Quercitina: in quali cibi si trova

Quercitina: in quali cibi si trova
Ultima modifica 22.01.2021
INDICE
  1. Quercetina: il fabbisogno giornaliero
  2. I benefici per la salute
  3. I cibi ricchi di quercetina

Quercetina: il fabbisogno giornaliero

La quercetina appartiene a un gruppo di composti vegetali chiamati flavonoidi ed è contenuta in generose quantità in alcuni alimenti vegetali, come frutta, verdura, noci e semi. È anche un componente di alcune erbe medicinali, tra cui il Ginkgo biloba, l'erba di San Giovanni e il Sambucus canadensis, un tipo di bacche di sambuco.

Quanti grammi di questo flavonoide andrebbero assunti quotidianamente? In media, le persone assumono dai 5 ai 40 milligrammi di quercetina al giorno consumando determinati alimenti. Mangiando molta frutta e verdura, però, l'apporto giornaliero potrebbe incrementare sino a 200-500 milligrammi. Non esiste un numero definito e acclarato per la quantità di quercetina da assumere ogni giorno, ma la maggior parte dei nutrizionisti consiglia dosaggi compresi tra 500 e 1.000 milligrammi al giorno, il medesimo dosaggio menzionato anche da molti studi condotti sui benefici della quercetina.

Ci sono molti integratori di quercetina, ma il miglior piano di attacco per aumentarne l'assunzione è includere una varietà di cibi ricchi di questo elemento, come capperi, cipolle rosse, cavoli e pomodori biologici, nel proprio schema alimentare. Prima di assumere un integratore di quercetina, è consigliabile un consulto medico.

I benefici per la salute

Come tutti i flavonoidi, anche la quercetina agisce come antiossidante per l'organismo e contrasta i radicali liberi. Aiuta anche a spegnere l'infiammazione, che causa danni ossidativi, e può contribuire a proteggere da tutta una serie di problemi di salute, tra cui cancro, malattie cardiache e morbo di Alzheimer, solo per citarne alcuni.

La ricerca scientifica ha anche collegato l'assunzione di quercetina al sollievo dalle allergie e a un supporto immunitario piuttosto efficace: tutto merito della sua azione simile a quella di un prebiotico e dellla sua opera di nutrimento dei batteri buoni dell'intestino. Aumenta anche gli effetti della vitamina C , aiutando sinergicamente a prevenire l'eccessiva attivazione dei mastociti, che secernono istamina quando il corpo è infiammato. Questo composto della famiglia dei flavonoidi è in grado oltretutto di trasportare lo zinco, antivirale naturale, nelle cellule, dove può aiutare a mitigare la replicazione virale.

I cibi ricchi di quercetina

In commercio sono disponibili diversi integratori di quercetina, ma è possibile aumentare l'assunzione di questo flavonoide estremamente benefico per l'organismo anche attraverso il consumo di cibi integrali, che forniscono anche sostanze fitochimiche, vitamine e minerali aggiuntivi che lavorano in sinergia per offrire benefici bonus.

Per aumentare il livello la quercetina, è consigliabile l'assunzione quotidiana di una varietà di questi alimenti: