Perché tenere un diario del sonno aiuta a dormire meglio

Perché tenere un diario del sonno aiuta a dormire meglio
Ultima modifica 29.11.2021
INDICE
  1. Come l’insonnia influisce sulla salute
  2. Cos’è e come funziona il diario del sonno
  3. A cosa serve il diario del sonno
  4. I comportamenti che peggiorano la qualità del sonno
  5. I comportamenti che migliorano la qualità del sonno

Avere una buona qualità del sonno è fondamentale per mantenersi attivi e in salute durante il giorno.

Purtroppo però sono tante le persone che soffrono di insonnia o sviluppano altri problemi legati al riposo in ogni sua fase, dal momento di addormentarsi, alla notte, fino alla sveglia.

Per contrastare questo fenomeno può essere utile tenere un diario del sonno, nel quale annotare gli eventi del giorno e della notte e capire quali siano, se esistono, quelli che ne disturbano la serenità.

Per combattere l'insonnia si può anche sperimentare il metodo 4-7-8.

Come l’insonnia influisce sulla salute

Dormire bene è fondamentale e non farlo si ripercuote negativamente durante l'arco di tutta la giornata seguente. I problemi derivati da un riposo che nei fatti non lo è sono soprattutto legati a una scarsa capacità di concentrazione o portare a termine compiti quotidiani e a una minore memoria ed efficienza.

Anche lo stress aumenta in caso di insonnia, così come, pare, la probabilità di sviluppo di sintomi depressivi

In particolare, è necessario il sonno profondo

Se i sintomi dell'insonnia sono cronici e debilitanti è fondamentale rivolgersi a un medico che sia in grado di capire l'origine del problema e mettere in atto strategie conseguenti.

In caso invece il problema sia più lieve potrebbe bastare cambiare alcune abitudini per migliorare la situazione.

Per capire quali siano quelle nocive per il proprio riposo, uno strumento molto utile potrebbe rivelarsi il diario del sonno.

Cos’è e come funziona il diario del sonno

Il diario del sonno non è altro che un quaderno nel quale annotare appunti e abitudini che riguardano questo aspetto della vita.

Le cose a cui è necessario prestare attenzione e che dovrebbero essere riportate sul diario sono le seguenti.

  • Orario in cui si va a letto.
  • Quantità di tempo necessario per addormentarsi.
  • Orario della sveglia.
  • Se ci si sveglia durante la notte, quante volte succede.
  • Quanto è stato ristoratore il sonno.
  • Cosa potrebbe aver disturbato il sonno.
  • Eventuali bevande contenenti caffeina consumate durante il giorno.
  • Eventuali bevande alcoliche consumate durante il giorno.
  • Eventuali farmaci presi durante il giorno.
  • Se si è fatto sport, quanto e a che ora.
  • Attività svolte un'ora prima di andare a letto.

A cosa serve il diario del sonno

Tenere un diario del sonno può essere inutile per avere sotto gli occhi la panoramica della propria giornata, così da potersi soffermare anche su dettagli che se non annotati potrebbero sfuggire pur essendo determinanti per la qualità del sonno.

Molto spesso i problemi legati alla qualità del riposo nascono da abitudini errate che però non sempre sono uguali per tutti.

Per questo cercare di capire quali siano quelle che possano avere nel proprio caso effetti negativi è fondamentale per potervi porre rimedio.

Utilizzare il diario del sonno, inoltre, mette in maggiore sintonia con questo momento della giornata, spesso dato per scontato e vissuto con poca importanza e che invece meriterebbe di essere vissuto e preparato nel miglior modo possibile, partendo proprio dall'adottare abitudini positive e dall'interrompere quelle negative.

Scrivere quello che accade nel corso della giornata può aiutare a capire non solo le attività che peggiorano il sonno, ma anche quelle che lo migliorano.

Se ad esempio una mattina in cui ci si sente di aver riposato meglio rispetto ad altre ci si accorge che la sera prima non si è usato il cellulare nell'ora precedente all'addormentamento, quello potrebbe essere un segnale che suggerisce di allontanarsi dai device la sera.

Oppure ci si potrà rendere conto di riuscire ad addormentarsi più profondamente dopo un allenamento intenso e di conseguenza decidere di introdurre in modo stabile il fitness serale nella propria routine.

Oltre a tenere un diario del sonno, per dormire meglio esistono altri metodi efficaci.

I comportamenti che peggiorano la qualità del sonno

Anche se ogni persona vive il sonno in modo diverso, esistono eventi notoriamente noti per essere nemici del sonno.

  • Assumere bevande contenenti caffeina nelle 6 ore prima di dormire.
  • Bere alcolici prima di dormire. Molte persone credono che assumere alcool la sera possa aiutare ad addormentarsi. Questo in piccola parte è vero visto che può provocare sonnolenza, tuttavia allo stesso tempo porta ad un sonno molto frammentato e a frequenti risvegli.
  • Dormire durante il giorno. Molte persone durante la pausa pranzo fanno un piccolo sonnellino ma benché si tratti di un'abitudine all'apparenza ristoratrice, con il passare del tempo potrebbe rovinare il sonno notturno.
  • Usare cellulari, tablet o apparecchi elettronici fino al momento di addormentarsi. L'esposizione a fonti luminose come quelle dei display dei device, infatti, inibisce la produzione di melatonina, l'ormone primario per la regolazione del sonno.

I comportamenti che migliorano la qualità del sonno

Allo stesso modo, esistono abitudini che possono migliorare il riposo.

  • Fare attività fisica circa 5 - 6 ore prima di dormire. Questa attività aumenterebbe la profondità, la durata e la qualità del sonno.
  • Andare a dormire sempre alla stessa ora.
  • Dormire al buio e in una stanza dalla temperatura non troppo elevata, che non superi i 19 – 20 gradi.