Soia: i valori nutrizionali, benefici e consigli sull'utilizzo

Contenuto sponsorizzato

La soia, pianta leguminosa originaria dell'Estremo Oriente, è diventata una protagonista della tavola degli italiani grazie alla sua versatilità. È utilizzata sia da chi è attento ad un'alimentazione sana e desidera cambiare e provare nuovi alimenti, sia da chi segue regimi vegetariani o vegani o da chi è intollerante al latte e ai suoi derivati. La soia è per tutti coloro che scelgono con consapevolezza di ampliare la propria alimentazione con prodotti vegetali gustosi e nutrizionalmente equilibrati.

Ciò che rende la soia preziosa è proprio la sua composizione complessa.

La soia è, tra i prodotti vegetali, l'unico legume a rappresentare una risorsa proteica completa, essendo ricco di tutti gli aminoacidi essenziali necessari per l'alimentazione umana. È un alimento ricco anche in grassi polinsaturi e in altre componenti benefiche per la salute come gli isoflavoni, polifenoli ad azione antiossidante.

I semi di soia, inoltre, apportano al nostro organismo diversi micronutrienti: sali minerali come calcio e fosforo, ma anche potassio, magnesio e ferro; vitamine del gruppo B e fibre.

Benefici per la salute

Innumerevoli sono i benefici che il consumo regolare di soia apporta alla salute, e per questo rappresenta un valido alleato nel prevenire lo sviluppo di alcune malattie.

L'assunzione di proteine ​​della soia riduce i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari grazie all'effetto ipocolesterolemizzante. Tuttavia anche i componenti aggiuntivi contenuti nei semi di soia come isoflavoni, lecitine, saponine e fibre possono migliorare la salute cardiovascolare attraverso meccanismi indipendenti.

Grazie agli isoflavoni, che sono oggetto di studio, un aumento del consumo di soia integrale nella dieta, può aiutare nella menopausa con effetti benefici sulla riduzione delle vampate, sulla attenuazione della perdita di densità minerale ossea e sulla pressione sanguigna sistolica.

La soia nella nostra alimentazione

La soia, entrata a far parte della nostra alimentazione, si presenta come legume nelle varietà verde, nera e gialla. Quest'ultima è la più diffusa e utilizzata e da essa si ricava la maggior parte dei prodotti alimentari. Infatti, se consumata come legume, la soia risulta poco digeribile e può essere causa di gonfiore e dolori addominali; consumare soia in chicchi, inoltre, rende più difficile l'assorbimento dei nutrienti, per cui la soia viene elaborata nei suoi derivati. I suoi prodotti fermentati, infatti, non danno questi problemi, anzi attraverso la fermentazione vengono arricchiti di preziosi elementi che ne aumentano il valore nutritivo e contribuiscono al benessere dell'intestino.

La soia, quindi, entra a far parte della nostra alimentazione attraverso i prodotti da essa derivati, quali il tofu, il tempeh, il natto, le bevande vegetali e come alternativa vegetale allo yogurt. 

In particolare, il tofu, considerato il "formaggio" di soia, presenta un elevato contenuto proteico, è ricco di ferro e magnesio e privo di colesterolo. Dal sapore neutro e delicato, poco calorico, risulta adatto a chi sta seguendo una dieta dimagrante.

Come alternativa vegetale allo yogurt, la soia diviene un alimento leggero, gustoso e versatile. Ricco di calcio, proteine e probiotici può essere gustato da solo come dessert oppure può essere utilizzato per preparare piatti dolci e salati.

Un altro modo per consumare la soia è utilizzare i suoi germogli altamente nutritivi. Essi apportano vitamine e sali minerali, poveri in calorie e ricchi in acqua, risultano validi alleati in una dieta ipocalorica. I germogli di soia possono essere aggiunti a insalate oppure mangiati da soli saltati in padella.

Una delle prime aziende ad aver introdotto sul mercato prodotti ricavati dalla soia è l'azienda Triballat Noyal, dando vita, nel 1988, a Sojasun, la prima linea di prodotti a base vegetale, che comprende: bevande vegetali, burger, panati, dessert di soia, tofu e alternative vegetali allo yogurt. L'azienda, che in Italia ha la sede a Fidenza, in linea con le nuove esigenze dei consumatori e a sostegno dello sviluppo sostenibile, ha lanciato sul mercato la nuova linea Greek Style di alternative vegetali BIO allo yogurt greco. Greek Style, specialità fermentata "alla greca" a base di soia certificata NO OGM, racchiude in sé il sapore unico dello yogurt greco in versione vegetale. Ricco di fermenti Bifidus, è disponibile nelle tre varianti:

  • Greek Style al Naturale rispetto al classico Sojasun, contiene il 20% in più di proteine (5,7g in 100g) ed è naturalmente privo di zuccheri. Ha un elevato potere saziante e nutrizionale, per questo adatto anche per gli sportivi. Fornendo solo 53 kcal/100g di prodotto è l'ideale per ricette dolci e salate in versione light.

  • Greek Style alla Vaniglia, ricca di proteine e povera di grassi, fornisce 76 Kcal/100g. Per il suo sapore avvolgente e per la consistenza cremosa e vellutata, si può gustare insieme a biscotti o dolci di pasta frolla, o come farcia per torte e crostate.

  • Greek Style alla Nocciola, nutriente e goloso allo stesso tempo apporta 100 kcal/100g. Cremoso, dolce e leggero, si può consumare in ogni momento della giornata.

Le alternative vegetali BIO allo yogurt greco, con la loro semplicità, possono essere protagoniste sulle nostre tavole ogni giorno: con un pizzico di fantasia e un tocco di immaginazione si possono creare piatti unici in sapore, equilibrio e varietà. E soprattutto si beneficerà della positività legata al mangiare vegetale. Risultano, per questo, ideali per tutti coloro che desiderano mangiare bene e mantenersi in salute, senza rinunciare alle elevate qualità nutrizionali della soia e alle sue proprietà organolettiche, né tantomeno al gusto.

 

                                                                                       Dr.ssa Laura Diana

                                                                                                                                    Biologa Nutrizionista

Scopri di più Contenuto sponsorizzato