Picco glicemico: cosa è? E' realmente pericoloso?

Picco glicemico: cosa è? E' realmente pericoloso?
Ultima modifica 27.03.2023

I livelli di glucosio nel sangue (glicemia) non sono costanti, ma seguono un andamento curvilineo; fasi di crescita si alternano ad altre di diminuzione, dipendenti dai pasti e dalla loro composizione. I valori minimi si raggiungono a digiuno, ad esempio al mattino prima di fare colazione, mentre il picco glicemico è massimo dopo circa un'ora - un'ora e mezza dai pasti, specie se ricchi di zuccheri semplici.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/03/27/picco-glicemico-orig.jpeg Shutterstock

L'andamento dei livelli glicemici dopo un pasto è influenzato dalla quantità e dalla qualità degli alimenti assunti.

Come anticipato, quando il pasto è misto, il picco glicemico si raggiunge all'incirca un'ora, un'ora e mezza dopo l'ingestione; per l'adulto tale picco dovrebbe essere inferiore a 180 mg/dl (soglia renale del glucosio), anche se i valori ottimali si collocano al di sotto dei 140 mg/dl. Nei teenagers il picco glicemico è più consistente (< 200 mg/dl), così come nei bambini in età scolare (< 225 mg/dl) e nella prima infanzia (< 250 mg/dl). Questi valori rappresentano anche i parametri di riferimento per i pazienti diabetici in terapia farmacologica.

La glicemia si alza moltissimo e rapidamente quando un pasto è composto principalmente da grossi quantitativi di carboidrati in purezza, mentre aumenta con gradualità se i carboidrati sono associati a proteine, grassi e fibre.

Il picco glicemico è, tuttavia, una reazione fisiologica. Seguito da un picco insulinico, di norma rientra normalmente nei parametri basali dopo un certo arco di tempo - determinato dall'entità del pasto.

Diverso è per gli insulino-resistenti che, dopo il pasto, vedono alzarsi la glicemia, con un aumento graduale anche dell'insulina - minor picco rispetto ai sani -  ma che persiste più a lungo (con tutte le conseguenze negative del caso).

Autore

Dott. Riccardo Borgacci

Dott. Riccardo Borgacci

Dietista e Scienziato Motorio
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer