Bronchite Asmatica: Cos'è? Cause, Sintomi, Diagnosi, Terapia e Prevenzione di A.Griguolo

Generalità

La bronchite asmatica è la condizione medica che risulta quando, alla presenza di asma, si aggiunge una forma di bronchite acuta.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/10/21/bronchite-asmatica-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

La bronchite asmatica riconosce numerose cause, tra cui, tanto per citare gli esempi più importanti, le infezioni virali a carico dell'albero bronchiale, l'esposizione a un qualche allergene o a un eccessivo inquinamento ambientale e il tabagismo.
La bronchite asmatica scatena una sintomatologia abbastanza articolata, che comprende: tosse con produzione di catarro, mancanza di respiro, respiro sibilante durante l'espirazione, aumento della frequenza respiratoria, senso di costrizione al torace ecc.
La presenza di bronchite asmatica impone il ricorso a una combinazione di trattamenti: un trattamento per la gestione dell'asma, un trattamento contro la causa scatenante la condizione in corso (per questo è fondamentale una diagnosi accurata) e, infine, un trattamento per alleviare la sintomatologia della bronchite acuta. 

Breve ripasso dell'Albero Bronchiale

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/10/24/bronchite-asmatica-trachea-e-albero-bronchiale-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Successivo alla trachea e precedente agli alveoli polmonari, l'albero bronchiale è la complessa sezione delle vie aeree inferiori (o vie respiratorie inferiori), che comprende, nell'ordine: i bronchi primari, i bronchi secondari, i bronchi terziari, i bronchioli, i bronchioli terminali e i bronchioli respiratori.
Secondo la più comune visione anatomica relativa all'albero bronchiale, quest'ultimo è suddivisibile in due tratti: il tratto extrapolmonare (cioè esterno ai polmoni), a cui appartengono soltanto i bronchi primari, e il tratto intrapolmonare (cioè interno ai polmoni), di cui fanno parte i bronchi secondari, i bronchi terziari, i bronchioli, i bronchioli terminali e i bronchioli respiratori.

Cos'è la Bronchite Asmatica?

La bronchite asmatica è la condizione medica risultante dalla contemporanea presenza di asma e di una forma di bronchite acuta.
Poiché asma e bronchite acuta colpiscono l'albero bronchiale intrapolmonare, la bronchite asmatica è da considerarsi una malattia polmonare.

Cosa sono l'Asma e la Bronchite Acuta?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/10/24/bronchite-asmatica-asma-e-bronchite-acuta-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Per capire appieno cos'è la bronchite asmatica, è doveroso ripassare cosa sono l'asma e la bronchite acuta:

  • L'asma è una malattia polmonare cronica di natura infiammatoria, che determina, dopo l'esposizione ad allergeni (es: pollini o pelo di animale) o per effetto di infezioni respiratorie, farmaci (es: FANS), sforzi fisici, emozione eccessive, stress o tabagismo, il restringimento temporaneo di bronchi e bronchioli intrapolmonari, risultando in tal modo di ostacolo al passaggio dell'aria inspirata.
    Nell'asma, l'artefice del restringimento temporaneo di bronchi e bronchioli (il cosiddetto attacco di asma) è una contrazione anomala della muscolatura liscia di questi condotti dell'albero bronchiale, evento che prende il nome di broncospasmo.
    Attualmente, non è chiaro quale sia la causa precisa dell'asma; sull'argomento, tuttavia, esistono varie ipotesi, tra cui una – la più attendibile – che imputa all'asma un'origine genetica.
  • La bronchite acuta è l'infiammazione dei bronchi a insorgenza brusca e improvvisa, intensa sotto l'aspetto dei sintomi e di durata non superiore ai 10 giorni.
    La bronchite acuta riconosce diverse cause, tra cui: le infezioni virali o batteriche che colpiscono le vie respiratorie, l'inalazione prolungata di sostanze irritanti per l'apparato respiratorio, alcune malattie polmonari croniche (bronchite cronica) e condizioni particolari come la malattia da reflusso gastroesofageo.

Alla luce di quanto sopra riportato, la bronchite asmatica è il risultato della combinazione tra una preesistente affezione cronica dell'albero bronchiale – l'asma – e una temporanea sofferenza acuta dell'albero bronchiale – bronchite acuta.

Le principali differenze tra asma e bronchite acuta

  • L'asma è una condizione infiammatoria cronica dell'albero bronchiale; la bronchite acuta, invece, è un'infiammazione temporanea dell'albero bronchiale.
  • L'asma sembrerebbe imputabile a qualche anomalia genetica; la bronchite acuta, invece, riconosce in fattori esterni, come virus, batteri, inquinanti ambientali, le sue cause principali.
  • Sia nell'asma che nella bronchite acuta, si assiste a un restringimento di bronchi e bronchioli intrapolmonari; tuttavia, mentre nell'asma il suddetto restringimento è dovuto a una contrazione anomala della muscolatura di bronchi e bronchioli intrapolmonari, nella bronchite acuta lo stesso fenomeno è dovuto all'infiammazione della mucosa, che determina gonfiore e un'ingente produzione di muco.

Cause

La bronchite asmatica è una condizione che, di norma, riguarda soltanto le persone affette da asma.
Precisato ciò, la bronchite asmatica riconosce diverse cause scatenanti, tra cui:

  • Le infezioni virali e batteriche che colpiscono l'albero bronchiale;
  • Il tabagismo, ossia l'abitudine al fumo di tabacco sottoforma di sigarette, pipa, sigari ecc.;
  • L'eccessiva esposizione all'inquinamento tipico delle grandi città;
  • L'esposizione a sostanze che possono agire da allergeni (es: muffa, pelo di animale, polvere, polline, cibo ecc.);
  • L'eccessiva esposizione a sostanze chimiche irritanti per l'albero bronchiale;
  • L'assunzione di farmaci verso i quali c'è una sorta di intolleranza. I farmaci più comunemente associati alla bronchite asmatica sono l'aspirina, i FANS e i beta-bloccanti;
  • L'intenso esercizio fisico;
  • Un clima molto freddo;
  • Una forte emozione. Gli esperti hanno notato che, nei soggetti con asma, c'è una tendenza a sviluppare la bronchite asmatica quando vivono una situazione carica di emozione, tale da scatenare un grande pianto, una grande risata, un forte stress ecc.

La Bronchite Asmatica è contagiosa?

La bronchite asmatica non è una condizione contagiosa; tuttavia, è bene precisare che le persone che ne soffrono, qualora abbiano sviluppato la condizione a seguito di un'infezione virale o batterica a carico dell'albero bronchiale, possono trasmettere tale infezione a chiunque, diffondendo una forma di bronchite acuta.

L'asma non è una condizione contagiosa, pertanto chi ne è portatore non può trasmetterle alle altre persone.

Sintomi e Complicazioni

I sintomi della bronchite asmatica sono una combinazione tra i sintomi dell'asma e i sintomi della bronchite acuta. Più nello specifico, quindi, chi soffre di bronchite asmatica lamenta:

  • Tosse con produzione di catarro di colore bianco, nelle prime fasi, e di colore giallo o verde, nelle fasi più avanzate;
  • Mancanza di respiro;
  • Respiro sibilante durante l'espirazione;
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/10/21/bronchite-asmatica-sintomi-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Complicazioni

Se la bronchite asmatica è particolarmente grave o non opportunamente trattato, il broncospasmo che ne deriva può provocare difficoltà respiratorie tali da causare la morte del paziente per asfissia.
I classici sintomi di una grave bronchite asmatica sono dispnea a riposo (ossia mancanza di respiro in assenza di sforzi fisici) e cianosi (specie alle estremità degli arti).

Diagnosi

Per la diagnosi di bronchite asmatica, sono sufficienti le informazioni provenienti da un accurato esame obiettivo e una scrupolosa anamnesi; tuttavia, molto spesso, le ricerche diagnostiche comprendono anche indagini come la spirometria, la misurazione del picco di flusso espiratorio e l'RX-torace, con lo scopo di approfondire la situazione presente ed assicurarsi che non sia in corso condizioni diverse da quella sospettata, ma responsabile di sintomi simili.

Esame Obiettivo e Anamnesi

In un contesto di sospetta bronchite asmatica, l'esame obiettivo e l'anamnesi comprendono:

  • Il racconto dei sintomi da parte del paziente;
  • Una visita medica, finalizzata al riscontro di quanto emerso dal precedente racconto. Questo passaggio si affida in larga misura all'auscultazione del torace;
  • Un'inchiesta approfondita relativa allo stato di salute e alle abitudini del paziente (es: è fumatore? Vive in un centro abitato particolarmente inquinato? Svolge un lavoro che lo espone a sostanze chimiche irritanti? Ecc.). Questo è un passaggio fondamentale per capire se il paziente sotto indagine è a rischio di bronchite asmatica e per individuare i possibili fattori scatenanti.

Come si vedrà, comprendere le cause della bronchite asmatica è fondamentale al momento della pianificazione della terapia.

Spirometria

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/10/21/bronchite-asmatica-diagnosi-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

La spirometria è l'esame diagnostico che misura la capacità inspiratoria e quella espiratoria dei polmoni, e che fornisce informazioni in merito alla pervietà (o apertura) delle vie aeree polmonari.

Misurazione del Picco di Flusso Espiratorio

La misurazione del picco di flusso espiratorio è l'esame diagnostico che misura la forza con cui un individuo espelle l'aria dall'apparato respiratorio (ossia l'espirazione), dopo un'inspirazione completa.

RX-torace

L'RX-torace è un esame radiologico che fornisce immagini abbastanza dettagliate dei polmoni e dell'albero bronchiale.
L'RX-torace è l'indagine diagnostica che permette al medico di assicurarsi che i sintomi presenti non siano dovuti a una condizione diversa dalla bronchite asmatica.

Terapia

La terapia della bronchite asmatica prevede una combinazione di trattamenti: un trattamento mirato alla gestione dell'asma, un trattamento rivolto a contrastare il fattore scatenante e, infine, un trattamento focalizzato ad alleviare la sintomatologia prodotta dalla bronchite acuta.

Terapia dell'Asma

Attualmente, la terapia dell'asma si basa sull'uso di farmaci.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/10/21/bronchite-asmatica-terapia-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Tra i farmaci impiegati nella gestione dell'asma, figurano:

  • I broncodilatatori. I broncodilatatori sono medicinali che, agendo sulla muscolatura dei bronchi, hanno l'effetto di dilatare quest'ultimi e favorire il passaggio dell'aria in entrata e in uscita rispetto ai polmoni.
    Esistono due tipologie di broncodilatatori: i broncodilatatori a breve durata d'azione e i broncodilatatori a lunga durata d'azione; la prima tipologia presenta la particolarità di entrare in azione in tempi assai ristretti, risultando in questo modo ideale al presentarsi di un episodio acuto di asma; la seconda tipologia, invece, possiede la caratteristica di agire in tempi più lunghi, il che è adatto a prevenire futuri attacchi di asma (si ricorda che l'asma è una condizione cronica).
    Nell'elenco dei broncodilatatori utili a chi soffre di asma (e bronchite asmatica), figurano i cosiddetti antimuscarinici (o broncodilatatori anticolinergici), i beta2-agonisti e le metilxantine.
  • I corticosteroidi inalatori (o glucocorticoidi inalatori). Appartenenti alla classe farmacologica dei cortisonici, i corticosteroidi inalatori sono medicinali deputati a ridurre l'infiammazione che si scatena lungo l'albero bronchiale, in occasione di un attacco di asma.
    In chi ne ha bisogno, l'uso dei corticosteroidi inalatori determina un miglioramento delle capacità respiratorie e del quadro sintomatologico in generale.
    Alla pari di tutti gli altri cortisonici, anche i corticosteroidi inalatori, se assunti in dosi eccessive o per lunghi periodi di tempo, causano diversi effetti collaterali, alcuni dei quali anche molto gravi.
  • Gli antileucotrieni. Gli antileucotrieni sono farmaci utili nella gestione dell'asma, in quanto bloccano alcuni recettori a livello di bronchi e polmoni implicati negli episodi di broncospasmo.

Terapia della Causa Scatenante

Eliminare la causa che ha portato all'instaurarsi della bronchite asmatica è fondamentale per interrompere in maniera definitiva i sintomi della condizione in corso. Con un esempio, questo significa che, in presenza di una bronchite asmatica dovuta a un'infezione batterica a carico dell'albero bronchiale, l'individuo colpito necessiterà, in aggiunta alle cure per l'asma, di una terapia antibiotica ad hoc.

Terapia Sintomatica della Bronchite Acuta

Di norma, la terapia sintomatica della bronchite acuta correlata alla bronchite asmatica si fonda su:

Prognosi

La bronchite asmatica è una condizione che necessita di cure appropriate e tempestive, in quanto, se trascurata nella gestione e nei tempi, può causare difficoltà respiratorie tali da causare la morte del paziente per asfissia.
Pertanto, la prognosi in caso di bronchite asmatica dipende dall'adeguatezza e immediatezza delle cure.

Prevenzione

Per un portatore di asma, evitare il contatto con persone affette da una qualche malattia infettiva a carico dell'albero bronchiale, evitare tutti i potenziali allergeni, non fumare e proteggersi adeguatamente dall'inquinamento atmosferico sono i 4 principali comportamenti da adottare in ottica prevenzione della bronchite asmatica.

Antonio Griguolo

L'autore

Antonio Griguolo

Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza


Ultima modifica dell'articolo: 22/03/2019