Caring

Zampe delle tartarughe d'acqua: curiosità e cosa sapere

Zampe delle tartarughe d'acqua: curiosità e cosa sapere
Ultima modifica 23.04.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Zampe delle tartarughe d'acqua: tutto quello che c'è da sapere
  2. Come sono le zampe della tartaruga d'acqua?
  3. Le differenze fra la tartaruga d’acqua e quella di terra
  4. Zampe delle tartarughe d’acqua: come vengono usate
  5. Zampe delle tartarughe d’acqua: problemi e soluzioni

Zampe delle tartarughe d'acqua: tutto quello che c'è da sapere

Le tartarughe d'acqua sono degli animali davvero particolari. A differenza delle loro sorelle di terra sono in grado di muoversi anche a grandi profondità e di nuotare agevolmente, questo non solo grazie al loro complesso ma raffinatissimo organismo ma anche per merito delle loro zampe, divenute con il tempo delle vere e proprie pinne.

Prive di unghie e con dita fuse tra loro, le zampe delle tartarughe d'acqua, presentano delle particolarità che è bene conoscere se ci si vuole prendere cura di loro con la dovuta attenzione. Prima di saperne di più,però, non dimenticate di unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e al profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Come sono le zampe della tartaruga d'acqua?

  • A forma di pinna;
  • Palmate;
  • Con artigli.

Le zampe della tartaruga d'acqua, così come quelle di terra, sono quattro. Si tratta di arti molto resistenti e capaci di aiutare l'animale sia in fase di nuoto che sulla terra ferma. Appaiono palmate e con lunghi artigli negli esemplari di acqua dolcea forma di pinna nelle tartarughe marine, mentre quelle di terra si riconoscono dalle dita molto sviluppate e dalla presenza di artigli.

Gli arti delle tartarughe d'acqua sono molto diversi da quelli che caratterizzano gli esemplari che vivono solo ed esclusivamente sulla terra ferma e che sono predisposte a scavare, a difendersi dai predatori che vivono sulla superficie.

Mentre gli esemplari acquatici le hanno sottili con base palmata per nuotare agevolmente, quelli terrestri le hanno corte e tozze, con una base piatta e un appoggio stabile, con quattro o cinque unghie anteriormente e quattro posteriormente.

Le differenze fra la tartaruga d’acqua e quella di terra

  • Fisionomia e dimensioni;
  • Forma delle zampe;
  • Carattere e temperamento;
  • Tipologia di dieta da seguire.

La forma delle zampe di una tartaruga d'acqua è fra i tratti distintivi della specie. A differenza degli arti delle tartarughe di terra, quelli delle specie acquatiche si sviluppano in maniera più lineare e sottile, in modo tale da dare la massima resa durante le nuotate. Inoltre, le tartarughe marine hanno delle dita che si sono unite insieme per creare una sorta di pinna e agevolare ancor di più gli spostamenti in mare (in genere molto più lunghi e che possono raggiungere profondità notevoli).

Zampe delle tartarughe d’acqua: come vengono usate

Oltre a essere un mezzo di movimento per darsi la spinta e girarsi nell'acqua, le zampe delle tartarughe acquatiche fungono anche da difesa rispetto ai possibili attacchi dei predatori. Come se non bastasse, si tratta di notevoli mezzi di comunicazione che soprattutto i maschi (ma a volte anche le femmine), usano in fase di accoppiamento.

Non servono solo per l'atto sessuale in sé, ma anche e soprattutto per il corteggiamento. Infatti, durante l'approccio, vengono fatte fluttuare, come se svolazzassero, per far conoscere le proprie intenzioni. Inoltre servono ad avere un approccio soft, ad accarezzare la possibile compagna per fare in modo che tutto avvenga in maniera dolce e gradevole.

Inoltre le tartarughe sono animali sprovvisti di diaframma. Per respirare, quindi, mettono in funzione i muscoli del collo e le zampe. Alcune specie di esemplari marini, poi, assorbono l'ossigeno attraverso la pelle.

Zampe delle tartarughe d’acqua: problemi e soluzioni

  • Fratture e lesioni;
  • Ferite e infezioni;
  • Noduli e ascessi.

Nonostante siano molto forti, le zampe delle tartarughe d'acqua – così utilizzate ed esposte - possono avere dei problemi di salute che vanno risolti nel più breve tempo possibile. Solo in questo modo possono garantire la massima funzionalità all'animale e fare in modo che abbia uno stile di vita sostenibile.

In base alla lesione riportata, il veterinario stabilirà il tipo di intervento. Nel caso di fratture è quasi certo che si opti per un'operazione chirurgica. Inoltre, sulle rocce o entrando in contatto con altre specie acquatiche, gli arti si possono ferire e, se trascurati, possono infettarsi fino a provocare la perdita delle unghie. Ecco perché sono così importanti il monitoraggio delle associazioni animaliste in mare e la cura del proprietario in cattività. Nelle zampe, infine, non è raro che si creino noduli e ascessi che indicano un danno a livello osseo.

Fondamentale è che uno specialista visiti le zampe delle tartarughe d'acqua per valutare la gravità della situazione, stabilire la diagnosi e la cura più idonea alla risoluzione del problema. Se l'acqua da una parte agisce da agente pulente e disinfettante, può anche ritardare la guarigione di determinati danni. Ecco allora che non è il caso di temporeggiare se si nota qualcosa di anomalo nel proprio animale domestico oppure se si avvista una tartaruga sofferente in mare o nel lago.

CONDIVIDI: