Speciale: Dormire bene

L'impatto del clima sul sonno: come adattare la routine di sonno al cambiamento stagionale

L'impatto del clima sul sonno: come adattare la routine di sonno al cambiamento stagionale
Ultima modifica 17.04.2024
INDICE
  1. Impatto del clima sul sonno
  2. I cambiamenti climatici
  3. I fattori che influenzano il sonno durante i cambiamenti climatici
  4. Consigli per adattare la propria routine di sonno ai cambiamenti stagionali

Impatto del clima sul sonno

Il sonno è uno dei pilastri fondamentali della nostra salute, ma, anche se non abbiamo particolari problemi a dormire le nostre 7-8 ore necessarie per il benessere generale, quando il clima cambia potremmo soffrirne. Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che ci sono collegamenti diretti tra i cambiamenti climatici e i disturbi del sonno, con un aumento dei casi di insonnia e difficoltà nel dormire durante periodi di caldo e freddo estremi. E allora come adattare la nostra routine di sonno per affrontare i cambiamenti stagionali?

I cambiamenti climatici

Secondo diversi studi i cambiamenti climatici possono portare a un aumento dell'insonnia e della difficoltà nel dormire. Durante le ondate di calore estremo, ad esempio, il nostro corpo può avere difficoltà a regolare la temperatura interna, causando sudorazione e disagio durante la notte. Allo stesso modo, il freddo eccessivo possono rendere difficile il rilassamento dei muscoli e causare un sonno più agitato.

Ad esempio uno studio condotto dall'Università di San Diego ha messo in relazione gli effetti dell'aumento del riscaldamento globale con insonnia e disturbi del sonno negli Stati Uniti e ha concluso che, in effetti, le ondate di calore anomale che si registrano da qualche annoa questa parte hanno effetti diretti sul sonno. Non è una sorpresa dal momento che in letteratura ci sono tantissime evidenze sul ruolo della temperatura nella qualità del sonno.

Per approfondire: Rimedi per l'Insonnia

I fattori che influenzano il sonno durante i cambiamenti climatici

Secondo gli esperti, ci sono diversi fattori che possono influenzare il sonno durante i cambiamenti stagionali:

  • Temperatura ambiente: le variazioni estreme di temperatura possono influenzare il modo in cui il nostro corpo regola la temperatura interna durante il sonno. Un ambiente troppo caldo o troppo freddo può compromettere la qualità del sonno e costringerci a svegliarci frequentemente di notte, interrompendo il sonno.
  • Umidità: un'umidità eccessiva può rendere l'ambiente poco confortevole (causando la classica sensazione di appiccicaticcio sulla pelle e difficoltà a respirare bene), al contrario uno scarso tasso di umidità può causare secchezza delle vie respiratorie e irritazione.
  • Luce: durante i mesi estivi, le giornate più lunghe e la luce intensa possono interferire con la produzione di melatonina, l'ormone che regola il ciclo sonno-veglia. Ciò può rendere più difficile addormentarsi e ridurre la qualità complessiva del sonno.
  • Rumore: i cambiamenti climatici possono anche portare a un aumento del rumore ambientale, come temporali o venti forti, che possono disturbare il sonno e causare risvegli durante la notte.

Consigli per adattare la propria routine di sonno ai cambiamenti stagionali

Ecco alcuni consigli pratici per garantire un sonno di qualità durante tutto l'anno:

  • Regolare la temperatura della stanza tra i 18°C e i 21°C. Utilizzare ventilatori, condizionatori d'aria o riscaldamenti per mantenere un ambiente confortevole durante la notte.
  • Ridurre al minimo il rumore e la luce nella stanza da letto, per creare un ambiente tranquillo. Utilizzare tapparelle o tende oscuranti per bloccare la luce esterna ed eventualmente acquistare un dispositivo per il rumore bianco per mascherare i suoni ambientali. Può essere utile anche utilizzare l'aromaterapia per rilassarsi e favorire il sonno
  • Svolgere attività rilassanti prima di andare a letto, come leggere un libro, ascoltare musica o praticare la meditazione, può aiutare a preparare mente e corpo al sonno. Evitare l'uso dei dispsitivi elettronici almeno unora prima di coricarsi: anche l'insonnia digitale è molto diffusa ed è nemica del sonno!
  • Seguire una routine regolare: andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno può aiutare a stabilizzare il ritmo sonno-veglia e migliorare la qualità complessiva del sonno.
  • Investire in un buon materasso e biancheria da letto: un materasso confortevole e lenzuola di alta qualità possono fare la differenza nella qualità del sonno. Scegliere materiali traspiranti e leggeri per favorire la circolazione dell'aria e ridurre la sudorazione durante la notte. Alcuni coprimaterassi sono realizzati in materiali innovativi che favroiscono la termoregolazione corporea.

Fonti

Nighttime temperature and human sleep loss in a changing climate

Autore

Mi occupo di contenuti per il web da ormai 15 anni e proprio come la Rete sono in continua evoluzione. Cresco insieme ai miei bambini che sanno di me cose che io non so e amo giocare con loro, con un indice sempre sulla tastiera. Anche se a volte sogno il silenzio