Perché il cane guaisce: cosa può significare

Perché il cane guaisce: cosa può significare
Ultima modifica 30.12.2023
INDICE
  1. Come mai il cane guaisce?
  2. 10 motivi per cui il cane guaisce
  3. Come capire se il cane piange?
  4. Come si fa a capire se un cane è depresso?
  5. Cosa vuol dire quando il cane mugola?
  6. Come si fa a capire quando un cane soffre?
  7. Come capire quando il cane non si sente bene?

Come mai il cane guaisce?

Siete preoccupati perché Fido, ultimamente, vi sembra emettere un verso preoccupante? Sapete che se il cane guaisce è perché soffre e non riuscite proprio a capire cosa gli succede e perché lo stia facendo? Proveremo a far luce sulla cosa, ma prima vi ricordiamo di unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e vi invitiamo qanche a seguire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali. Iniziamo!

10 motivi per cui il cane guaisce

  • Richiamo della mamma o del padrone;
  • Dolore fisico;
  • Forte solitudine;
  • Senso di abbandono;
  • Ansia;
  • Depressione;
  • Tristezza o sconforto;
  • Shock emotivo (anche una forte gioia);
  • Richiesta di attenzione;
  • Patologie.

Quelli che abbiamo elencato sono i principali motivi per cui un cane può guaire. Non tutti sono negativi, nel senso che, per intenderci, un cane può emettere questo verso e mugolare anche solo per richiamare la mamma (da cucciolo) o il padrone, così come potrebbe farlo perché in preda a una fortissima gioia o eccitazione. Potrebbe anche guaire d'impazienza (se sta attendendo il cibo o il lancio di un gioco). 

Di contro, esistono anche motivi più seri: stati emotivi negativi, come solitudine, abbandono, ansia, depressione, tristezza o conforto sono uno dei motivi che più frequentemente scatenano il pianto del cane. Infine, purtroppo, non si possono sottovalutare né eventuali dolori fisici, dovuti per esempio a ferite e lesioni, né malesseri legati a patologie.

Come capire se il cane piange?

  • Suono continuo e monotonale;
  • Sospiri e gemiti;
  • Tiene gli occhi socchiusi.

Il cane non piange come piangiamo noi umani, ma il processo che lo porta a guaire quando è triste è esattamente lo stesso. Il guaito è un modo che Fido deve necessariamente usare per incanalare ciò che sta provando e farlo uscire all'esterno, così come succede a noi con pianti e singhiozzi. 

C'è da dire che, come abbiamo accennato, non sempre il cane guaisce perché sta piangendo. Per capire se lo sta facendo, dunque, bisogna osservare anche altri segnali: se il guaito è continuo, sommesso e monotonale e se è accompagnato da sospiri e gemiti si tratta quasi sicuramente di tristezza. Altrettanto è indicativo il fatto che il cane tenga gli occhi socchiusi.

Come si fa a capire se un cane è depresso?

  • Generale tristezza;
  • Profondo affaticamento;
  • Stanchezza perenne;
  • Mancanza d'energia;
  • Scarsa capacità di concentrarsi;
  • Riduzione delle capacità decisionali;
  • Calo della motivazione;
  • Calo dell'appetito;
  • Fatica nel dormire in maniera adeguata e, al tempo stesso, tendenza alla letargia diurna per quasi tutto il tempo.

Purtroppo, come abbiamo già accennato, il guaito può essere anche sinonimo di sofferenza emotiva. La depressione è a tutti gli effetti uno stato di sofferenza, di conseguenza occorre stare attenti perché si può velocemente passare da una brutta giornata a una situazione cronica e difficilmente recuperabile.

I segnali che ci suggeriscono che il cane è depresso sono quelli che abbiamo appena elencato, che possono appunto accompagnarsi al guaito. Il suggerimento è quello di consultare un veterinario, specie se i sintomi si accompagnano a perdita evidente di peso e massa muscolare.

Cosa vuol dire quando il cane mugola?

Se più che un guaito il cane tende a emettere dei mugolii e se si calma quando lo tocchiamo o quando gli prestiamo attenzione, il nostro quattro zampe potrebbe "semplicemente" avere bisogno di attenzione e/o compagnia. Nonostante esistano razze di cani che soffrono meno la solitudine, i cani sono pur sempre animali da branco e necessitano dunque di essere circondati da punti di riferimento.

In questo caso non c'è molto da fare: bisogna ricordare che i cani non sono giocattoli e che occorre passare del tempo con loro, coccolarli, farli sentire amati e portarli a fare passeggiate regolari. In più è fondamentale assicurarsi che Fido sia sempre correttamente stimolato, fornendogli palline, giochi e oggetti masticabili per tenere alta la sua attenzione.

Come si fa a capire quando un cane soffre?

  • Cambiamenti di comportamento;
  • Apatia;
  • Rifiuta anche gli snack;
  • È irrequieto o insolitamente iperattivo.

Come gli esseri umani, i cani possono attraversare dei momenti in cui vengono attanagliati da indicibile sofferenza. Ovviamente si spera che ciò non accada, ma in seguito a modifiche drastiche delle loro abitudini (traslochi, abbandono o morte di un membro della famiglia, introduzione di un nuovo arrivato) o a status patologici, purtroppo, può capitare.

Il lato "positivo" della cosa è che il cane fa capire molto bene quando soffre: tende infatti a cambiare comportamento, può diventare apatico o insolitamente irrequieto e inizia a rifiutare giochi e snack che prima erano delle vere e proprie fonti di gioia. Anche in questo caso, il consiglio è quello di consultare un veterinario per capire come procedere.

Come capire quando il cane non si sente bene?

  • Palpazione del corpo del cane;
  • Valutazione dello stato del pelo;
  • Valutazione dello stato di bocca, naso, occhi e orecchie;
  • Osservazione della sua postura.

Il guaito, come abbiamo già accennato, può anche indicare sofferenza fisica (dolore) e/o farci capire che c'è in atto una patologia. Tenendo sempre presente che al primo sospetto è fondamentale correre dal veterinario, se vogliamo essere sicuri che qualcosa non vada a livello fisico nel nostro amico a quattro zampe possiamo procedere a una palpazione.

Tocchiamo delicatamente ogni parte del suo corpo, con delicatissime pressioni a carico soprattutto dell'addome, e cerchiamo di capire se ci sono aree calde o arrossate. Ancora, valutiamo lo stato del pelo, di bocca, naso, occhi e orecchie: possono dirci molto più di quanto pensiamo. Infine, osserviamo la sua postura (se è chino, ricurvo, se ha difficoltà a camminare). 

Per capire se Fido è ammalato o se non sta bene, la cosa ideale, dunque, è capire se ci sono delle anomalie nel suo normale linguaggio: conoscete il vostro cane e tutto vi sarà molto, molto più chiaro.