Caring

Pesce scalare, cosa sapere

Pesce scalare, cosa sapere
Ultima modifica 09.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Pesce scalare: da dove iniziare
  2. Dove vive il pesce scalare?
  3. Pesce scalare: convivenza con altri pesci
  4. Quali pesci sono compatibili con gli scalari?
  5. Quanti scalari posso mettere in 100 lt?
  6. Quanto vive in media un pesce scalare?
  7. Scalari più belli: le varietà più amate
  8. Pesce scalare: prezzo

Pesce scalare: da dove iniziare

Il pesce scalare, o pesce angelo, è in assoluto tra i più apprezzati dagli acquariofili: la sua affascinante livrea colorata e il suo aspetto esotico, insieme al temperamento pacato e ai movimenti eleganti, ne fanno uno dei pesci più amati - anche se non il più semplice da allevare.

I pesciolini della specie Pterophyllum scalare hanno delle esigenze ben specifiche, soprattutto in termini di spazio, e nonostante vadano allevati in gruppo non apprezzano la compagnia di tutti i pesci.

Prima di scoprire tutto quello che c'è da sapere sul pesce scalare, però, non dimenticate di unirvi al nostro gruppo Whatsapp e di seguirci su Instagram per essere sempre aggiornati su salute e benessere, anche dei nostri amici pinnuti!

Dove vive il pesce scalare?

Il pesce scalare è un pesce tropicale d'acqua dolce originario dei bacini dell'Amazzonia: in natura vive nel Rio delle Amazzoni, nei fiumi brasiliani Ucayali, Solimões e Amapá e in alcuni corsi d'acqua di Guyana e Guyana francese, colonizzando le acque calme - meglio se ricche di vegetazione.

Questo pesce, che non disdegna acque torbide e fangose, necessita di un habitat dotato di piante e radici in cui nascondersi, un'illuminazione moderata e un'acqua leggermente acida con temperatura compresa tra 24 e 30°C.

Per riprodurre in maniera adeguata il suo ambiente naturale e farlo vivere sano e felice anche in cattività, la cosa più importante è la grandezza dell'acquario: i pesci scalari, come molti altri pesci, crescono più di quello che si creda, motivo per cui bisogna mettere in conto i giusti spazi.

Essendo più sviluppato in altezza, questo pesce ha bisogno di una colonna d'acqua alta almeno 50 centimetri: le dimensioni minime dell'acquario, per una sola coppia di esemplari, non dovrebbero essere inferiori a 120x60x60 centimetri.

Pesce scalare: convivenza con altri pesci

Il pesce scalare è una specie sociale, che dovrebbe essere allevata in gruppo. L'ideale, almeno per iniziare, è adottare un piccolo gruppo: nonostante si tratti di ciclidi noti per il temperamento pacifico, i pesci scalari possono aggredire i propri simili, motivo per cui è bene non esagerare con il numero di esemplari, soprattutto se si è alle prime armi.

Un altro motivo che porta gli acquariofili ad allevarli in piccoli gruppi è la riproduzione: in questa specie di pesci, che restano monogami tutta la vita, riconoscere un esemplare maschio da una femmina è tutt'altro che semplice, e l'unico modo per essere certi di avere sia maschi che femmine nell'acquario è quello di eccedere con i numeri.

Le coppie diventeranno evidenti soltanto alla prima stagione degli amori, quando si separeranno dagli altri esemplari. A quel punto, la coppia riproduttiva andrebbe separata dal resto del gruppo, poiché potrebbe mostrare atteggiamenti molto aggressivi nei confronti degli altri pesci.

Quali pesci sono compatibili con gli scalari?

  • Corydoras;
  • Loricaridi, noti come pesci mangia-alghe;
  • Cobitidi;
  • Gymnocorymbus ternetzi;
  • Hyphessobrycon;
  • Pesce ventosa;
  • Apistogramma trifasciata;
  • Ciclide nano di Agassiz;
  • Ciclide nano di Ramirez.

Nonostante abbiano bisogno di molto spazio e siano decisamente territoriali, i pesci scalari possono convivere pacificamente anche con pesci d'altre specie. Quelle generalmente considerate compatibili sono quelle che andranno ad insediarsi in zone dell'acquario poco battute dagli scalari, come i pesci da fondo e le specie da banco.

Tra le combinazioni meno complicate, ci sono quelle con altri ciclidi e con alcune specie di caracidi (come il pesce neon e l'Hemigrammus erythrozonus). Quando però si pensa a una convivenza con una coppia di scalari, è necessario tenere a mente che si tratta di pesci predatori, e che si nutrono volentieri anche di pesciolini ed avannotti: inserire in una vasca di angelfish dei pesci troppo piccoli, come i neon o i Guppy, potrebbe rivelarsi una pessima idea. Oltre ai pesci troppo piccoli, andrebbero evitati anche quelli più grandi degli scalari e le specie tendenzialmente aggressive.

Neanche il pesce combattente può essere considerato un buon coinquilino per un gruppo di scalari: le sue esigenze sono infatti molto diverse, anche in termini di temperatura e dimensioni dell'acquario, e si tratta di una specie decisamente troppo territoriale per pensare di cavarsela in compagnia di una coppia di scalari.

Quanti scalari posso mettere in 100 lt?

A differenza dei pesci combattenti, gli scalari hanno bisogno di un acquario molto spazioso. Visto che da adulti possono raggiungere agevolmente 15 cm di lunghezza e 20 in altezza, questi pesci hanno bisogno di un acquario abbastanza esteso in altezza (minimo 50-60 cm per una coppia).

In generale, si consiglia di disporre di una vasca di almeno 250-300 litri d'acqua per un piccolo gruppo di 5 esemplari. Viste le esigenze di spazio di questa specie, un acquario da 100 litri potrà ospitare comodamente al massimo una coppia di scalari.

Quanto vive in media un pesce scalare?

  • Oltre i 10 anni

Se allevato nelle giuste condizioni, un pesce scalare può superare agevolmente i 10 anni di età. La sua aspettativa di vita media è di 8 - 15 anni.

Scalari più belli: le varietà più amate

  • Silver;
  • Gold;
  • Back Lace;
  • Smokey;
  • Gold Marble;
  • Leopard;
  • Blushing;
  • Zebra;
  • Koi;
  • Koi pearlscale;
  • Ghost;
  • Rio Nanay;
  • Ribbon Super veiled;
  • Pinoy paraiba.

Le varietà di pesci scalari disponibili in commercio sono tante e assai diverse tra loro. La selezione genetica della specie è una pratica piuttosto recente (si fa risalire all'inizio degli anni Cinquanta del secolo scorso), ma che ha dato risultati molto variegati grazie alla facilità di allevamento e alla prolificità della specie.

Tra i fenotipi selezionati più comuni e apprezzati ci sono Silver, Gold, Black, Marble e Zebra: questi nomi riguardano quasi sempre il colore e le fantasie della livrea, ma non mancano varietà selezionate per una specifica forma delle pinne, come l'elegantissimo Ribbon Super veiled, con la sua lunga pinna piegata.

Pesce scalare: prezzo

La grande varietà genetica presente negli scalari selezionati dall'uomo si riflette in un'ampia gamma di prezzi. Il costo di un pesce scalare può andare da pochi euro fino a superare i 200 euro per esemplari di varietà particolarmente pregiate o già cresciuti.

CONDIVIDI: