Veterinaria

Razze di Gatti a più alto rischio di Malattie Genetiche: quali sono?

Razze di Gatti a più alto rischio di Malattie Genetiche: quali sono?
Ultima modifica 04.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Introduzione
  2. Cos'è il maltrattamento genetico?
  3. Razze di Gatto più a rischio
  4. Cosa fare se si vuole un Gatto di Razza?

Introduzione

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/03/01/razze-gatti-malattie-genetiche-orig.jpeg Shutterstock

I gatti di razza sono animali molto desiderati per via di una serie di caratteristiche estetiche che li rendono unici. Tanto per citare qualche esempio, chi non riconosce a prima vista il musetto del gatto Persiano o chi non si sorprende di fronte al mantello lucido del Maine coon?

Tuttavia, se da un lato la pratica di selezione artificiale delle varie razze incentrata unicamente sull'estetica ha portato allo sviluppo di animali fortemente caratteristici, dall'altro ha innescato un processo di riduzione della diversità genetica e coltivato terreno fertile per numerose predisposizioni verso svariate condizioni.

La selezione e l'incrocio artificiali, quindi, hanno compromesso la salute e il benessere generale dei gatti di razza.

Questo articolo mira ad analizzare quali razze di gatto sono maggiormente predisposte a sviluppare patologie associata alla genetica o alle loro caratteristiche estreme

Cos'è il maltrattamento genetico?

Il maltrattamento genetico è una pratica di selezione e incrocio artificiale delle razze incentrata unicamente sull'aspetto estetico e dove benessere e salute degli animali non sono una priorità.

Nel maltrattamento genetico, c'è una ricerca esagerata dell'estetica, a discapito del benessere degli animali; c'è scarsa consapevolezza delle conseguenze che l'allevamento di razza con conformazioni fisiche estreme può avere sulla salute degli animali.

I fattori che alimentano questa tendenza non sono ancora del tutto chiari.
Probabilmente, le influenze sociali, culturali e la moda hanno giocato e giocano ancora un ruolo fondamentale.

Quali sono gli effetti del maltrattamento genetico?

Il maltrattamento genetico ha un prezzo:

  • Comporta una riduzione della diversità genetica e promuove la trasmissione di caratteri ereditari associate a patologie genetiche;
  • Favorisce un fenomeno noto come depressione da consanguineità;
  • Estremizza alcune caratteristiche fisiche che, se da un lato sono apprezzate (perché rendono peculiare la razza considerata), dall'altro sono fattori di rischio per le cosiddette patologie da conformazione (per esempio, il muso corto e largo dei Persiani favorisce problematiche di natura respiratoria, di deglutizione e di masticazione).

Il maltrattamento genetico sfrutta un numero ristretto di genitori; inoltre, comprende l'accoppiamento di gatti imparentati fra loro; tutto questo serve a mantenere la purezza della razza e determinate caratteristiche morfologiche.

Tuttavia, fin dai tempi di Darwin, gli studi di genetica relativi all'incrocio fra parenti ha mostrato che questa pratica ha svariate complicanze:

  • Riduzione della fertilità;
  • Riduzione della figliata;
  • Riduzione della vitalità degli spermatozoi;
  • Interruzione dello sviluppo;
  • Calo della natalità;
  • Aumento della mortalità infantile;
  • Riduzione dell'aspettativa di vita;
  • Riduzione della taglia;
  • Calo delle funzioni del sistema immunitario e conseguente predisposizione verso il cancro e le infezioni;

Maggiore frequenza di malattie congenite a causa di una maggiore espressione di alleli deleteri.

Razze di Gatto più a rischio

I dati in letteratura relativi alle razze con maggiori predisposizioni a malattie e altri disturbi sono numerosi, ma poco organizzati. Una consultazione, infatti, è alquanto complessa, poiché non esiste un vero e proprio raccoglitore che tratti questo argomento.

In questa sezione, pertanto, l'articolo riporterà le predisposizioni alle malattie nelle razze più note.
Prenderà in considerazioni sia disturbi derivante dalla genetica, sia disturbi dovuti alla conformazione.

Predisposizioni del Siamese

Il gatto Siamese è, senza dubbio, una delle razze di gatto più note al Mondo; peculiari sono il suo mantello bicolore, gli occhi blu, il suo viso triangolare, il mantello setoso e sottile, e il corpo elegante e longilineo.

Purtroppo, il gatto Siamese registra numerose predisposizioni.

Innanzitutto, è incline a sviluppare alcuni tumori, tra cui:

  • Il linfoma mediastinico. Si tratta di un tumore del sangue aggressivo, che colpisce soprattutto gli esemplari giovani affetti da leucemia felina;
  • L'adenocarcinoma intestinale. Nei Siamesi, il rischio per questo tumore dell'intestino è fino a 8 volte superiore rispetto ad altre razze;
  • Il mastocitoma cutaneo.

Altre predisposizioni del Siamese sono verso:

I Siamesi, infine, sono soggetti a patologie cardiovascolari (es: cardiomiopatia dilatativa) e ad alcune infezioni (es: blastomicosi, criptococcosi ecc.).

Predisposizioni nello Scottish fold

Lo Scottish fold si caratterizza per le sue orecchie del tutto particolari.

Pochi sanno, tuttavia, che questa peculiarità delle orecchie è il risultato di una mancanza congenita di cartilagine, che interessa varie parti del corpo e che prende il nome di osteocondrodisplasia.

Effetti della osteocondrodisplasia nello Scottish fold sono:

A causa del dolore articolare, lo Scottish fold potrebbe desistere dal mettere in atto comportamenti del tutto naturali per un gatto, come saltare, correre ecc.

Nelle forme gravi, l'osteocondrodiplasia può compromettere definitivamente la capacità di camminare.

L'osteocondrodisplasia è il risultato di un tratto genetico dominante, ragion per cui tutti i gatti appartenenti a questa razza soffrono di tale patologia.

Predisposizioni nel Persiano

Grazie al suo lussuoso mantello e al suo caratteristico musetto schiacciato, il gatto Persiano costituisce una delle razze più apprezzate; nel Regno Unito, per esempio, è la sesta razza di gazzo più popolare.

Secondo una ricerca condotta dal Royal Veterinary College dell'Università di Londra in collaborazione con l'Università di Edimburgo, i 2/3 dei gatti Persiani soffre di almeno un problema di salute correlato alla ridotta diversità genetica o alla particolare conformazione.

Innanzitutto, è doveroso segnalare che, per via del muso schiacciato e largo (brachicefalia), i Persiani sono suscettibili a problemi di masticazione e deglutizione, e alla BOAS, la sindrome ostruttiva delle vie aeree; questa condizione potrebbe comportare:

In secondo luogo, la ricerca ha evidenziato che il gatto Persiano tende a soffrire di disturbi del pelo, malattie dentali (dovute a prognatismo), patologie della pelle (es: dermatofitosi), eccessiva secrezione oculare (epifora idiopatica) e cardiomiopatia ipertrofica (una cardiopatia).

Infine, i gatti Persiani nascono spesso con una condizione renale nota come rene policistico, una malattie genetica caratterizzata dalla presenza di cisti a livelli dei reni.

Lo sapevi che…

Anche alcune note razze di cane sono brachicefaliche: è il caso del Carlino e del Bulldog francese.
Occorre precisare che, nei cani, la brachicefalia ha conseguenze molto più gravi rispetto a quanto accade nei gatti.

Predisposizioni nel Gatto del Bengala

I Gatti del Bengala (o Bengalesi) spiccano per l'intelligenza, la giocosità, l'energia e per il loro particolare aspetto da gatto selvatico.

Questa razza è particolarmente predisposta ai disturbi oculari, in particolare cataratta (un annebbiamento della vista che, di solito, compare in età avanzata) e atrofia progressiva della retina (una malattia degenerativa incurabile che causa cecità).

Secondo il Feline Health Center della Cornell University, i Bengalesi sono anche inclini a sviluppare cardiomiopatia ipertrofica, una patologica cardiaca caratterizzata dall'innaturale ispessimento del miocardio. La cardiomiopatia ipertrofica ha svariate conseguenze, tra cui:

Predisposizioni nel Ragdoll

Molto amato per i suoi occhi azzurri e per il mantello setoso, il Ragdoll è un'altra razza molto popolare con diverse predisposizioni.

In particolare, è incline a sviluppare la già citata cardiopatia ipertrofica per via di una mutazione genetica a carico del gene MYBPC3; in genere, questa cardiopatia compare in età medio-avanzata e colpisce soprattutto gli esemplari maschi.

In secondo luogo, in questa razza, è frequente l'alterazione genetica che predispone al rene policistico, altra condizione già citata in precedenza.

Infine, il Ragdoll è suscettibile a soffrire di:

  • Obesità, motivo per cui è bene pianificare una dieta corretta;
  • Tromboembolismo;
  • Criptococcosi, un'infezione fungina diffusa soprattutto in alcune zone del Mondo (costa del Pacifico nel Nord America, Australia e alcuni parti dell'Europa).

Lo sapevi che…

Esistono quattro tipi di criptococcosi: nasale, nervosa, cutanea e sistemica. La tipologia nasale è quella più diffusa e si caratterizza per starnuti cronici, secrezione nasale e problemi respiratori.

Predisposizioni nel Manx

Il Manx è una razza di gatto caratterizzata dall'assenza totale o semi-totale della coda.

Questa caratteristica, tuttavia, ha un prezzo, che ripercuote sulla qualità di vita dell'animale: infatti, è causa di una patologia nota come sindrome di Manx, che può avere varie conseguenze.

La sindrome di Manx può causare:

La sindrome di Manx può presentarsi con una sintomatologia più o meno grave, a seconda di quanto è estesa la mancanza della coda: l'assenza totale della coda corrisponde generalmente a sintomi più severi, rispetto a quando c'è una parte della coda.

Predisposizioni nello Sphynx

La razza Sphynx si caratterizza per gatti completamente privi di pelo.

L'assenza di pelo ha varie ripercussioni sullo stato di salute:

  • Innanzitutto, comporta un accumulo di sebo sulla pelle; il pelo, infatti, serve ad assorbire il sebo in eccesso.
    In assenza di lavaggi periodici della pelle, il sebo in eccesso può causare orticaria pigmentosa, mastocitosi cutanea e infezioni.
  • In secondo luogo, si associa a una spiccata sensibilità per la luce solare; il pelo, infatti, serve a proteggere dai raggi UV. Il gatto Sphynx non andrebbe fatto uscire alla luce del sole, perché potrebbe sviluppare macchie sul corpo e tumori cutanei.
  • In ultimo, provoca problemi di termoregolazione corporea. A causa della mancanza di pelo, il gatto Sphynx si raffredda facilmente. Fondamentale, infatti, è l'impiego di abiti specifici per gatti.
    Anche per via di questi problemi di termoregolazione, questo razza di gatto non dovrebbe uscire.

Il gatto Sphynx, inoltre, è suscettibile alle infezioni delle orecchie, a causa dell'accumulo di cerume.

Infine, si segnalano predisposizioni per la malattia paradontale, per la cardiomiopatia dilatativa e per una condizione nota come miopatia ereditaria.

Cosa fare se si vuole un Gatto di Razza?

Se si desidera un gatto di razza, è importante adottare alcune precauzioni, sia per salvaguardare al massimo la salute dell'animale stesso sia per evitare che la gestione di un simile animali diventi una sofferenza per il padrone nonché una spesa rilevante.

Innanzitutto, è bene informarsi in merito alle caratteristiche e alle predisposizioni della razza desiderata; in questo modo, il padrone è a conoscenza di quali segni potrebbero rappresentare un campanello d'allarme, tale per cui occorre rivolgersi a un veterinario.

In secondo luogo, è fortemente raccomandato di assicurarsi che l'allevatore da cui proviene l'animale abbia svolto la propria attività con il massimo rispetto per la salute e il benessere del gatto. 

Terzo, una volta adottato un gatto di razza, sarebbe opportuno sottoporlo a controlli veterinari periodici almeno 1 volta all'anno, se non anche ogni 6 mesi; questa precauzione permette di monitorare la salute dell'animale in ottica predisposizioni.
Le visite periodiche comportano una spesa non indifferente, che però è sicuramente inferiore rispetto a quella che comporta la cura di patologie ormai consolidate e in fase avanzata (il monitoraggio e la diagnosi precoce potrebbero non prevenire comunque certe malattie, ma potrebbero aiutare a rallentarne la progressione).

CONDIVIDI:

Autore

Dott. Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza