Siberian Husky: come prendersene cura

Siberian Husky: come prendersene cura
Ultima modifica 19.01.2024
INDICE
  1. Carattere e comportamento del Siberian Husky: impariamo a conoscerlo
  2. Come e quanto mangia un Husky?
  3. Salute dell'Husky: problemi e malattie frequenti
  4. Descrizione del Siberian Husky: com'è fatto?

Il Siberian Husky è un cane da lavoro di taglia medio-grande, che appartiene alla famiglia genetica degli Spitz.

Con doppio mantello e pelo spesso, orecchie triangolari e dritte, viene spesso confuso con il l'Alaskan Malamute, dal quale si distingue per le dimensioni decisamente inferiori,

I Siberian Husky sono originari dell'Asia nord-orientale, dove vengono allevati dal popolo Chukchi per il traino delle slitte e la compagnia.

È una razza attiva, energica e resistente, i cui antenati popolavano l'Artico siberiano.

William Goosak, un commerciante russo di pellicce, li introdusse a Nome, in Alaska, durante la corsa all'oro, per fronteggiare l'ostilità dell'ambiente altrimenti impraticabile. Oggi, il Siberian Husky viene generalmente tenuto come animale domestico, sebbene sia ancora spesso utilizzato come cane da slitta in ambito competitivo e ricreativo.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/01/19/siberian-husky-orig.jpeg Shutterstock

Carattere e comportamento del Siberian Husky: impariamo a conoscerlo

L'Husky, di solito, ulula invece di abbaiare.

Sono veri e propri "artisti della fuga": scavano, distruggono masticando e saltano le recinzioni più ostili.

Pare che siano ottimi "bambinai", sia da quanto riportato nella letteratura delle popolazioni che li hanno usati per molti secoli, sia da quanto riporta l'ASPCA.

Si tratta di una razza troppo energica da poter rimanere in ambienti chiusi, come le abitazioni umane, ed ha particolari esigenze di esercizio fisico; ignorando queste necessità, possono diventare distruttivi.

I Siberian Husky hanno una spiccata tendenza alla caccia, anche in branco, e sono particolarmente accaniti verso i gatti, gli uccelli e gli scoiattoli. Con un buon addestramento in età precoce si possono ottenere buoni risultati, ma è bene fare molta attenzione, ed evitare di tenerli senza guinzaglio nei luoghi frequentati da queste specie animali.

Per questa razza è consigliata una recinzione di 180 cm, anche se alcuni possono scavalcare recinzioni alte fino a 2,50 m. La recinzione a bassa tensione elettrica potrebbe non essere efficace. Hanno bisogno di compagnia frequente, poiché si tratta di creature con forte attitudine al branco.

Il carattere del Siberian Husky è amichevole e gentile, e non possono essere utilizzati come cane da guardia, poiché, in genere, non mostrano aggressività nei confronti degli umani. Non sono particolarmente predisposti alla guida, perché la razza mostra spesso una certa indipendenza. Il tentativo di insegnare al Siberian Husky un comportamento aggressivo può portare a problemi mentali nell'animale. Può essere addirittura pericoloso per il proprietario. Il cane è intelligente, ma può essere testardo, impulsivo e disattento.

I Siberian Husky sono stati classificati da Stanley Coren al 77° posto su 138 razze confrontate per la loro intelligenza. Tuttavia, la valutazione si concentrava sull'addestrabilità, ovvero la capacità di un cane di seguire la direzione e i comandi. Il lavoro del Siberian Husky come cane da slitta sfrutta le altre due forme di intelligenza canina: "Intelligenza istintiva" e "Intelligenza adattiva".

Come e quanto mangia un Husky?

La dieta del Siberian Husky varia a seconda dell'età e delle eventuali condizioni di salute che potrebbe avere.

Il veterinario è in grado di dirti quanto dovrebbe mangiare l'animale in questione, ma tieni presente che potrebbe mangiare più di quanto ti aspetti. E' sempre bene scegliere un cibo per cani completo, di buona qualità, anche se commerciale.

In linea di massima, i cuccioli dovrebbero mangiare circa il 5% del loro peso, mentre gli adulti circa il 3-4%.

Alcuni consigliano di suddividere la razione giornaliera in due pasti. E' anche bene tenere conto dei bocconcini occasionali, anche per l'addestramento, che non dovrebbero costituire più del 10% del loro apporto calorico.

E' sempre consigliabile nutrirli ad orari regolari, lasciando il giusto tempo tra il pasto e l'attività fisica.

Salute dell'Husky: problemi e malattie frequenti

Una pubblicazione dell'ASPCA (Società Americana per la Prevenzione della Crudeltà verso gli Animali) del 1999 mostra che la durata media del Siberian Husky va dai 12 ai 14 anni.

I problemi di salute di questa razza sono principalmente genetici, come convulsioni (epilessia nel cane) e difetti oculari (cataratta giovanile, distrofia corneale, glaucoma canino e atrofia progressiva della retina) e paralisi laringea congenita.

La displasia dell'anca non si riscontra spesso; tuttavia, come per molti canini di taglia media o grande, non è impossibile. La Orthopaedic Foundation for Animals ha classificato il Siberian Husky al 155° posto su 160 razze a rischio, con solo il 2% degli esemplari testati che mostra displasia.

I Siberian Husky da slitta possono essere soggetti ad altri disturbi, come malattie gastrichebronchite o disturbi broncopolmonari ("asma da sci") ed ulcerazioni gastriche.

Un numero abbastanza limitato di esemplari potrebbe essere vulnerabile all'effetto del fondatore (founder effect), cioè la perdita di variazione genetica che si verifica quando una nuova popolazione viene costituita da un numero molto piccolo di individui provenienti da una popolazione più ampia.

Descrizione del Siberian Husky: com'è fatto?

Mantello

Il Siberian Husky ha un doppio mantello, più spesso di quello della maggior parte delle altre razze canine. Ha due strati: un sottopelo fitto e un pelo di copertura più lungo e spesso. Questo è in grado di proteggere l'organismo dalle temperature più rigide in inverno (fino a −50/60 ° C) e di riflettere i raggi solari d'estate. Tuttavia, richiede una toelettatura settimanale. Se troppo lungo, è considerato un difetto, sia per ragioni estetiche, sia perché determina un più rapido surriscaldamento durante lavori impegnativi, oltre ad incrostarsi di ghiaccio.

I Siberian Husky sono reperibili in una varietà di colori, spesso con le zampe, parte del muso e punta della coda bianchi. Esempi di pigmento del mantello sono bianco e nero, rosso rame e bianco, grigio e bianco, bianco puro e il più raro "agouti". Maschere, occhiali e altri segni facciali si possono trovare in un'ampia varietà di combinazioni.

Il mantello Merle non è ammesso dall'American Kennel Club (AKC) e dal Kennel Club (KC), ed è inoltre spesso associato a problemi di salute e ad allevamento impuro.

Occhi

L'American Kennel Club descrive gli occhi del Siberian Husky come "a mandorla, moderatamente distanziati e leggermente obliqui".

Lo standard di razza AKC prevede che gli occhi possano essere marroni, blu o neri; sono accettabili uno o più colori (eterocromia), il che non pregiudica la visione del cane.

Naso

Si preferisce che i cani da esposizione non abbiano il naso né appuntito né quadrato. Il tartufo è nero nei cani grigi, marrone chiaro nei cani neri, color fegato nei cani color rame e può essere marrone chiaro nei cani bianchi. In alcuni casi, possono esibire quello che viene chiamato "naso da neve" o "naso invernale", cioè l'ipopigmentazione.

Coda

La coda del Siberian Husky è fortemente pelosa; questi cani spesso si rannicchiano con la coda sul viso e sul naso per fornire ulteriore calore (Siberian Swirl). L'AKC raccomanda che la coda sia "espressiva", tenuta bassa quando il cane è rilassato e curvata verso l'alto, a "falce", quando è eccitato o interessato a qualcosa.

Dimensioni

Lo standard della razza indica che i maschi di Siberian Husky siano idealmente alti tra 50 e 60 cm al garrese e pesano tra 20 e 27 kg. Le femmine sono più piccole, raggiungono un'altezza al garrese compresa tra 48 e 58 cm e un peso compreso tra 16 e 23 kg. A Nome ci si riferiva ai Siberian Husky col nome di "ratti siberiani", perché più piccoli rispetto all'Alaskan Malamute (34–39 kg).

Autore

Riccardo Borgacci

Riccardo Borgacci

Dietista e Scienziato Motorio
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer