Caring

Tenere una tartaruga di terra all'aperto: come fare

Tenere una tartaruga di terra all'aperto: come fare
Ultima modifica 21.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Come tenere una tartaruga di terra all'aperto?
  2. Si può tenere una tartaruga di terra in giardino?
  3. Dove tenere la tartaruga in giardino?
  4. Come recintare il giardino per la tartaruga di Terra?
  5. Cosa mangia la tartaruga di terra in giardino?
  6. Quante tartarughe si possono tenere in giardino?
  7. Terrario tartarughe di terra per esterni: come crearlo?
  8. Gli step per costruire un terrario all'aperto per la tartaruga di terra

Come tenere una tartaruga di terra all'aperto?

Tenere una tartaruga di terra all'aperto non è così semplice come sembra. Per prendersi cura di questo animale infatti è importante tenere conto di alcuni fattori che riguardano l'alimentazione, la costruzione dell'habitat, ma anche la convivenza con altri animali.

Prima di scoprire come tenere una tartaruga di terra all'aperto però ricordati che puoi unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Si può tenere una tartaruga di terra in giardino?

Sulla carta sì, le tartarughe di terra si possono e si dovrebbero tenere in giardino. Questo perché nonostante le piccole dimensioni, la testuggine di Hermann ha bisogno di molto spazio e richiede anche una certa conformazione del suo habitat, che deve comprendere cavità protette e fitti cespugli di tipo mediterraneo.

Occorre anche ricordare che queste tartarughe sono animali a sangue freddo, pertanto dovrebbero anche contare su una parte della loro abitazione che si trovi in piena esposizione solare, dove la creatura può riscaldarsi. Allo stesso tempo bisogna garantirgli zone in ombra, perché il sole di mezzogiorno è troppo intenso per la loro temperatura corporea. Infine, dovrebbero anche avere a disposizione un piccolo specchio d'acqua.

Alla luce di tutto questo, per tenere una tartaruga di terra in giardino è essenziale conoscere alcune nozioni importanti, al fine di garantire il massimo comfort all'animale.

Dove tenere la tartaruga in giardino?

Come abbiamo già detto, la tartaruga di terra ha bisogno di una zona che sia ben esposta al sole per mantenere il metabolismo del calcio attivo. Dunque scegli un'area del giardino che sia orientata a sud e che si trovi vicino ad una siepe per consentire alla tartaruga di trovare, se lo desidera, un posto all'ombra.

Non dimenticare una vasca con dell'acqua sempre pulita e bassa per bere e farsi il bagno, oltre a un'area in cui ripararsi quando piove. Dopo aver individuato l'area giusta e averla attrezzata ricordati di recintarla, in questo modo potrai proteggere la tartaruga dai pericoli e dai possibili predatori.

Come recintare il giardino per la tartaruga di Terra?

Riguardo alla recinzione, l'ideale sono reti e griglie di protezione alte il doppio della lunghezza dell'animale, il quale, vale la pena ricordarlo, può crescere moltissimo in base alla specie, diventando dunque più grande e grossa con l'incedere dell'età. Le reti vanno piantate in profondità per evitare che la tartaruga si arrampichi o possa scavare. Il recinto dovrebbe anche separare l'habitat della tartaruga dagli spazi abitati da altri animali, come cani o gatti.

Questi animali, di fatto, vengono considerati dalla tartaruga come dei predatori, dunque sarebbe preferibile consentire un'interazione solo in presenza del proprietario. Peraltro occorre anche cercare di non lasciare mai in giardino o a portata della tartaruga ciotole con cibo dedicato ad altri animali, perché questi alimenti potrebbero avere spiacevoli conseguenze per la sua salute.

Cosa mangia la tartaruga di terra in giardino?

  • Erbette
  • Verdura
  • Legumi
  • Frutta
  • Tuberi
  • Parti di fiori e foglie.

L'alimentazione è un altro aspetto chiave per garantire la salute di questo animale in giardino. Le tartarughe sono principalmente erbivore, dunque si alimentano di bacche e frutti che cadono dagli alberi o dai rovi. Saltuariamente integrano in questa dieta insetti, lumache o lombrichi. 

Attenzione invece a non farle vivere negli orti: sono molto golose, di conseguenza potrebbero eccedere mangiando tutto ciò che trovano e arrivare a stare davvero male.

Quante tartarughe si possono tenere in giardino?

E la convivenza con le altre tartarughe? L'ideale sarebbe costruire un gruppo misto composto da tre femmine e un maschio. In alternativa è possibile scegliere esemplari dello stesso sesso, meglio se di taglia uguale e femmine. I maschi infatti potrebbero finire per lottare e farsi del male.

Terrario tartarughe di terra per esterni: come crearlo?

  • Crea uno spazio proporzionato;
  • Controlla il rapporto umidità e temperatura;
  • Aggiungi un substrato morbido;
  • Inserisci una pozza d'acqua ampia e bassa.

Se vuoi creare un terrario completo e ben organizzato e non limitarti solo a far vivere la tartaruga in giardino, occorre seguire delle regole. Innanzitutto assicurati che lo spazio presente nel terrario sia proporzionato e sufficiente per le dimensioni della tartaruga, ma anche rispetto al numero di esemplari che sono presenti e al sesso.

Poi, crea un substrato morbido per consentire alle tartarughe di scavare, aggiungendo ripari e rifugi. Aggiungi inoltre una pozza d'acqua ampia e bassa e cura il rapporto fra umidità e temperatura.

Gli step per costruire un terrario all'aperto per la tartaruga di terra

  • Procurati il materiale;
  • Scegli una zona asciutta, soleggiata e calda;
  • Costruisci un recinto;
  • Assicurati che la temperatura sia corretta;
  • Elimina erbe e piante velenose o tossiche;
  • Inserisci dei ripari e delle vaschette d'acqua.

Per costruire un terrario per tartarughe di terra ti serviranno dei pannelli in legno compensato, viti, trapano, una sega, metro a nastro e matita. Scegli innanzitutto una zona asciutta, soleggiata e calda, poi costruisci un recinto che sia largo almeno un metro e mezzo per consentire alle tartarughe di muoversi liberamente.

Recinta al meglio la zona per impedire all'animale di scappare e assicurati che la temperatura sia sempre intorno ai 18-26 °C. Pianta in profondità le recinzioni: le tartarughe amano scavare dunque potrebbero riuscire a scappare se la recinzione non viene ideata nel modo giusto.

Quale materiale scegliere per il terrario? Punta sul legno d'acero, pesante e resistente, oppure sull'abete rosso che rilascia un aroma molto delicato, particolarmente piacevole per l'animale. Mentre il legno massello è l'ideale per le strutture che sono spesso a contatto con l'acqua. Infine il legno d'abete è morbido, ma resistente, mentre il mogano è ottimo per contrastare l'umidità e non si deforma con il tempo.

Ricordati infine di eliminare dall'area tutte le possibili piante velenose e di inserire erbe di campo o insalate. Essenziali pure i rifugi: casette in legno in cui la tartaruga potrà trovare un luogo tranquillo nel quale nascondersi e sentirsi al sicuro.

CONDIVIDI: