico atipico, appartenente alla classe dei derivati benzamidici. È un farmaco neurolettico, cioè un farmaco in grado di deprimere il sistema nervoso centrale.

La sua struttura chimica è analoga a quella della metoclopramide, un farmaco antiemetico (cioè antivomito).

Attualmente (giugno 2023), in Italia è disponibile in due differenti medicinali, entrambi adatti alla somministrazione orale e aventi nome commerciale Championyl® e Dobren®. Naturalmente, per poter essere acquistati, tali medicinali necessitano della presentazione di apposita ricetta medica.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/06/26/sulpiride---struttura-chimica-orig.jpeg Shutterstock
Sulpiride - Struttura chimica

A cosa serve la Sulpiride?

La sulpiride è indicata per il trattamento di:

Avvertenze e precauzioni

Cosa è bene sapere prima di iniziare la terapia con Sulpiride?

Prima di iniziare ad assumere la sulpiride è necessario informare il medico delle proprie condizioni di salute e della presenza di qualsivoglia disturbo o malattia. In particolare, è bene prestare cautela e informare il medico se:

Inoltre, è fondamentale sapere che, qualora dovessero comparire sintomi elencati di seguito, è necessario recarsi immediatamente dal medico in quanto possono essere sintomi di sindrome neurolettica maligna:

NOTA BENE

  • L'uso della sulpiride non deve essere fatto in bambini e adolescenti.
  • La sulpiride può causare sonnolenza, sedazione e altri effetti che possono interferire con le capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari.

Interazioni

Interazioni farmacologiche fra la Sulpiride e altri farmaci

La somministrazione di sulpiride con i seguenti farmaci deve essere evitata:

Inoltre, è sconsigliata l'assunzione concomitante di sulpiride con:

Infine, si segnala che va usata particolare cautela all'utilizzo della sulpiride con:

Ad ogni modo, prima di iniziare la terapia con sulpiride, è necessario informare il medico se si stanno assumendo, sono stati recentemente assunti, o si potrebbero assumere, farmaci o prodotti di qualsiasi tipo - anche se non riportati nei soprastanti elenchi - inclusi i farmaci senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici, gli integratori alimentari, i prodotti omeopatici, ecc.

Sulpiride con cibi, bevande e alcol

Durante il trattamento con sulpiride è necessario evitare il consumo di bevande alcoliche e l'utilizzo di medicinali contenenti alcol. Per qualsiasi dubbio, rivolgersi al medico.

Effetti indesiderati

Sulpiride effetti collaterali: quali sono?

Anche la sulpiride, come qualsiasi altro farmaco, può causare diversi effetti collaterali, anche se non tutti i pazienti li manifestano o li manifestano nello stesso modo. Difatti, ciascuna persona reagisce in maniera soggettiva alla somministrazione del farmaco, rispondendo in maniera differente al trattamento.

Ad ogni modo, fra i possibili effetti indesiderati che possono manifestarsi nel corso del trattamento con sulpiride, ricordiamo:

Nel soprastante elenco sono riportati solo alcuni degli effetti indesiderati che possono insorgere in seguito alla terapia con sulpiride. Per conoscere nel dettaglio tutti gli effetti indesiderati di un dato medicinale a base di sulpiride, consultare il foglietto illustrativo del medicinale che si deve impiegare; in qualsiasi caso, per qualsiasi dubbio o domanda è sempre bene rivolgersi al proprio medico.

Sovradosaggio da Sulpiride

I sintomi che possono comparire in seguito ad assunzione di una dose eccessiva di farmaco consistono in manifestazioni discinetiche con torcicollo spasmodico, protrusione della lingua, contrattura dei muscoli della mandibola (trisma). In alcuni casi, possono insorgere sindrome parkinsoniana grave e coma.

Nel caso si sospetti un sovradosaggio da sulpiride, pertanto, è necessario contattare immediatamente un medico o rivolgersi al più vicino centro ospedaliero, avendo cura di portare con sé la confezione del medicinale assunto.

Sulpiride meccanismo d'azione

Come agisce la Sulpiride e come espleta la sua azione terapeutica?

La sulpiride è un modulatore dei recettori D2 per la dopamina, sia a livello centrale sia periferico. Ad alti dosaggi, la sulpiride agisce principalmente come antagonista dei suddetti recettori.

Si ritiene che questo meccanismo sia connesso all'azione antipsicotica che essa è in grado di esercitare.

La sulpiride, inoltre, accanto all'attività antipsicotica possiede anche un'attività antidepressiva.

Dose e modo d'uso

Come si assume la Sulpiride?

La sulpiride può essere somministrata per via orale sotto forma di compresse o capsule. Sono disponibili differenti dosaggi. 

La posologia della sulpiride deve essere stabilita dal medico su base individuale per ciascun paziente; perciò, è fondamentale attenersi alle indicazioni da esso fornite, sia in merito a quantità di farmaco da assumere e frequenza delle somministrazione che in merito a corretto modo d'uso dello stesso e durata del trattamento.

Uso in gravidanza e allattamento

La Sulpiride può essere usata durante la gestazione e nelle madri che allattano al seno?

La sulpiride non deve essere utilizzata nelle donne in gravidanza o che sospettano di esserlo.

Le donne in età fertile devono adottare misure contraccettive efficaci per impedire l'insorgenza di eventuali gravidanze.

La sulpiride viene escreta nel latte materno, pertanto, durante il trattamento con il farmaco l'allattamento al seno deve essere evitato.

Controindicazioni

Quando la Sulpiride NON deve essere usata

L'impiego della sulpiride è controindicato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota alla stessa sulpiride e/o ad uno o più degli eccipienti contenuti nel medicinale che si deve usare;
  • In pazienti affetti da feocromocitoma;
  • Nei pazienti affetti da prolattinomi (tumori della ghiandola ipofisaria che inducono un aumento della secrezione di prolattina);
  • Nei pazienti affetti da tumori mammari;
  • In pazienti in terapia con farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson, come levodopa o ropinirolo;
  • In pazienti affetti da porfiria acuta;
  • In bambini e adolescenti;
  • In gravidanza, accertata o presunta.

Alcuni medicinali a base di sulpiride sono espressamente controindicati anche durante l'allattamento al seno.

NOTA BENE

In questo articolo si è cercato di fornire una panoramica generale sulle principali caratteristiche della sulpiride e dei medicinali che la contengono. Tuttavia, per informazioni più specifiche e dettagliate su ciascun medicinale, si rimanda ancora una volta alla lettura del foglietto illustrativo del medicinale che si deve utilizzare e al consulto con il medico. Per qualsiasi dubbio, rivolgersi a questa figura sanitaria.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista