Sintomi nascosti: possibili campanelli d'allarme per la tua salute da non trascurare

Sintomi nascosti: possibili campanelli d'allarme per la tua salute da non trascurare
Ultima modifica 10.05.2024
INDICE
  1. Introduzione
  2. L'importanza di ascoltare il corpo
  3. Sintomi nascosti cui prestare attenzione
  4. Dolore persistente
  5. Una stanchezza che non passa
  6. Insonnia
  7. Variazione inspiegabile di peso
  8. Sudorazione eccessiva
  9. Sensazione di fiato corto durante l'attività fisica
  10. Intorpidimento o formicolio
  11. Confusione mentale

Introduzione

Ci sono sintomi che mettono subito in allarme perché sono universalmente riconosciuti come "spie di pericolo", come il dolore al petto, la paralisi a un arto, la presenza di sangue nelle urine o le difficoltà respiratorie.

Tuttavia, non si tratta degli unici segnali da riferire al medico: molte malattie si manifestano in maniera più subdola e meno specifica, per cui è importante prestare attenzione anche a segnali che all'apparenza sembrano meno gravi e significativi. In particolare, ci sono otto sintomi "nascosti" che vengono spesso ignorati e che invece sarebbe meglio approfondire.

Segui il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornato su tutte le novità.

L'importanza di ascoltare il corpo

C'è una ragione se si dice che il corpo umana parla: i segni che lancia, piccoli o grandi che siano, sono quasi sempre collegati a qualche mal funzionamento o problematica, specie se persistono, per questo non andrebbero mai ignorati. Nel caso in cui si inizino ad avvertire malesseri nuovi, dunque, è importante non fare finta di nulla, ma controllare cosa succede nei giorni successivi.

Se la situazione non migliora, non bisogna pensare al peggio, ma meglio comunque rivolgersi al medico, che può analizzare la situazione e decidere se prescrivere delle cure e/o degli esami di approfondimento. Ovviamente, nel caso in cui i sintomi abbiano una carattere d'urgenza è necessario rivolgersi subito ai servizi di soccorso per ricevere un intervento tempestivo.

Sintomi nascosti cui prestare attenzione

Dolore persistente

I dolori muscolo-scheletrici sono comuni e possono dipendere da tante cause differenti, come uno sforzo, un movimento brusco o un trauma. Se però non passano e magari peggiorano, potrebbero dipendere da vere e proprie malattie, come patologie autoimmuni o sistemiche, che vanno indagate e trattare in maniera corretta.

In questi casi, il dolore potrebbe associarsi ad altre manifestazioni, come perdita di peso, mal di testa, perdita di appetito, sudorazione notturna o affaticamento.

Una stanchezza che non passa

La stanchezza è un sintomo molto comune e può essere dovuta a tantissime cause diverse, molte delle quali non preoccupanti, come un periodo stressante, il cambio di stagione, l'arrivo di un figlio e così via. Tuttavia, quando si protrae a lungo e arriva a ostacolare le attività quotidiane, incidendo sulla qualità della vita, è meglio richiedere un consulto.

Potrebbe, infatti, dipendere da malattie ben precise, che vanno curate, come:

In alcuni casi, alla base potrebbe esserci anche una carenza nutrizionale, che va compensata il primo possibile. La mancanza di vitalità ed energia potrebbe poi essere il campanello di allarme di un disturbo mentale, soprattutto se accompagnata da una perdita di interesse per le cose che di solito attraggono.

Insonnia

Una notte o un periodo di cattivo sonno possono capitare a tutti, per esempio a causa di un'alimentazione scorretta, preoccupazioni ricorrenti, eventi particolari. Tuttavia, se l'insonnia è frequente potrebbe essere legata a problematiche specifiche, come l'apnea notturna, alterazioni della tiroide, disturbi neurologici.

Anche disturbi mentali, come la depressione e l'ansia, possono influenzare la capacità di addormentarsi e/o mantenere il sonno.

Variazione inspiegabile di peso

Un aumento o una perdita di peso inspiegabile, non dovuta a una variazione nello stile di vita, e in particolare nelle abitudini alimentari e nell'attività fisica, deve sempre far drizzare le antenne. Infatti, si tratta di un sintomo che può essere legato a diverse problematiche, come alterazioni ormonali o malattie della tiroide, dei reni o del cuore.  

Sudorazione eccessiva

La sudorazione è un meccanismo naturale che l'organismo mette in atto quando si surriscalda per disperdere il calore in eccesso. Quando è abbondante, però, non è solo fastidiosa, ma è indice di qualcosa che non va. Potrebbe essere il campanello di allarme di problemi alla tiroide, diabete, disturbi del sistema nervoso, infezioni, menopausa.

Sensazione di fiato corto durante l'attività fisica

Se ci si sente improvvisamente senza fiato mentre si compiono i normali allenamenti la colpa potrebbe essere di una forma di asma comparsa in età adulta, soprattutto se sono presenti anche altri sintomi come tosse, respiro sibilante o senso di costrizione toracica.  In alcuni casi, poi, la sensazione di fiato corto mentre ci si allena potrebbe essere il campanello di allarme di una malattia cardiaca.

Intorpidimento o formicolio

Una sensazione di spilli e aghi nelle mani o dei piedi non va mai sottovalutata, così come una mancanza di sensibilità. È possibile, infatti, che si tratti di manifestazioni correlate a un'alterazione della glicemia, a problematiche alla tiroide o a problemi nervosi come la sindrome del tunnel carpale

Intorpidimento e formicolio possono anche essere un segno di attacco cardiaco, anche se non si avverte dolore al petto.

Confusione mentale

Sentirsi poco concentrati e poco lucidi mentalmente dopo una notte o un periodo insonne è normale. Tuttavia, se la confusione mentale, il pensiero lento e l'incapacità di concentrarsi si protraggono a lungo, meglio chiedere un parere medico. Si tratta, infatti, di segnali che potrebbero dipendere da problematiche come squilibri ormonali, infezioni, intossicazioni, carenze di micronutrienti, disbiosi intestinale, difetti nella trasmissione nervosa.

Si potrebbe trattare anche degli effetti collaterali di alcuni farmaci. In tutti questi casi potrebbero essere presenti altri segni come estrema stanchezza, mal di testa, dolori muscolari, ansia e depressione.