Difese immunitarie basse: quali sono i segnali?

Difese immunitarie basse: quali sono i segnali?
Ultima modifica 25.10.2021
INDICE
  1. Introduzione
  2. Sintomi Difese Immunitarie Basse
  3. Altri sintomi Difese Immunitarie Basse

Introduzione

Un sistema immunitario che funziona garantisce una vita sana. Tuttavia, quando si hanno le difese immunitarie basse è possibile che insorgano raffreddore, fenomeni allergici, asma o eczemi, ma anche patologie autoimmuni, come l'artrite reumatoide o il diabete di tipo 1. Ecco quali sono i segnali delle difese immunitarie basse e come sostenerle a tavola con alimenti in grado di potenziare il sistema immunitario.

Sintomi Difese Immunitarie Basse

I sintomi delle difese immunitarie basse sono diversi, dalle più comuni, come raffreddore, mal di gola o infiammazioni frequenti, alla secchezza oculare, fino ai problemi intestinali. Tra i primi sintomi che rivelano uno stato di deficit immuniario c'è proprio il raffreddore, una condizione molto fastidiosa e spesso debilitante: naso che cola, starnuti, spossatezza si manifestano il più delle volte. Altri sintomi simili includono sinusite cronica, otite e bronchite recidivante. 

Stanchezza 
Uno dei sintomi delle difese immunitarie basse è proprio la stanchezza. Quella tipica sensazione di scarsa lucidità e spossatezza che solitamente si avverte già appena svegli, come quando si soffre di influenza, potrebbe essere un segnale, così come lo stress e l'ansia. Altri sintomi, correlati alla stanchezza e al sistema immunitario che non risponde correttamente sono i dolori muscolari e alle articolazioni, l'insonnia o un sonno non ristoratore.

Guarigione lenta e stati infiammatori
Il sistema immunitario non solo difende l'organismo dagli attacchi patogeni di batteri e virus, ma svolge la fondamentale funzione di cicatrizzare e promuovere una perfetta guarigione. Se le tempistiche si allungano, oppure è necessario ricorrere agli antibiotici per più volte in poco tempo, significa che le difese immunitarie sono molto basse. 

Altri sintomi di difese immuunitarie basse sono:

  • Mal di gola: un chiaro segnale che i livelli di globuli bianchi possono non essere a norma;
  • Allergie e sfoghi cutanei: allergie, sia quelle per via aerea, come il raffreddore da fieno e l'allergia a polline e acari, sia eczemi ed eritemi cutanei. Questi ultimi infatti sono un chiaro segnale che le difese immunitarie della pelle non stanno svolgendo la loro funzione di scudo protettivo contro gli agenti patogeni.
  • Sensazione estrema di caldo e febbre: vampate di calore improvvise o aumento della temperatura corporea improvviso e senza stati febbrili o influenza evidenziano che il sistema immunitario potrebbe esere in deficit per via di un'infezione in corso.

Difese Immunitarie: cosa mettere nel piatto?

Scegliere cosa mettere in tavola può aiutare nel sostegno del sistema immunitario. In particolare, è utile inserire nel regime alimentare gli ortaggi verdi, come cavolo verzabietolespinacibroccolicavolini di Bruxelles. Il merito della loro bontà sta nei composti fitochimici salutari di cui sono ricchi. Non dimenticare lo yogurt, ricco di fermenti lattici,il pesce, purchè non sia inscatolato o affumicato, come tonno, salmonepesce azzurro, come alici, sardinesgombri, indispensabili per sostenere il sistema immunitario, in quanto fonte preziosa di omega 3. E ancora: le noci contengono elevate concentrazioni di omega 6, i kiwi forniscono all'organismo notevoli quantità di vitamina C (alleata nel contrastare raffreddori e infezioni alle vie respiratorie), papaya e i frutti di bosco, cecifagiolilenticchie e cereali integrali. Alleati delle difee immunitarie anche aglio e curcuma

E il cioccolato? È un ottimo alimento in quanto contiene serotonina, conosciuta come "l'ormone della felicità", endorfine, efficaci inibitori del dolore, e la difenildantonina, antidepressiva. Soprattutto, il cioccolato stimola la produzione di linfociti T, che agiscono contro le infezioni. 

Altri sintomi Difese Immunitarie Basse

Disturbi intestinali. Colite e dissenteria, con scariche di diarrea che perdura da oltre una settimana, è un chiaro segnale della presenza di uno stato infiammatorio e alterato della flora batterica intestinale e del tratto digestivo. Il sistema immunitario, in questo caso, sta attaccando il rivestimento interno dell'intestino tenue. Al contrario, anche la stitichezza, e quindi un rallentamento della peristalsi, potrebbero essere sintomo di difese immunitarie basse che ostacolerebbe il corretto transito intestinale delle feci

Mani, orecchie e naso freddi. Se i vasi sanguigni sono infiammati, le estremità difficilmente riusciranno a mantenersi calde. Esponendosi alle temperature fredde, la pelle può diventare biancastra e addirittura violacea. Si tratta della cosiddetta sindrome di Raynaud: ossia una carenza di ossigeno agli arti provocata da un disturbo del sistema immunitario.

Secchezza oculare. Occhi secchi e rossi, dolore oculare, vista offuscata sono spesso conseguenza di un disturbo autoimmune, come l'artrite reumatoide e il lupus.

Formicolio in mani e piedi. Spesso si è portati a credere che il formicolio che si avverte a mani e piedi sia causa di una postura o posizione sbagliata di braccia e gambe. Tuttavia questa condizione indica che vi è in corso un attacco del sistema immunitario a carico dei nervi. Si può avvertire intorpidimento a gambe, mani e petto, ossia la cosiddetta sindrome di Guillain-Barre, sovente confusa con la polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.