Potassio e magnesio: a cosa servono e quali sono i sintomi di una possibile carenza

Contenuto sponsorizzato

Introduzione

In questo articolo parleremo di due nutrienti minerali molto importanti, soprattutto nel periodo estivo e per chi pratica sport: potassio e magnesio.

Pur essendo macroelementi, questi due minerali alcalinizzanti vengono perduti in grandi quantità a causa della sudorazione.

D'altro canto, essendo strettamente vincolati ai processi fisiologici muscolari, di regolazione della pressione arteriosa ecc., un eventuale deficit non può che ripercuotersi negativamente sia sullo stato di salute che sulla prestazione fisica.

In questi casi, oltre ad assicurarsi una dieta corretta e bilanciata, può essere di grande aiuto ricorrere ad appositi integratori alimentari come i prodotti MASSIGEN.

Cerchiamo quindi di capire a cosa servono potassio e magnesio nell'organismo e quali possono essere i possibili sintomi di carenza nutrizionale.

Cosa Sono

Come anticipato in premessa, potassio e magnesio sono due nutrienti di natura minerale.

Dovendo essere presenti in buone quantità nell'organismo (soprattutto il potassio), rientrano nella categoria dei cosiddetti macroelementi; ciò nonostante, talvolta risulta piuttosto difficile introdurli in quantità sufficienti con la dieta (soprattutto il magnesio).

Cos'è il potassio?

Il potassio è l'elemento chimico con numero 19. Nell'organismo è presente sotto forma di ione positivo o catione (K+), che è anche il più abbondante all'interno delle cellule – mentre all'esterno delle cellule, il più abbondante è il sodio (Na+).

L'equilibrio di potassio nel sangue, finemente regolato dalla funzionalità renale, è di vitale importanza; in condizioni patologiche, sia l'eccesso (iperkalemia) che il deficit (ipokalemia) possono risultare non solo nocivi, ma addirittura mortali.

Cos'è il magnesio?

Il magnesio è l'elemento chimico con numero 12. Nell'organismo è presente sotto forma di ione positivo o catione (Mg++). Nell'organismo è l'undicesimo composto più abbondante (20 g totali), e si trova per lo più nel tessuto osseo (60-65%).

Il 32-35% del magnesio è complessato a proteine ed acidi nucleici, mentre solo l'1-2% nel plasma e in altre forme minori di deposito.

A Cosa Servono

A cosa serve il potassio?

Il potassio intracellulare regola l'eccitabilità neuromuscolare, la ritmicità del cuore, la pressione osmotica, l'equilibrio acido-base e la ritenzione idrica.

A cosa serve il magnesio?

Il magnesio è essenziale per tutti i tessuti e le cellule; struttura all'incirca 300 enzimi. Gli ioni di magnesio interagiscono principalmente con i composti polifosfati, ad esempio l'ATP (poiché in questi processi la forma attiva dell'ATP è complessata con lo ione magnesio Mg++), il DNA e l'RNA; costituiscono lo scheletro, intervengono nella regolazione dell'eccitabilità delle membrane nervose e muscolari, e nella trasmissione sinaptica.

Carenza

Cause di carenza di potassio

La carenza di potassio ha principalmente origini multifattoriali.

Nei soggetti sani, è scatenata più frequentemente da una dieta povera dei principali alimenti ricchi di potassio, associata ad eccessiva escrezione col sudore – da sport o termoregolazione.

Più in generale, le cause di carenza di potassio sono:

  • Insufficienza di ortaggi e frutta nella dieta – nonostante il potassio sia contenuto anche nella carne e nel pesce – ed eccesso di sodio;
  • Disturbi e malattie dell'apparato digerente che provocano vomito o diarrea protratti (ad es. colite ulcerosa, adenoma villoso del colon, clisteri ripetuti, lavande gastriche, abuso di lassativi);
  • Esercizio fisico intenso, sudorazione profusa e perdite di liquidi in genere (come nelle ustioni estese);
  • Sindromi da malassorbimento;
  • Abuso di liquirizia;
  • Abuso di prodotti diuretici da banco o terapie farmacologiche diuretiche regolarmente prescritte (antipertensive, come furosemide o derivati tiazidici).

Cause di carenza di magnesio

Il contenuto insufficiente di magnesio nel plasma (ipomagnesemia) è molto comune, poichè si riscontra nel 2,5-15% della popolazione generale.

La causa primaria è l'insufficiente apporto alimentare dei cibi ad alto contenuto di magnesio.

Altre cause sono: l'aumento dell'escrezione renale o fecale, l'aumento dello spostamento intracellulare e la terapia farmacologica antiacida con inibitori della pompa protonica.

L'alcolismo è spesso associato alla carenza di magnesio.

Livelli sierici del minerale cronicamente bassi sono anche correlati alla sindrome metabolica, al diabete mellito di tipo 2, alla fascicolazione, all'ipertensione arteriosa, ad alcune modificazioni del settaggio ormonale e ad alcune terapie farmacologiche.

Sintomi di carenza di potassio

I possibili sintomi da carenza di potassio sono:

  • Tendenza all'ipertensione arteriosa primaria;
  • Insorgenza di crampi muscolari;
  • Aritmie cardiache;
  • Vertigini;
  • Stitichezza;
  • Formicolii;
  • Maggior stanchezza psicofisica.

Più spesso tuttavia, il quadro sintomatologico da ridotto apporto nutrizionale ed aumentata escrezione col sudore di potassio, determina: crampi muscolari, astenia, stitichezza e scarso appetito.

Più raramente, possono comparire segni di ipereccitabilità neuromuscolare, che si manifestano con guizzi improvvisi e fascicolazioni spontanee.

Nei gravi invece, la carenza di potassio sfocia in ipokalemia conclamata determinando l'ipoventilazione fino alla paralisi respiratoria, bradicardia con alterazioni del tracciato elettrocardiografico e aritmie cardiache, paralisi flaccida e iporeflessia tendinea, ileo paralitico (occlusione intestinale per la cessazione dei movimenti peristaltici) e poliuria.

Sintomi e segni clinici di carenza di magnesio

La maggior parte dei casi di carenza di magnesio è asintomatica.

Possono tuttavia manifestarsi frequentemente:

  • Maggior stanchezza psico-fisica;
  • Insorgenza di crampi muscolari;
  • Maggior sensazione d'ansia e/o riduzione del tono dell'umore;
  • Tendenza all'ipertensione arteriosa primaria;
  • Scompensi ormonali;
  • Disturbi in gravidanza;
  • Problemi del sonno;
  • Mineralizzazione ossea non ottimale.

La carenza nutrizionale importante di magnesio che incide negativamente sulla magnesiemia determina: astenia, crampi, tremori, apatia, debolezza muscolare e convulsioni.

Il quadro sintomatologico tipicamente ricollegabile alla carenza grave di magnesio e ipomagnesemia conclamata prevede: inappetenza, nausea, vomito, disfunzioni neuromuscolari – aumento dell'eccitabilità e crampi – disfunzioni cardiovascolari – aritmia, vasodilatazione – disfunzioni metaboliche e coma.

Alla comparsa dei primi sintomi di carenza di potassio e/o magnesio, è consigliabile assumere un integratore come MASSIGEN nelle modalità suggerite nella confezione.

Rimedi

Come prevenire o rimediare alla carenza di potassio e magnesio

L'importanza della dieta contro la carenza di potassio e magnesio

In caso di carenza di potassio, il primo rimedio utile è senz'altro l'aumento della frutta e della verdura fresche nella dieta, associato a una riduzione del sodio discrezionale – se in eccesso.

Sono ottime fonti di potassio: lattuga, radicchio, rucola, valerianella, verze, cappuccio, melanzane, zucchine, cetrioli, peperoni, cavolo, broccolo, mela, pera, albicocca, pesca, melone, anguria, prugne, kiwi, banane ecc.

Anche per quel che concerne il magnesio, gli accorgimenti dietetici sono del tutto fondamentali.

Sono ottime fonti di magnesio: i semi amidacei e oleosi, come legumi (fagioli borlotti, soia, azuki, dall'occhio, lenticchie, ceci, fave, piselli, lupini ecc.), la frutta secca (noci, mandorle ecc.) e i cereali integrali (frumento, riso, segale ecc.).

Il magnesio abbonda anche in alcune spezie, nei frutti dolci e negli ortaggi, soprattutto a foglia verde, poiché trattasi di un costituente fondamentale della clorofilla (spinaci, lattuga, rucola, radicchio verde ecc.).

Integratori contro la carenza di potassio e magnesio

Soprattutto nei periodi di forte stress ambientale, dato dalle alte temperature, o di attività motoria particolarmente intensa e/o prolungata, o ancora quando non è possibile gestire la dieta come si vorrebbe, l'uso degli integratori alimentari a base di potassio e magnesio diventa pressoché fondamentale per mantenere elevata l'efficienza psicofisica generale.

MASSIGEN potassio e magnesio ad esempio, è un'ottima soluzione alla carenza di questi minerali.

MASSIGEN è un integratore alimentare che contiene, oltra a potassio e magnesio, anche le vitamine A, C, E, quali potenti antiossidanti.

MASSIGEN partecipa a combattere i sintomi di spossatezza, affaticamento precoce e ridotta funzionalità muscolare, tipici della carenza di potassio e magnesio nella dieta.

Trova grande applicazione anche durante le diete dimagranti, per garantire l'apporto necessario dei due minerali alcalinizzanti.

Il momento giusto per assumere MAGGIGEN è subito dopo l'attività fisica o sportiva, o comunque a seguito di importanti perdite di sudore; si consiglia sempre di associarlo ad alimenti solidi, per ottimizzarne l'assorbimento.

Scopri di più Contenuto sponsorizzato