Caring

Il cane non vuole bere: motivi possibili

Il cane non vuole bere: motivi possibili
Ultima modifica 09.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. I motivi per i quali il cane non vuole bere
  2. Perché il cane si rifiuta di bere?
  3. Cosa fare se il cane non beve?
  4. Quanto tempo può stare un cane senza bere?
  5. Cane, sintomi disidratazione
  6. Cane non beve, malattie

I motivi per i quali il cane non vuole bere

Un cane sano beve acqua in abbondanza. Ciò per dire che se il cane non vuole bere, c'è di certo qualcosa che non va e bisognerebbe chiamare immediatamente un veterinario.

Nel frattempo, proviamo allora a capire quale potrebbe essere il problema, individuando svariati casi.

Sappiate, però, che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Perché il cane si rifiuta di bere?

Abbiamo indicato le motivazioni principali per le quali il cane potrebbe non voler bere. Spieghiamo nel dettaglio cosa si intende con tutto ciò, sottolineando però l'importanza di rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

Alla base di questo comportamento insolito potrebbe esserci una componente psicologica. Non è da escludere che l'aspetto della ciotola possa spaventarlo, soprattutto se cucciolo. Magari la stessa non ha una struttura tale da star ferma dinanzi alle sollecitazioni dell'animale. Il fastidio potrebbe dunque tenerlo lontano dall'acqua, come segnale lanciato agli umani.

Di grande importanza le abitudini, di cui tener conto. Se il cane non vuole bere, forse è perché qualcosa è cambiato. Una nuova ciotola, magari dal rumore particolare quando si muove. Un nuovo animale in casa, che potrebbe aver costretto a una modifica di disposizione e non solo. Anche il dover bere in condizioni particolari mentre si è in viaggio o durante una passeggiata all'aperto potrebbe spingere alcuni esemplari e rifiutare di idratarsi.

Restando in ambito di abitudini, un cambio di alimentazione, con passaggio ad alimenti umidi, potrebbe incidere sotto quest'aspetto. Il cane potrebbe sentire minor bisogno d'acqua, considerando come dei liquidi siano già presenti nel cibo.

In casi non frequenti, il cane potrebbe reagire in maniera estrema a una femmina in calore nelle vicinanze. Si torna dunque all'ambito psicologico, nel quale rientra anche una potenziale condizione di stress. È importante stimolare il proprio cane ogni giorno, garantendo tanto il gioco quanto le uscite regolari.

In ultima istanza, non si esclude una possibile malattia, principalmente del tratto gastrointestinale. I segnali potrebbero essere molto evidenti in questo caso, con vomito e diarrea ad esempio. Come detto, rivolgersi a un veterinario è sempre consigliato. Soprattutto in questi casi.

Cosa fare se il cane non beve?

La prima cosa da fare è assicurarsi che le condizioni dell'acqua siano ottimali. Fatto ciò, si potrà passare a occuparsi della ciotola. Uno dei motivi per i quali un cane rifiuta di bere è il posizionamento della ciotola. Questa non dovrà essere posta nei pressi di fonti di odori maleodoranti. Pensiamo ad esempio alle traversine per la pipì in casa. Porre tutto nello stesso angolo sarebbe un errore.

Si può optare per una dieta con alimenti umidi, così da garantire una corretta idratazione del cane sotto diversa forma. È inoltre consigliato di avere con sé dell'acqua durante le passeggiate esterne. Il cane sarà di certo più stimolato a idratarsi dopo lo sforzo. Soprattutto in estate, quando afflitti dalla calura, questi animali possono ricevere ghiaccioli o frutta congelata, così da ottenere chiari benefici. I quantitativi possono essere discussi con il proprio veterinario, così come differenti approcci in caso di reiterazione del problema.

Quanto tempo può stare un cane senza bere?

  • In assenza di vomito e/o diarrea, chiama il veterinario dopo 2-3 giorni

I cani, generalmente, possono resistere senza acqua per 3 giornate circa. Ciò vuol dire al terzo giorno di reiterata astinenza volontaria, al netto di condizioni adeguate dell'acqua in ciotola, e che la salute del cane sia buona, si potrà prenotare una visita.

Se il cane non vomita, non ha episodi di diarrea, mangia regolarmente ma continua a rifiutarsi di bere, si potrebbe pensare di chiamare il veterinario dopo 2-3 giorni. In caso di altri sintomi, invece, non bisogna aspettare.

Cane, sintomi disidratazione

  • Urina concentrata;
  • Urina molto scura;
  • Occhi infossati;
  • Respiro affannoso;
  • Ansimo eccessivo;
  • Mucose pallide;
  • Estremità fredde;
  • Instabilità sulle gambe;
  • Barcollamento costante.

Cane non beve, malattie

Possibili malattie possono influenzare le abitudini del proprio cane. Di fatto non è da escludere che un prolungato rifiuto a idratarsi abbia come origine una problematica interna. Non è sempre così, sia chiaro. Ogni rifiuto dell'acqua non corrisponde automaticamente a una condizione grave, questo è importante capirlo.

Abbiamo indicato vari casi e, a volte, può trattarsi anche soltanto di uno stato di malessere passeggero. Detto ciò, si consiglia di osservare con grande attenzione i comportamenti del proprio animale. Soprattutto se si tratta di un esemplare presente in famiglia da anni, si avrà ormai un'idea ben chiara del suo carattere. Ciò rende più facile una diagnosi rudimentale.

In pratica, conosci il cane da talmente tanto tempo da essere in grado di capire se c'è qualcosa che non va, anche se non riesci a capire esattamente cosa.

A ciò si aggiunge però anche un problema di cui spesso non si tiene conto. Parliamo del naturale invecchiamento. I cani anziani spesso tendono a bere meno. In questo caso si potrebbe tentare una disposizione differente della ciotola. Di fatto si eviterà di spingerlo a uno sforzo fisico gravoso per procurarsi l'acqua.

CONDIVIDI: