Caring

Le nuove regole per far entrare i cani negli Stati Uniti

Le nuove regole per far entrare i cani negli Stati Uniti
Ultima modifica 24.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Far entrate i cani negli Stati Uniti: le nuove regole
  2. Le regole per far entrare i cani negli USA
  3. Cos’è il certificato sanitario
  4. Le regole per trasferire cani dagli Stati Uniti all’Italia
  5. Come viaggiare in aereo con il cane

Far entrate i cani negli Stati Uniti: le nuove regole

Le regole per far entrare i cani negli Stati Uniti sono cambiate ed è essenziale conoscerle per affrontare un viaggio Oltreoceano con il proprio animale in completa sicurezza e senza problemi. Le autorità statunitensi infatti hanno deciso di modificare le norme riguardanti l'ingresso dei cani nel Paese dopo alcuni casi di esemplari risultati positivi alla rabbia al fine di prevenire possibili contagi.

Prima di scoprire su questo argomento però non dimenticarti di unirti al nostro canale Whatsapp per essere sempre aggiornati su salute e benessere e di seguirci su Instagram per conoscere storie e curiosità dal mondo degli animali.

Le regole per far entrare i cani negli USA

  • Età minima di 6 mesi
  • Presenza delle vaccinazioni
  • Presenza del microchip
  • Vaccinazione antirabbica
  • Certificato sanitario

L'8 maggio 2024 il CDC, ossia il Centro per la prevenzione e del controllo delle malattie USA del Dipartimento della salute ha diffuso le nuove regole relative all'ingresso dei cani negli Stati Uniti. Il nuovo regolamento, in vigore dal 1 agosto 2024 prevede che l'età minima dei cuccioli di cane sia di 6 mesi, questo perché è l'età in cui i cani possono iniziare ad essere vaccinati.

Gli animali dovranno inoltre avere un microchip sotto pelle contenenti il codice per verificare la presenza della vaccinazione antirabbica. Questa decisione normativa è arrivata dopo che negli scorsi anni negli Stati Uniti hanno fatto il loro ingresso alcuni cani a cui è stata riscontrata la rabbia.

Il pericolo dunque è che questi casi possano aumentare, provocando un'emergenza, proprio per questo il CDC ha deciso di correre ai ripari dal punto di vista legislativo.

Cos’è il certificato sanitario

Per viaggiare in compagnia del tuo cane dall'Italia negli Stati Uniti è richiesto un certificato sanitario che è paragonabile ad un vero e proprio passaporto che è associato all'animale. Il documento deve essere compilato sia in lingua inglese che italiana e rilasciato dall'Azienda Sanitaria Locale relativa al territorio di residenza.

Le informazioni contenute nel certificato sanitario sono relative alla razza, alla data di nascita al colore e al sesso dell'animale. Troviamo poi l'anagrafica legata al proprietario e le informazioni riguardo le condizioni del cane.

Il certificato sanitario inoltre dovrà dimostrare che l'animale è stato sottoposto ad una visita da parte del veterinario il giorno stesso dell'emissione del documento e che le sue condizioni di salute erano buone.

Va poi indicato lo stato delle vaccinazioni, in particolare quella antirabbica che andrà somministrata venti giorni prima della partenza verso gli USA.

Le regole per trasferire cani dagli Stati Uniti all’Italia

  • Certificato veterinario
  • Certificato di vaccinazione antirabbica
  • Microchip
  • Gabbia
  • Passaporto veterinario europeo
  • Età maggior di tre mesi

Il 2 ottobre 2004 è entrata in vigore la normativa europea 998/2003/EC che ha lo scopo di fissare i requisiti che riguardano la sanità veterinaria per trasferire gli animali da compagnia (gatti e cani) a scopo non commerciale. 

Secondo questa normativa per ammettere sul territorio italiano gli animali che provengono da paesi terzi, fra cui gli Stati Uniti, è d'obbligo che l'animale sia accompagnato da alcuni documenti. Prima di tutto il Certificato Veterinario della Comunità Europea, ossia un certificato veterinario che riporta i dati del proprietario, i dati per identificare l'animale e la sua descrizione, oltre all'indicazione riguardo la vaccinazione.

Inoltre è richiesta la certificazione di vaccinazione antirabbica. Nel caso si tratti della prima vaccinazione sarà necessario un tempo d'attesa di ventuno giorni prima di entrare sul territorio italiano. Non esistono proroghe per l'iniezione di richiamo, l'importante è che risulti evidente che il richiamo è stato somministrato prima della scadenza della validità dell'antirabbica.

Inoltre sono necessari il microchip e la gabbia (oppure il contenitore). Quest'ultima andrà etichettata, riportando nome e indirizzo del proprietario e i numeri telefonici in Italia.

Quando l'animale sarà entrato nel Paese, il veterinario del servizio sanitario nazionale dovrà rilasciare un passaporto veterinario europeo, consentendo lo spostamento del cane nei Paesi dell'Unione.

Inoltre per essere ammesso all'interno del territorio italiano, il cane dovrà avere più di tre mesi d'età.

Come viaggiare in aereo con il cane

Se decidi di viaggiare verso gli Stati Uniti quasi sicuramente dovrai prendere l'aereo. I cani di piccole dimensioni hanno la possibilità di viaggiare in cabina se posizionati all'interno dell'apposito trasportino. Devono invece viaggiare in stiva se superano un peso che va dagli otto sino ai dieci chili. Per salire in aereo inoltre non devono superare un peso di settantacinque chili.

Il trasportino deve avere delle misure standard e particolari caratteristiche. Andrà quindi posizionato sotto il sedile e dovrà essere resistente, impermeabile e ben areato.

Le dimensioni massime per un trasportino rigido sono 40x20x24 cm, per un trasportino morbido oppure semirigido invece sono 40x20x28 cm. Il fondo dovrà essere coperto usando una copertina o una traversina assorbente. Mentre il cane potrà non indossare la museruola e il guinzaglio.

CONDIVIDI: