Muscoli dell'Avambraccio di A.Griguolo

Generalità

I muscoli dell'avambraccio sono i muscoli con sede, totalmente o solo in parte, lungo la porzione anatomica compresa tra gomito e polso.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/06/25/muscoli-dell-avambraccio-orig.jpeg

I muscoli dell'avambraccio sono in totale 20; di questi 20 elementi muscoli, 8 compongono il cosiddetto compartimento anteriore dell'avambraccio (muscoli dell'avambraccio anteriore), mentre i restanti 12 costituiscono il cosiddetto compartimento posteriore dell'avambraccio (muscoli dell'avambraccio posteriore).

Per capire…

I muscoli del corpo umano presentano sempre due estremità: un'estremità chiamata prossimale, che corrisponde alla loro origine, e un'estremità denominata distale, che corrisponde alla loro sezione terminale.
In corrispondenza delle suddette estremità, tutti i muscoli presentano uno o più tendini, i quali sono le bande di tessuto connettivo fibroso deputate alla loro connessione all'apparato scheletrico.

In anatomia, i tendini presenti all'estremità dei muscoli rappresentano l'origine e l'inserzione terminale di questi.

Cosa i Muscoli dell'Avambraccio?

I muscoli dell'avambraccio sono i muscoli le cui fibre prendono posto, totalmente o solo in parte, nella sezione anatomo-scheletrica costituita da ulna e radio.
Il fatto che i suddetti muscoli risiedano nella sezione anatomo-scheletrica composta da ulna e radio non implica, necessariamente, un loro legame alle ossa citate; in altre parole, nell'avambraccio ci sono muscoli che non interagiscono in alcun modo con l'ulna o con il radio.

Definizione di Avambraccio in breve

L'avambraccio è la regione anatomica dell'arto superiore compresa il braccio, sul fronte prossimale, e la mano, sul fronte distale (assumendo, ovviamente, che l'arto superiore sia disteso lungo il corpo e il palmo della mano sia rivolto verso l'osservatore).
Al confine con il braccio, c'è l'articolazione del gomito, la quale unisce ulna e radio all'omero (cioè l'osso del braccio); al confine con la mano, invece, c'è l'articolazione del polso, la quale mette in comunicazione ulna e radio con ossa del carpo.

Breve ripasso dei termini prossimale-distale

"Prossimale" significa "più vicino al centro del corpo" o "più vicino al punto d'origine"; "distale", invece, vuol dire "più lontano dal centro del corpo" o "più distante dal punto d'origine.
Esempi:

  • Il femore è prossimale rispetto alla tibia, la quale è distale rispetto al femore.
  • Nel femore, l'estremità confinante con il tronco è l'estremità prossimale, mentre l'estremità confinante con il ginocchio è l'estremità distale.

Anatomia

I muscoli dell'avambraccio sono suddivisibili in due grandi categorie: la categoria dei muscoli dell'avambraccio anteriore (o categoria dei muscoli del compartimento anteriore dell'avambraccio) e la categoria dei muscoli dell'avambraccio posteriore (o categoria dei muscoli del compartimento posteriore dell'avambraccio).

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/04/ossa-del-braccio-radio-e-ulna-orig.jpeg
Ulna e Radio

Muscoli dell'avambraccio anteriore

I muscoli dell'avambraccio anteriore sono i muscoli situati nella parte di avambraccio che è in continuità con il palmo della mano.
I muscoli dell'avambraccio anteriore sono in totale 8 e si dispongono su tre piani di profondità differenti, chiamati piano superficiale, piano intermedio e piano profondo.

MUSCOLI DEL PIANO SUPERFICIALE

Tutti con origine da un tendine che trova inserzione sull'epicondilo mediale dell'omero, i muscoli dell'avambraccio anteriore appartenenti al piano superficiale sono 4: il flessore ulnare del carpo, il palmare lungo, il flessore radiale del carpo e il pronatore rotondo.

  • Flessore ulnare del carpo. Dotato di due capi d'origine (uno sull'omero e uno sull'ulna), il flessore ulnare del carpo contribuisce ai movimenti di flessione e adduzione del polso.
    Estremità prossimale: con un capo origina dall'epicondilo mediale dell'omero; con l'altro capo, invece, origina dall'olecrano dell'ulna.
    Estremità distale: si aggancia all'osso pisiforme del carpo.
    Innervazione: spetta al nervo ulnare.
    Irrorazione: spetta all'arteria ulnare.
  • Palmare lungo. Il palmare lungo è un muscolo assente in circa il 15% della popolazione.
    Contribuisce alla flessione del polso.
    Estremità prossimale: origina dall'epicondilo mediale dell'omero.
    Estremità distale: si aggancia sul legamento trasverso del carpo, anche noto come retinacolo dei flessori.
    Innervazione: spetta al nervo mediano
    Irrorazione: spetta all'arteria ulnare.
  • Flessore radiale del carpo. Il flessore radiale del capo contribuisce ai movimenti di flessione e abduzione del polso.
    Estremità prossimale: origina dall'epicondilo mediale dell'omero.
    Estremità distale: si aggancia alla base del II e del III metacarpo della mano.
    Innervazione: spetta al nervo mediano.
    Irrorazione: spetta all'arteria radiale.
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/06/28/muscoli-dell-avambraccio-compartimento-anteriore-orig.jpeg
  • Pronatore rotondo. Dotato anch'esso di due capi d'origine (uno sull'omero e uno sull'ulna), il pronatore rotondo provvede al movimento di pronazione dell'avambraccio.
    Estremità prossimale: con un capo trae origine dall'epicondilo mediale dell'omero; con l'altro capo, invece, trae origine dal processo coronoideo dell'ulna.
    Estremità distale: si aggancia sul corpo del radio, esattamente a metà della superficie laterale.
    Innervazione: spetta al nervo mediano.
    Irrorazione: spetta all'arteria ulnare e all'arteria radiale.

MUSCOLI DEL PIANO INTERMEDIO

A comporre il piano intermedio dell'avambraccio anteriore è un muscolo soltanto: il flessore superficiale delle dita.

  • Flessore superficiale delle dita. Il flessore superficiale delle dita contribuisce alla flessione delle dita della mano (pollice escluso); infatti, controlla il movimento in flessione delle articolazioni metacarpo-falangee e interfalangee prossimali.
    Estremità prossimale: possiede due capi d'origine, uno con sede sul radio e uno con sede sull'epicondilo mediale dell'omero.
    Estremità distale: si suddivide in 4 capi terminali, in quali si agganciano alla base (lato anteriore) delle falangi intermedie delle 4 dita della mano che seguono il pollice (c'è un capo terminale per ogni falange intermedia).
    Innervazione: spetta al nervo mediano.
    Irrorazione: spetta all'arteria ulnare.

MUSCOLI DEL PIANO PROFONDO

I muscoli dell'avambraccio appartenenti al piano profondo sono (ovviamente) tre e prendono il nome di: flessore profondo delle dita, flessore lungo del pollice e pronatore quadrato.

  • Flessore profondo delle dita. Il flessore profondo delle dita contribuisce alla flessione della mano e delle dita (pollice escluso); infatti, controlla il movimento in flessione del polso, delle articolazione interfalangee e delle articolazioni metacarpo-falangee.
    Estremità prossimale: trae origine in più punti: dalla superficie mediale del corpo dell'ulna, dalla membrana interossea interposta tra ulna e radio, e dalla fascia profonda dell'avambraccio.
    Estremità distale: si suddivide in 4 capi terminali, i quali si agganciano alle falangi distali del secondo, terzo, quarto e quinto dito della mano.
    Innervazione: spetta, in parte, al nervo ulnare e, in parte, alla branca interossea anteriore del nervo mediano.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea anteriore (sottobranca di una branca dell'arteria ulnare).

Cos'è la membrana interossea radio-ulnare?

La membrana interossea radio-ulnare è un sottile foglietto di tessuto fibroso che, interposto tra ulna e radio, unisce indirettamente le suddette ossa.

  • Flessore lungo del pollice. Situato in posizione laterale rispetto al flessore profondo delle dita, il flessore lungo del pollice provvede alla flessione del pollice; infatti, controlla i movimenti dell'articolazione interfalangea e metacarpo-falangea del primo dito della mano.
    Estremità prossimale: trae origine a metà della superficie anteriore del radio e sull'adiacente membrana interossea.
    Estremità distale: si aggancia alla base della falange distale del pollice.
    Innervazione: spetta alla branca interossea anteriore del nervo mediano.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea anteriore.
  • Pronatore quadrato. Di forma quadrata, contribuisce al movimento di pronazione dell'avambraccio.
    Estremità prossimale: origina sulla superficie anteriore mediale dell'ulna.
    Estremità distale: si aggancia sulla superficie anteriore laterale del radio.
    Innervazione: spetta alla branca interossea anteriore del nervo mediano.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea anteriore.

Lo sapevi che…

Il flessore profondo delle dita è il muscolo dell'avambraccio a cui spetta l'esclusivo compito di controllare la flessione delle articolazioni interfalangee distali.

Muscoli dell'avambraccio posteriore

I muscoli dell'avambraccio posteriore sono i muscoli situati nella parte di avambraccio che è in continuità con il dorso della mano.
I muscoli dell'avambraccio posteriore sono in tutto 12 e si dispongono su solo due piani di profondità diversi, i cui nomi sono piano superficiale e piano profondo.

MUSCOLI DEL PIANO SUPERFICIALE

I muscoli dell'avambraccio posteriore appartenenti al piano superficiale sono 7 e si chiamano: brachioradiale, estensore radiale lungo del carpo, estensore radiale breve del carpo, estensore delle dita, estensore del dito mignolo, estensore ulnare del carpo e anconeo.

  • Brachioradiale. Ha un ruolo cardine nella flessione del gomito.
    Estremità prossimale: origina dalla cresta sopracondiloidea laterale dell'omero
    Estremità distale: si aggancia al processo stiloideo del radio (sull'epifisi distale del radio).
    Innervazione: spetta al nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria radiale ricorrente.
  • Estensore radiale lungo del carpo. Situato in posizione laterale, si occupa dell'estensione e dell'abduzione del polso.
    Estremità prossimale: origina dalla cresta sopracondiloidea laterale dell'omero.
    Estremità distale: trova aggancio sul II metacarpo.
    Innervazione: spetta al nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria radiale.
  • Estensore radiale breve del carpo. Situato in posizione laterale, vicino all'estensione radiale lungo del carpo, supporto quest'ultimo nei movimenti di estensione e abduzione del polso.
    Estremità prossimale: trae origine dall'epicondilo laterale dell'omero.
    Estremità distale: si aggancia alla base del III metacarpo.
    Innervazione: spetta al nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria radiale.
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/06/28/muscoli-dell-avambraccio-compartimento-posteriore-piano-superficiale-orig.jpeg
  • Estensore delle dita. Provvede all'estensione delle dita a livello delle articolazioni metacarpo-falangee e interfalangee.
    Estremità prossimale: trova inserzione sull'epicondilo laterale dell'omero.
    Estremità distale: si suddivide in 4 capi terminali, i quali si agganciano alle falangi intermedie e distali del secondo, terzo, quarto e quinto dito della mano.
    Innervazione: spetta alla branca profondo del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea posteriore (branca dell'arteria ulnare).
  • Estensore del dito mignolo. Parallelo all'estensione delle dita (e in alcuni individui fuso a quest'ultimo), controlla l'estensione del dito mignolo e contribuisce all'estensione del polso.
    Estremità prossimale: trae origine dalla porzione anteriore dell'epicondilo laterale dell'omero.
    Estremità distale: si aggancia alla base della falange prossimale del dito mignolo.
    Innervazione: spetta alla branca profonda del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea posteriore.
  • Estensore ulnare del carpo. Situato in posizione mediale, provvede all'adduzione e all'estensione del polso.
    Estremità prossimale: origina dall'epicondilo laterale dell'omero.
    Estremità distale: trova aggancio alla base del V metacarpo.
    Innervazione: spetta alla branca profonda del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria ulnare.
  • Anconeo. Di piccole dimensioni e posto vicino al gomito, provvede all'estensione e alla stabilizzazione del gomito, e all'abduzione dell'ulna, durante la pronazione dell'avambraccio.
    Estremità prossimale: origina dell'epicondilo laterale dell'omero.
    Estremità distale: si aggancia in due punti distinti dell'ulna, sull'olecrano e sulla superficie posteriore dell'estremità prossimale.
    Innervazione: spetta al nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria brachiale profonda e all'arteria interossea ricorrente.

Lo sapevi che…

L'estensore radiale breve del carpo, l'estensore delle dita, l'estensore ulnare del carpo e l'estensore del dito mignolo condividono, a livello dell'estremità prossimale, lo stesso tendine.

MUSCOLI DEL PIANO PROFONDO

I muscoli dell'avambraccio posteriore situati nel piano profondo sono (ovviamente) 5 e sono conosciuti come: supinatore, abduttore lungo del pollice, estensore breve del pollice, estensore lungo del pollice ed estensore proprio del dito indice.

  • Supinatore. Situato in posizione laterale, controlla il movimento di supinazione dell'avambraccio.
    Estremità prossimale: possiede due capi d'origine, uno agganciato all'epicondilo laterale dell'omero e uno agganciato alla cresta supinatoria dell'ulna (sull'epifisi prossimale dell'ulna).
    Estremità distale: si aggancia in un punto della sezione prossimale del corpo del radio.
    Innervazione: spetta alla branca profonda del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria radiale ricorrente.
  • Abduttore lungo del pollice. Situato appena sotto il supinatore, provvede all'abduzione del pollice.
    Estremità prossimale: origina in un punto della membrana interossea e delle vicine superficie di radio e ulna.
    Estremità distale: trova inserzione sulla superficie laterale della base del 5 metacarpo.
    Innervazione: spetta alla branca interossea posteriore del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea posteriore.
  • Estensore breve del pollice. Leggermente mediale rispetto all'abduttore del pollice e collocato appena sotto, controlla l'estensione delle articolazioni metacarpo-falangee e carpo-metarcarpali del pollice.
    Estremità prossimale: trae origine in un punto della superficie posteriore del radio e nella porzione di membrana interossea limitrofa.
    Estremità distale: si aggancia sulla falange prossimale del pollice.
    Innervazione: spetta alla branca interossea posteriore del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea posteriore.
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/06/28/muscoli-dell-avambraccio-compartimento-posteriore-piano-profondo-orig.jpeg
  • Estensore lungo del pollice. Provvede all'estensione di tutte le articolazioni del pollice (quindi le carpo-metacarpali, le metacarpo-falangee e le interfalangee).
    Estremità prossimale: origina in un punto della superficie posteriore dell'ulna collocato a circa metà osso e nella porzione di membrana interossea limitrofa.
    Estremità distale: trova inserzione sulla falange distale del pollice.
    Innervazione: spetta alla branca interossea posteriore del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea posteriore.
  • Estensore proprio del dito indice. Si occupa dell'estensione del dito indice.
    Estremità prossimale: trae origine in un punto della superficie posteriore della porzione distale dell'ulna e nella porzione di membrana interossea limitrofa.
    Estremità distale: si aggancia all'aponeurosi dorsale del dito indice.
    Innervazione: spetta alla branca interossea posteriore del nervo radiale.
    Irrorazione: spetta all'arteria interossea posteriore.

Funzione

Ordinando le informazioni fornite nel precedente capitolo in merito alle funzioni dei singoli muscoli dell'avambraccio, risulta che:

  • I muscoli dell'avambraccio anteriore provvedono alla flessione del polso e delle dita della mano, alla pronazione dell'avambraccio, all'adduzione del polso e all'abduzione del polso.
  • I muscoli dell'avambraccio posteriore, invece, controllano l'estensione del polso e delle dita della mano, la supinazione dell'avambraccio, la flessione del gomito, l'estensione del gomito e l'abduzione del pollice.

Lo sapevi che…

In virtù della loro funzione estensoria, i muscoli dell'avambraccio posteriore sono anche detti muscoli estensori dell'avambraccio.

Antonio Griguolo

L'autore

Antonio Griguolo

Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza


ARTICOLI CORRELATI

Muscoli del corpo umano Ipertrofia muscolare MUSCOLO QUADRICIPITE Il muscolo scheletrico Muscolo cardiaco (miocardio) Miochine: il ruolo endocrino del muscolo scheletrico Numero di ripetizioni ottimale per allenare i muscoli addominali Unità motorie Relazioni Fisiche e Contrazione Muscolare Eminenza Tenar Sarcopenia Crampi alle Mani: Cosa Sono? Cause e Sintomi Associati. Quando Preoccuparsi? Apparato Locomotore Atrofia Muscolare Spinale - SMA Distrofia muscolare di Duchenne Fisiologia Muscolare: Breve Descrizione Muscoli del Braccio Muscoli della Coscia Muscoli della Gamba Miosite Quiz anatomia funzionale muscoli Allenare o allungare i Muscoli Tonico Posturali e quelli Fasici? ANATOMIA ADDOME Anatomia del muscolo scheletrico e delle fibre muscolari Anca e femore: veduta posteriore, origini e inserzioni muscolari Classificazione dei muscoli Diaframma: il muscolo della serenità Forza e muscoli Innervazione dei muscoli e reticolo sarcoplasmatico Ipertrofia dei muscoli accessori della respirazione: Cause e Sintomi Ipertrofia muscolare: un approccio globale Ipostenia - Cause e Sintomi Meccanica muscolare e lesioni muscolari Meccanica muscolare e Lesioni Muscolari - Seconda Parte Miofibrille e sarcomeri Muscoli del cammino e della corsa Muscoli del corpo umano - Anatomia - Muscoli della respirazione Muscoli innervati dai nervi che originano dai metameri lombari e dorsali MUSCOLI ISCHIOCRURALI Muscoli motori del busto Muscoli motori dell'anca Muscoli motori dell'avambraccio Muscoli motori della gamba Muscoli motori della spalla e del braccio Muscoli pennati Muscoli posteriori dell'anca Muscoli Tonico Posturali e Fasici MUSCOLO ABDUTTORE LUNGO DEL POLLICE MUSCOLO ADDUTTORE BREVE MUSCOLO ADDUTTORE LUNGO muscoli su Wikipedia italiano Muscolo su Wikipedia inglese braccia su Wikipedia italiano Upper limb su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 12/02/2019

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ