Caring

Quanto tempo può stare un gatto nel trasportino?

Quanto tempo può stare un gatto nel trasportino?
Ultima modifica 30.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Gatto e trasportino: come farlo stare bene?
  2. Come posizionare il trasportino?
  3. Come non stressare il gatto nel trasportino?
  4. Quanto tempo può viaggiare un gatto?
  5. Come far stare tranquillo un gatto in macchina?
  6. Cosa dare al gatto per un lungo viaggio?

Gatto e trasportino: come farlo stare bene?

Creando un ambiente confortevole, facendo delle pause ogni tanto (fondamentale: portare sempre con sé il guinzaglio), sicuramente aiuta a rendere più facile viaggiare con il gatto. Del resto portare un gatto in viaggio può rappresentare una sfida per molti proprietari, poiché i felini sono notoriamente creature territoriali e sensibili ai cambiamenti nell'ambiente circostante. Uno degli strumenti fondamentali per rendere i viaggi con il gatto più sicuri e confortevoli è il trasportino.

Tuttavia, quanto tempo può stare un gatto nel trasportino e come rendere l'esperienza di viaggio piacevole per il felino sono domande alle quali occorre rispondere prima di intraprendere qualsiasi viaggio con il nostro animale domestico.

Prima di saperne di più sull'argomento e scoprire tutti i suggerimenti per capire quanto tempo può stare un gatto nel trasportino, vi ricordiamo che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e al profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Come posizionare il trasportino?

  • Creare un ambiente confortevole;
  • Posizionare in alto il trasportino;
  • Lasciare il trasportino aperto e a disposizione;
  • Usare dei premietti.

Abituare un gatto al trasportino è un passo fondamentale per garantire sia a noi che al nostro animale domestico viaggi sicuri e senza stress. Occorre iniziare per tempo, lasciando il trasportino a disposizione del gatto in casa, aperto e accessibile, in modo che possa abituarsi alla sua presenza.

Il trasportino ovviamente deve avere le caratteristiche adatte al nostro gatto, di modo che possa star comodo e muoversi al suo interno senza sentirsi rinchiuso o limitato nei movimenti. Essendo questi animali abituati a spazi ampi, e a guardare il mondo dall'alto così da poter mantenere una visione tridimensionale dell'ambiente circostante, ideale sarebbe posizionare il trasportino (e, idealmente, anche tutti gli oggetti del gatto, come le ciotole) in un punto rialzato.

Potremmo poi mettere all'interno del trasportino dei premietti, per invogliare il nostro gatto a familiarizzarci. Offri premi e coccole quando il gatto si avvicina o entra nel trasportino, associando esperienze positive al suo utilizzo.

Come non stressare il gatto nel trasportino?

Il consiglio è quello di far abituare il gatto gradualmente all'uso del trasportino, per evitare stress e disagio nell'animale. In ogni caso, per togliere di mezzo qualsiasi dubbio, si può ricorrere anche al parere di uno specialista, come un medico veterinario comportamentalista.

Sono dei professionisti specializzati nella prevenzione e nella cura dei disturbi legati al comportamento negli animali di affezione. I medici veterinari comportamentalisti riconosciuti in Italia sono iscritti nell'elenco della Fnovi (Federazione nazionale ordini veterinari italiani).

Quanto tempo può viaggiare un gatto?

  • Il meno possibile.

Non c'è altro modo di dirlo: il meno possibile. Tuttavia, una volta che il gatto è abituato al trasportino, dovrebbe anche essere pronto per affrontare un viaggio, o comunque un lungo lasso di tempo al suo interno. Ovviamente, definire la quantità di questo "lungo lasso di tempo" è difficile, dato che ogni animale ha il suo carattere e i suoi limiti di tolleranza.

Se il viaggio è molto lungo non è un dramma lasciare diverse ore il nostro animale domestico nel suo trasportino, a patto che abbia lo spazio e il contesto adatti per non soffrire nello stare chiuso per diverso tempo.

Addirittura, se il gatto è ormai abituato e non dà segni di insofferenza, il consiglio degli esperti è quello di lasciarlo tranquillo nel trasportino e, anzi, cercare di non disturbarlo. Tendenzialmente, una volta che trova il suo equilibrio nel trasportino, converrebbe lasciarlo lì finché non finisce il viaggio, per non alterare il suo equilibrio.

Il rischio è quello che, attivandolo a metà del viaggio, gli si possa far venire voglia di fare altro, e a quel punto potrebbe non essere più così semplice farlo rientrare nel trasportino o farlo stare tranquillo.

 

Come far stare tranquillo un gatto in macchina?

  • Usando un trasportino di dimensioni adeguate;
  • Fornendogli giochi o oggetti preferiti;
  • Non disturbandolo se riposa.

Bisogna quindi fare in modo che il nostro gatto stia tranquillo dall'inizio alla fine del viaggio nel trasportino, ma è chiaro che oltre, ad esempio, una decina di diventa impensabile tenere l'animale chiuso nel trasportino. In ogni caso, sarà lo stesso gatto a farci capire quando il tempo passato lì dentro diventa troppo.

Volendo si può provare a vedere, durante le soste, se il nostro animale vuole bere o mangiare, ma neanche è così necessario, dato che un gatto che riposa tante ore potrebbe non averne voglia (oltre al fatto che, se non fosse molto abituato ai viaggi, potremmo causargli la nausea).

Cosa dare al gatto per un lungo viaggio?

Nel caso in cui non si riuscisse a far abituare il gatto al trasporto in macchina, in commercio esistono soluzioni come feromoni o prodotti naturali che possono aiutare a favorirne l'ambientazione, ma sono comunque prodotti che è sempre bene vengano indicati da figure professionali competenti, come un medico veterinario esperto in comportamento animale.

In conclusione, Il tempo che un gatto può trascorrere nel suo trasportino può variare a seconda di molti dettagli, ma ciò che è certo è che, a meno che non abbiamo un gatto già abituato a viaggiare e a passarci molto tempo dentro, dovremmo armarci di pazienza e prepararci per tempo per essere sicuri che, quando ne avremo bisogno, potremo affrontare qualsiasi tipo di viaggio in compagni del nostro amato felino.

CONDIVIDI: