Pedigree cane: cos’è, a che serve e quanto costa

Pedigree cane: cos’è, a che serve e quanto costa
Ultima modifica 03.01.2024
INDICE
  1. Tutto sul pedigree del cane
  2. Cosa vuol dire che un cane ha il pedigree?
  3. Come si ottiene il pedigree per il cane?
  4. Quanto costa fare pedigree a un cane?
  5. Cosa succede se un cane è senza pedigree?
  6. Pedigree del cane online, come verificarlo

Tutto sul pedigree del cane

Se per qualche ragione state cercando un cucciolo di razza, vi sarà capitato di imbattervi nel termine pedigree. Ebbene, si tratta di un documento molto importante: basi pensare che in assenza di tale certificazione il cane non può essere venduto come "di razza" né essere ammesso alle manifestazioni ufficiali, dai concorsi alle prove di lavoro.

Prima di entrare nel dettaglio e scoprire cos'è il pedigree del cane e come fare per ottenerlo, non dimenticate di unirvi al nostro canale Whatsapp per essere sempre aggiornati su salute e benessere, anche dei nostri amici pets.

Cosa vuol dire che un cane ha il pedigree?

  • i dati anagrafici del cane;
  • il numero di microchip;
  • la genealogia del cane (genitori, nonni, etc.);
  • indicazioni su premi, brevetti o controlli sanitari degli antenati.

Quelle che abbiamo elencato sono solo alcune delle cose che il pedigree riporta. Il pedigree cane è il certificato di iscrizione ai Libri Genealogici dell'ENCI, l'Ente Nazionale della Cinofilia Italiana: si tratta di un documento che viene rilasciato appena dopo la nascita del cucciolo, e che indica l'appartenenza del cane a una certa linea genealogica.

Leggendo il pedigree, è possibile conoscere nel dettaglio la storia genealogica del cucciolo, inclusi eventuali premi conseguiti da nonni e antenati in Italia e all'estero. Se un cane è dotato di pedigree, significa che proviene da una linea genealogica conforme allo standard di razza definito dall'ENCI.

 

Come si ottiene il pedigree per il cane?

  • Denunciare la nascita all'Ente Nazionale della Cinofilia Italiana;
  • Includere nel primo modulo i dati del proprietario;
  • Indicare il numero dei cuccioli nati, inclusi eventuali cuccioli nati morti;
  • Specificare tutti i dati della madre;
  • Specificare tutti i dati del padre.

Il pedigree del cane può essere rilasciato esclusivamente dall'Ente Nazionale della Cinofilia Italiana, che si occupa di catalogare e tutelare le razze canine riconosciute. Per ottenere il pedigree è necessario fare richiesta all'ENCI, cosa che avviene semplicemente denunciando la nascita della cucciolata all'Ente.

Quando due cani dotati di pedigree danno vita a una cucciolata, il proprietario può richiedere il pedigree per i nuovi arrivati semplicemente denunciando la cucciolata all'ENCI. Per inviare la richiesta, che andrebbe fatta entro 25 giorni dalla nascita, è sufficiente compilare un modulo disponibile sul sito dell'Ente (il Modello A).

Dopodiché, entro tre mesi dalla nascita, bisogna inviare il Modello B, con le generalità dei singoli cuccioli. A quel punto, l'ENCI si occupa di inviare i rispettivi certificati anagrafici, e i cuccioli sono ufficialmente classificabili come "di razza".

Un altro modo per ottenere il pedigree è quello di richiedere l'iscrizione al Registro Supplementare Riconosciuti, che certifica il cane senza pedigree (e di cui non si conosce la discendenza) come capostipite di razza.

Esistono alcune limitazioni: innanzitutto, il pedigree RSR non ha lo stesso valore del pedigree cane ROI. Soltanto i giudici delle manifestazioni ufficiali ENCI possono dichiarare un nuovo capostipite, e in molti casi è necessario individuare mostre e raduni speciali dedicati alla razza in questione. Il pedigree cane RSR, inoltre, può essere richiesto soltanto per alcune razze (tra cui il Pastore Maremmano Abruzzese, il Welsh Corgi Pembroke, il Volpino Italiano, il Maltese e il Piccolo Levriero Italiano).

Quanto costa fare pedigree a un cane?

  • Denuncia di nascita (Modello A): 16,00 euro;
  • Denuncia di cucciolata con rilascio del certificato genealogico (Modello B): ha un costo di 23,00 euro per ogni cucciolo iscritto a nome dell'allevatore e di 21,00 euro se viene registrato al nuovo proprietario.

Com'è possibile vedere, a dispetto di quello che si può pensare, fare il pedigree a un cane non è un'operazione costosa: le tariffe sono fissate dall'ENCI e aggiornate ogni anno. Quelli che abbiamo indicato sono i prezzi aggiornati al 1 gennaio 2024.

A queste tariffe vanno aggiunte le maggiorazioni previste in caso di ritardo nella comunicazione e i diritti di segreteria da versare all'Ente. In ogni caso, l'iscrizione al Libro Genealogico ha un costo totale che si aggira attorno ai 50 euro per ogni cucciolo.

Cosa succede se un cane è senza pedigree?

  • non è considerato "di razza";
  • non può essere venduto come "di razza" (Dlgs n. 529 del 30 dicembre 1992);
  • non può partecipare a fiere e manifestazioni ufficiali;
  • non può essere usato per l'accoppiamento da parte degli allevatori;
  • i suoi figli sono esclusi dall'iscrizione al Libro Genealogico.

Anche se morfologicamente molto simile, un cane sprovvisto di pedigree non può essere considerato "di razza", e non può partecipare alle manifestazioni ufficiali (esposizioni, prove di lavoro, concorsi, etc.).

I cani senza pedigree ma che hanno le caratteristiche tipiche di una certa razza possono ottenere l'iscrizione al Registro Supplementare Riconosciuti (RSR): come abbiamo visto, per farlo è necessario partecipare a un'esposizione di bellezza ufficiale organizzata dall'ENCI e sottoporsi all'esame della giuria. Se il giudizio è positivo, il cane riceve il Certificato d'iscrizione al Registro Supplementare Riconosciuti, in cui figura come capostipite.

Questo tipo di pedigree, però, non ha lo stesso valore di quello ordinario, o ROI (Registro Origini Italiano): i cuccioli nati da un cane con pedigree RSR e uno con certificato ROI saranno iscritti al primo registro. Soltanto la quarta generazione tornerà ad essere iscritta ROI.

Pedigree del cane online, come verificarlo

Il pedigree del cane può essere consultato online sul sito web dell'ENCI: nel Libro Genealogico online è possibile visionare le schede relative al proprio cucciolo e quelle dei genitori, acquisendo informazioni importanti sulla salute della "stirpe". All'interno del pedigree, infatti, si trovano riportati tutti gli esami ufficiali per la salute e vengono indicati gli eventuali test displasia eseguiti.

Controllare l'albero genealogico del proprio cane di razza è utile anche nel caso in cui si volesse far partecipare il nuovo arrivato a concorsi e prove lavoro: nel certificato di iscrizione al Libro Genealogico, infatti, si trovano anche partecipazioni a esposizioni ed eventuali premi ricevuti da genitori e nonni del cucciolo.

Per consultare il pedigree cane online è sufficiente avere a disposizione il numero di microchip del cane.