Tumore Mammario del Cane: come riconoscerlo?

Tumore Mammario del Cane: come riconoscerlo?
Ultima modifica 19.02.2024
INDICE
  1. Generalità
  2. Cos'è
  3. Cause
  4. Sintomi e Complicanze
  5. Diagnosi
  6. Terapia
  7. Prognosi
  8. Prevenzione

Generalità

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/02/16/tumore-mammario-nel-cane-orig.jpeg Shutterstock

Il tumore mammario del cane è una neoplasia comune che interessa prevalentemente le femmine di Bassotto, Barboncino, Cocker Spaniel, Boxer, tanto per citare alcune razze.

La causa precisa non è ancora stata compresa; tuttavia, i ricercatori ritengono che abbia un ruolo cardine il progesterone, in quanto promotore di processi di divisione cellulare che, in caso di alterazioni particolari, possono causare tumori.

Anche l'età del cane sembrerebbe avere una certa influenza.

In genere, i tumori mammari del cane si presentano come masse sode e nodulari, poste sotto la pelle, dalle dimensioni variabili (da meno di 1 cm a oltre 3 cm).

Queste masse possono ancora ulcerare e sanguinare.

Per la diagnosi, è fondamentale la biopsia, esame che prevede la raccolta di un campione di tessuto tumorale e la sua analisi al microscopio per la descrizione della natura e, in caso di tumore, della stadiazione.

I trattamenti possibili comprendono: chirurgia, chemioterapia e radioterapia.

Cos'è

Il tumore mammario è una neoplasia che scaturisce dalla proliferazione incontrollata di una cellula costituente i tessuti delle ghiandole mammarie.

Nel cane, il tumore mammario è alquanto comune.

Può essere di natura maligna o benigna.

La tipologia maligna più comune è il carcinoma; i carcinomi mammari del cane possono derivare da una cellula epiteliale, da una cellula dei dotti galattofori (carcinoma duttale) o da altre cellule ancora.
I carcinomi hanno un elevato potere infiltrativo e metastatico.

La tipologia benigna più comune, invece, è l'adenoma, un tumore che interessa sempre i tessuti epiteliali ma che, rispetto al carcinoma, è meno aggressivo ed è privo di potere metastatico.

È da segnalare che il cane può sviluppare, contemporaneamente, tumori mammari maligni e benigni.

Il tumore mammario colpisce solitamente il cane femmina; raramente, tuttavia, può riguardare anche il cane maschio.

Quante mammelle ha il cane?

In genere, il cane ha 5 paia di mammelle, disposte su 2 file parallele tra la zona toracica e la zona inguinale, passando per l'area addominale (toracica craniale, toracica caudale, addominale craniale, addominale caudale, inguinale).

Occasionalmente, però, il cane può avere 4 o 6 paia di mammelle, oppure avere un numero dispari di mammelle.

Cause

Come si formano i tumori?

I tumori sono il risultato di un accumulo di mutazioni genetiche che interessano specificatamente tratti di DNA preposti alla produzione di proteine regolatrici della crescita e della divisione cellulare. Per esempio, sono coinvolti geni da cui derivano proteine che servono a bloccare la divisione della cellula.
Ciò spiega per quale motivo i tumori sono masse cellulari che crescono e si dividono senza alcun controllo.

Cosa provoca il Tumore Mammario nel cane?

La causa precisa del tumore mammario nel cane non è ancora del tutto compresa.

Gli esperti ritengono che possa avere un ruolo importante l'esposizione a specifici ormoni, in particolare il progesterone; quest'ultimo, infatti, stimolando i fattori di crescita, induce la moltiplicazione e la proliferazione cellulare.

Lo stimolo alla proliferazione cellulare, specie quella incontrollata, è un fenomeno biologico notoriamente correlato allo sviluppo di neoplasie.

A confermare il ruolo del progesterone è anche il fatto che la sterilizzazione dei cani femmina (ovariectomia) eseguita prima del primo ciclo di calore è associata a un rischio di comparsa del tumore mammario pari allo 0,5%, ovvero una probabilità bassissima.

Al contrario, la sterilizzazione effettuato dopo il primo e dopo il secondo ciclo di calore è correlata a un rischio di comparsa del tumore mammario pari, rispettivamente, all'8% e al 26%.

Riassumendo, la comparsa del tumore mammario nel cane è collegata senza dubbio ad alcuni ormoni, progesterone in particolare. L'esatta fisiopatologia, tuttavia, è ancora sconosciuta.
Altra certezza è che l'intervento di ovariectomia è protettivo nei confronti del tumore, mentre il mancato intervento comporta un innalzamento del rischio.

Tumore mammario nel cane e genetica

Attualmente, le informazioni in merito ai geni e alle mutazioni che sostengono i tumori mammari del cane sono scarne.

L'idea dei ricercatori è che esista una sorta di geni BRCA anche per il cane.

Chi è più a rischio?

Sono più a rischio di tumore mammario:

  • I cani femmina non sterilizzati (si ricorda quanto in merito al periodo di sterilizzazione);
  • I cani adulti di età compresa tra i 7 e i 13 anni;
  • I cani appartenenti alle razze: Chihuahua, Barboncino, Bassotto, Yorkshire Terrier, Cocker Spaniel, Brittany Spaniel, Setter inglese, Boxer e Doberman Pincher.

Sintomi e Complicanze

Come si manifesta il Tumore Mammario nel Cane?

I tumori mammari del cane possono variare in dimensioni, forma e consistenza; in genere, però, sono masse sode e nodulari.
Possono essere mobili o attaccati al tessuto sottostante.

I tumori mammari possono localizzare accanto o all'interno del capezzolo, oppure seguire la catena mammaria.

In alcuni casi, il tumore è singolo; in altri, invece, è multiplo e le varia masse possono interessare ghiandole mammarie differenti oppure la stessa.

Alle volte, la mammella colpita da tumore può produrre una secrezione anomala.

Tumore Mammario nel Cane ulcerato: cosa significa?

Occasionalmente, la pelle che ricopre il tumore può ulcerarsi (aprirsi) e sanguinare.
In tali frangenti, l'area risulta caldo al tatto e diviene dolorosa.

Tumore Mammario nel Cane e metastasi

Se la diagnosi è tardiva o in caso di mancato trattamento, i tumori mammari maligni del cane possono diventare metastatici, ossia disseminare cellule tumorali (metastasi) in altre parti del corpo attraverso il circolo sanguigni e linfatico.

In un cane, manifestazioni tipiche di un tumore mammario metastatico sono:

Se le metastasi hanno raggiunto i polmoni, l'animale lamenta classicamente problemi respiratori o presenta tosse.

Diagnosi

Tumore Mammario nel Cane: come riconoscerlo?

La diagnosi di tumore mammario del cane inizia tipicamente dall'esame obiettivo (osservazione dell'area toraco-addominale) e dall'anamnesi (domande relative allo stato di fertilità dell'animale ecc.).

Dopodiché, prosegue con un ago-aspirato, una metodica che prevede l'impiego di un ago sottile per l'aspirazione di un campione cellulare direttamente dal tumore e l'analisi di tale campione al microscopio.
L'ago-aspirato chiarisce se le cellule tumorali appartengono a un tumore mammario oppure no; tuttavia, quasi sempre, non permette di stabilire se la neoplasia è maligna o benigna.

Per sapere la natura del tumore, occorre una biopsia, ossia la raccolta di un campione di tessuto tumorale e la sua osservazione al microscopio per studiarne l'istologia.
La biopsia consente non solo di diagnosticare il tumore mammario, ma anche di conoscerne la gravità e la stadiazione (se è agli esordi o in fase avanzata, con tanto di metastasi).

Se dalla biopsia emerge che il tumore mammario del cane è in fase avanzata e potrebbe aver diffuso metastasi in giro, il veterinario ricorre ad altri esami ulteriori, tra cui analisi del sangue, esame delle urine, radiografia del torace (polmoni) ed ecografia addominale, il tutto allo scopo di rintracciare tracce di metastatizzazione in altri organi o tessuti.

Infine, si segnala che, in occasione dell'ago-aspirato e soprattutto della biopsia, il veterinario campiona anche i linfonodi associati alle ghiandole mammarie.

Terapia

Come si cura il Tumore Mammario del Cane?

Chirurgia, chemioterapia e radioterapia sono i tre trattamenti possibili in caso di tumore mammario del cane.

In linea generale,

  • In caso di tumore solitario, il protocollo terapeutico standard prevede la chirurgia come trattamento di prima linea.
    Se le dimensioni della neoplasia sono piccole e non ci sono segni di diffusione in altri organi o tessuti, la terapia chirurgica potrebbe bastare.
  • In caso di tumore multiplo o che coinvolge più catene mammarie, il protocollo terapeutico standard prevede la rimozione chirurgica di tutte le masse tumorali, eventualmente associata a chemioterapia.
  • In caso di tumori mammari di grandi dimensioni o che hanno diffuso metastasi altrove, il protocollo terapeutico potrebbe prevedere un'associazione chirurgia-chemioterapia, la sola chemioterapia oppure una combinazione chemioterapia-radioterapia (la radioterapia si è rivelata particolarmente efficace contro i carcinomi mammari infiammatori).

La scelta precisa del piano terapeutico spetta al veterinario, il quale deciderà sulla base di fattori quali:

  • Dimensioni e stadiazione del tumore;
  • Età del cane;
  • Stato di salute dell'animale.

Radioterapia: quando applicarla?

  • Come terapia neoadiuvante prima della rimozione chirurgica di un tumore di grandi dimensioni;
  • Come terapia adiuvante dopo la rimozione chirurgica, per eliminare ulteriori tracce del tumore;
  • Come cura palliativa.

Chemioterapia: quando applicarla?

La chemioterapia per i tumori mammari trova impiego in caso di metastasi già presenti o quando il rischio metastasi è molto elevato.

Prognosi

In genere, i tumori mammari del cane di grandi dimensioni (superiori ai 3 cm) e quelli con segni di diffusione hanno una prognosi sfavorevole; di contro, i tumori più piccoli di 1 cm hanno una prognosi migliore.

La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo di un tumore mammario riducono il rischio di diffusione della neoplasia e sono associate a una maggiore probabilità di guarigione completa e a un controllo migliore della patologia nel lungo termine.

Fattori fondamentali che incidono sulla prognosi dei tumori mammari del cane sono:

  • Stadiazione;
  • Dimensioni del tumore;
  • Presenza o meno di metastasi;
  • Età del cane;
  • Stato di salute generale del cane.

Sopravvivenza in caso di Tumore Mammario del Cane

Le statistiche dicono che circa la metà dei cani con un tumore mammario maligno hanno prognosi eccellente grazie alla sola chirurgia; l'altra metà, invece, è ad alto rischio di metastasi.

In caso di metastasi, la qualità della vita dell'animale è compromessa e il tasso di sopravvivenza si riduce a meno di 1 anno dalla diagnosi di tumore.

Tumori mammari benigni

La prognosi in caso di tumore mammario benigno è generalmente eccellente.

Prevenzione

Come prevenire il Tumore Mammario del Cane?

Per prevenire il tumore mammario del cane femmina (caso più comune), i veterinari consigliano di sottoporre l'animale a ovariectomia prima del primo ciclo di calore. Come detto in precedenza, così facendo, il rischio di sviluppo della neoplasia si riduce allo 0,5%.

Per approfondire: Sterilizzazione Cane Femmina: quando farla, come avviene e costo

Autore

Dott. Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza