Gatto in balcone: quali sono i pericoli?

Gatto in balcone: quali sono i pericoli?
Ultima modifica 11.04.2024
INDICE
  1. I rischi che corre il gatto in balcone
  2. Come rendere sicuro il balcone per i gatti?
  3. Dissuasori per il gatto in balcone
  4. Cosa succede se un gatto cade dal balcone?
  5. Come non far salire il gatto sul davanzale del balcone?

I rischi che corre il gatto in balcone

Si sa che i felini sono degli arrampicatori e degli equilibristi. Ecco allora perché è giusto conoscere i pericoli del gatto in balcone: se gli esterni della propria casa non vengono messi in sicurezza, infatti, i rischi sono concreti. Infatti una premessa è d'obbligo: per quanto elastici possano essere non è affatto vero che i felini hanno sette vite e una brutta caduta può far riportare danni importanti o causare addirittura la morte.

Va bene quindi garantire libertà e movimento al proprio animale domestico, ma senza mettere a rischio la sua salute.

Prima di approfondire, però, ricordatevi di unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e di seguire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Come rendere sicuro il balcone per i gatti?

  • Mettere una rete per gatti;
  • Proteggere le finestre;
  • Eliminare le piante velenose.

Per evitare i pericoli maggiori del gatto in balcone, questi primi tre accorgimenti sono fondamentali. In commercio per fortuna ci sono reti poco invasive, anche trasparenti; ma resistenti, che permettono di ottenere un ottimo risultato senza sentirsi o far sentire il proprio felino in gabbia. Per le finestre, inoltre, esistono degli adattatori che fanno in modo di tenerle aperte senza correre il pericolo di cadute accidentali.

Fra i rischi in esterno, che si tratti di terrazze o giardini, non ci sono solo le altezze tanto amate dai felini, ma anche le piante velenose per i gatti. Spesso questi animali mangiano erba e vegetali di vario tipo per purificarsi lo stomaco attraverso il vomito indotto, se però ingeriscono qualcosa di tossico l'effetto è diametralmente opposto. Non stanno meglio, ma addirittura si rischia l'avvelenamento dei gatti.

Prima di stabilire come rendere accogliente e verde la propria casa, bisogna pensare alle esigenze di tutti gli attori in gioco. Se il felino viene adottato in un secondo momento, è bene valutare in tempo quali sono le modifiche da effettuare per accoglierlo al meglio e garantire la sua sicurezza.

Dissuasori per il gatto in balcone

Che siano reti in ferro, molto resistenti, o in nylon morbido, che impediscono all'animale domestico di arrampicarsi, sono ottime soluzioni per dissuadere il gatto dal mettere in atto gesti che potrebbero esporlo al pericolo.

Esistono anche dei tappetini repellenti, con degli spuntoni che non lesionano le zampe dei felini ma rendono la passeggiata su di essi tutt'altro che piacevole. Questi sono utili anche attorno ad altre zone della casa dove non si vuole che il felino arrivi.

Tuttavia, prima di acquistare qualsiasi accessorio, è bene chiedere il parere del veterinario di fiducia o di un etologo esperto. In base al carattere e all'indole dell'esemplare in questione, potrebbe essere indicata una soluzione invece di un'altra. Oltretutto, quello che si fa per proteggere l'incolumità fisica deve camminare a braccetto – ed essere sostenibile – con quella psicologica. Un gatto stressato è un gatto infelice e, se si decide di adottare, si ha la responsabilità del suo benessere a 360 gradi.

Cosa succede se un gatto cade dal balcone?

Il proverbiale equilibrio dei felini non è una bufala e la loro capacità di girarsi e di cadere sulle zampe sfruttando la distanza fra il punto di caduta e il terreno nemmeno. È vero che possono sistemare l'atterraggio in fase di caduta. Tuttavia ci sono dei pericoli del gatto in balcone che nemmeno lui è in grado di gestire al meglio.

Se l'altezza è eccessiva, gli effetti dell'impatto possono essere anche fatali. Inoltre, se durante la discesa il felino urta qualcosa o non ha il tempo di aggiustare la posizione per atterrare sui cuscinetti rischia di farsi male e di cadere in maniera rovinosa, con effetti fisici anche notevoli. Non sono pochi gli esemplari che perdono l'uso della vescica o di altri organi, che si lesionano la testa in maniera irreversibile e per i quali, comunque, farsi male non è mai piacevole.

Come non far salire il gatto sul davanzale del balcone?

I pericoli del gatto in balcone vanno evitati a tutti i costi. Oltre a mettere in sicurezza il balcone per fare in modo che distrazioni non abbiano effetti disastrosi, ci sono dei trucchetti da mettere in atto per distogliere l'attenzione del felino da una serie di elementi rischiosi per la sua incolumità e di cui non riesce ad avere contezza.

Il plexiglass, per esempio, oltre a essere trasparente e a non limitare la visuale, ha una superficie liscia che rende difficile l'arrampicamento. Di certo è più scivoloso di una rete che, per quanto fitta, può essere usata come supporto per l'avanzamento verso l'alto con l'ausilio delle unghie.

Inoltre, fra i deterrenti migliori, ci sono le alternative. Per fare in modo che un felino non sia attratto solo dai pericoli esterni, è importante distrarlo con elementi stimolanti dentro casa o in zone protette. I tiragraffi, le zone fresche dove è più piacevole riposare, il gioco da solo o – meglio – in compagnia di chi considera famiglia, le cure e le attenzioni da parte di chi lo ha adottato sono tutte ottime soluzioni. Se dentro c'è qualcosa di meglio, il gatto non ha motivo di cercare il brivido fuori.