Bonus Salute 2024: cos'è, a chi spetta, come funziona?

Bonus Salute 2024: cos'è, a chi spetta, come funziona?
Ultima modifica 05.02.2024
INDICE
  1. Principali misure
  2. Detrazioni mediche
  3. Bonus psicologo
  4. Agevolazioni per persone con disabilità
  5. Ticket sanitario
  6. Ticket Pronto soccorso
  7. Detrazione chirurgia estetica
  8. Bonus celiaci

Come gli scorsi anni, anche per il 2024 sono diverse le agevolazioni messe in campo dal Governo in ambito sanitario, in modo da tutelare e facilitare il benessere fisico e psicologico dei cittadini.

Raggruppate in quello che viene definito Bonus Salute, alcune necessitano di determinati requisiti per l'accesso, altre sono disponibili per tutti.

Segui il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornato su tutte le novità.

Principali misure

Detrazioni mediche

Le detrazioni fiscali previste dal Bonus Salute consentono di portare in detrazione al 19% dall'Irpef tutte le spese mediche sostenute per sé e per i propri familiari a carico.

In particolare, si possono  detrarre quelle effettuate per visite specialistiche ed esami di laboratorio e per l'acquisto di farmaci e dispositivi medici. Tra questi rientrano apparecchi di protesi dentaria, oculistica o fonetica, mascherine chirurgiche Ffp2 e Fp3, tamponi rapidi autodiagnostici, arti artificiali, apparecchi di ortopedia (comprese le scarpe ortopediche) e per le fratture come gesso, garze, stecche, busti, stampelle, bastoni e carrozzine.

Bonus psicologo

Di benessere mentale si parla sempre più spesso e per venire incontro alle esigenze crescenti dei cittadini il bonus psicologo è stato rifinanziato anche per il 2024. Per accedervi è necessario avere un Isee entro i 50.000 euro ed essere cittadini italiani. Non esistono limiti d'età.

L'importo che spetta ad ogni richiedente è determinato in base al suo reddito. Si va da un massimo di 1.500 euro per Isee inferiore a 15.000 euro, a 1.000 euro per Isee compreso tra 15.000 e 30.000 euro, e 500 euro per Isee superiore a 30.000 ma inferiore a 50.000.

Agevolazioni per persone con disabilità

Il bonus salute prevede anche importanti misure per le persone con disabilità. In particolare, si tratta di ulteriori sconti dall'Irpef e contributi che riguardano anche auto, benzina e bonus sociale.

Nel provvedimento anche una detrazione per l'assistenza personale per persone colpite da grave disabilità.

Ticket sanitario

Rinnovata anche l'esenzione del ticket per situazioni specifiche. Ne possono usufruire persone in condizione di grave difficoltà economica, a seconda del reddito e dell'età, ma anche chi ha determinate patologie, le donne in gravidanza, gli invalidi civili e chi ha una diagnosi di tumori o accertamento HIV.

Ticket Pronto soccorso

Accedere al Pronto soccorso in codice bianco, e quindi in assenza di effettiva urgenza, può comportare il pagamento di un ticket dall'importo è variabile a seconda delle Regione. Non tutti però devono pagarlo.

Ne sono infatti esenti persone che arrivano al Pronto soccorso su richiesta del medico, del pediatra o della Guardia medica, di età inferiore a 14 anni, i ricoverati in reparto, gli esenti dal pagamento del ticket per patologia, reddito o altre condizioni e chi viene posto in osservazione breve intensiva.

Detrazione chirurgia estetica

Con il decreto Anticipi sono state ampliate le detrazioni Iva per i servizi sanitari a carattere estetico con finalità terapeutiche. Può usufruirne chi deve sottoporsi a interventi di chirurgia estetica per ragioni di salute, chi necessita di procedure per diagnosticare o trattare condizioni patologiche o chi deve affrontare problematiche psico-fisiche.

Bonus celiaci

Per sopperire in parte al fatto che gli alimenti senza glutine, essenziali nella vita di un celiaco, siano di norma molto più cari di quelli tradizionale, sono previsti buoni spesa dall'importo variabile a seconda delle esigenze della persona celiaca, dall'età e del sesso.