Pappagalli giganti
Ultima modifica 14.11.2023
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Dove tenere il pappagallo gigante? La gabbia e la posizione
  2. Cosa mangia un pappagallo gigante?
  3. Di cosa ha bisogno un pappagallo gigante?
  4. Specie di pappagallo gigante: pro e contro
  5. Scegliere il pappagallo al momento dell'acquisto
  6. Cose importanti da sapere se intendi adottare un pappagallo

L'obbiettivo di questo articolo è di costituire una guida breve ma completa per istruire i futuri proprietari di uno o più pappagalli giganti.

I pappagalli sono considerati importanti animali domestici fin dal 1504, quando il primo vivo fu importato in Europa - anche se i reperti storici indicano che i Romani li tenevano già molto prima.

I pappagalli, con le dovute cure e attenzioni, possono vivere a lungo e divenire, oltre che un nuovo membro della famiglia, un vero e proprio compagno per la vita.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/pappagallo-orig.jpeg Shutterstock

Dove tenere il pappagallo gigante? La gabbia e la posizione

La gabbia è il primo acquisto importante da fare se si intende adottare un pappagallo gigante.

Sul mercato possiamo trovare numerosi modelli e stili, a vari prezzi. Sebbene non esistano gabbie "giuste o sbagliate", un prodotto dal design semplice sarà più facile da pulire e mantenere.

Ricorda che il pappagallo tratterà la gabbia come il proprio territorio e, pertanto, è necessario averne una per ogni esemplare.

Inoltre, bisogna tenere a mente che trascorrerà gran parte della giornata lì dentro; quindi, dovrebbe essere più spaziosa possibile e consentire all'uccello di poter aprire le ali.

Il fondo della gabbia andrebbe coperto con materiale da cambiare regolarmente, come carta o trucioli di legno; meglio evitare la segatura, perché tende a svolazzare e sporcare. Un vecchio giornale andrà benissimo.

Anche la posizione della gabbia è molto importante. Gli uccelli sono molto sensibili ai fumi e ai gas - ecco spiegato l'uso dei canarini per rilevare le fughe nelle miniere di carbone. La gabbia va quindi collocata in una stanza ben areata, nella quale dev'essere vitato fumare o svapare, e dove si eviteranno anche i prodotti per la pulizia come spray e diffusori; è bene prestare molta attenzione anche alla vernice nuova, alle esalazioni della cucina, ai forni autopulenti, grill e barbecue, agli scarichi delle auto ecc.

Le gabbie non dovrebbero essere posizionate vicino alla finestra o vicino alla porta, a causa del rischio di correnti d'aria, né dovrebbero essere posizionate alla luce solare diretta o attaccate ai caloriferi.

Un gadget essenziale è una buona serratura per lo sportellino, classicamente costituita da un vero e proprio lucchetto - i pappagalli sono molto intelligenti.

Cosa mangia un pappagallo gigante?

Il pappagallo dovrebbe essere nutrito almeno una volta al giorno, con l'aggiunta di sporadici bocconcini.

La maggior parte dei negozi di animali vende "mix per pappagalli", eventualmente in pellet, ma nessuno di questi costituirà una dieta completa e bilanciata per il volatile.

In aggiunta, quotidianamente dovrebbe essere proposta una buona selezione di frutta e verdura fresche. Le arachidi scelte dovrebbero essere destinate al consumo umano e prive di sale, poiché quelle per animali potrebbero contenere aflatossine.

Anche se non tutti concordano con questa ipotesi, la maggior parte dei proprietari di pappagalli giganti offre loro quasi tutto ciò che mangiamo noi umani, ma con moderazione, compresi: carne cotta e ossa, pesce cotto, frutta in scatola, formaggio, biscotti semplici ecc. Da evitare il cioccolato, per loro velenoso.

Una ricerca ha confermato che non esiste una dieta valida per tutti i pappagalli. Ecco perché molte aziende producono varie miscele (per Ara, Pappagalli Africani, Parrocchetti, Lori, uccelli in sovrappeso o nidificanti ecc. (AKJ 2018).

Di cosa ha bisogno un pappagallo gigante?

Anche se la gabbia del pappagallo è il suo "castello", dovrebbe essere lasciato uscire sotto supervisione almeno una volta al giorno; ma non lasciarlo mai solo, perché potrebbe rosicchiarti mobili, carta da parati, cartongesso ecc.

Oggi nei negozi di animali è disponibile una vasta gamma di giocattoli; i migliori sono realizzati con prodotti naturali, come legno e corda di canapa. Lo scopo di questi gadget è di dargli cose da masticare e distruggere, quindi andranno benissimo anche scatole di cartone e rotoli di carta igienica vuoti.

Sono utilissimi anche rami di alberi (non velenosi) appena tagliati. Prova anche a posizionare grossi pezzi di frutta sopra la gabbia, in modo che l'uccello debba arrampicarsi per prenderli.

Specie di pappagallo gigante: pro e contro

Esistono molte specie di voltatili che possono rientrare nella categoria dei pappagalli giganti; la scelta di una o dell'altra dipenderà dalle loro caratteristiche e dalle tue disponibilità.

Pappagallo grigio africano

Pro: è forse il membro più conosciuto della famiglia dei pappagalli; questa specie ha la reputazione pienamente giustificata di essere il miglior parlatore, anche se può variare da un individuo all'altro. Gli uccelli allevati a mano sono animali domestici deliziosi ma esigenti. Sono disponibili allevati in cattività, ma richiede il certificato CITES Articolo 10.

Contro: è incline a strapparsi le piume se annoiato o frustrato, quindi necessita di molta attenzione. Produce molta polvere di piume, che la maggior parte delle persone attente all'ordine non gradisce. Questa polvere è dannosa per chi soffre di asma o per chi soffre di allergie.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/pappagallo-grigio-africano-orig.jpeg Shutterstock

Senegal e Pappagallo di Meyer

Pro: sono due dei pappagalli africani più facilmente reperibili. Le loro dimensioni più piccole sono meno intimidatorie, e certamente più sicure per i bambini. Sono meno impegnativi dei pappagalli più grandi e molto più economici. Le loro dimensioni li rendono anche più adatti alle case piccole.

Contro: sebbene questi uccelli possano imparare qualche parola e imparare a fischiare qualche melodia, il loro vocabolario non corrisponde a quello dei pappagalli più grandi.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/senegal-e-pappagallo-di-meyer-2-orig.jpeg Shutterstock
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/senegal-e-pappagallo-di-meyer-3-orig.jpeg Shutterstock

Amazzoni

Pro: sono buoni oratori e personaggi. Ne esistono diverse specie, le più comunemente allevate includono il fronteblu, il frontegiallo e il aliarancione. I prezzi variano a seconda della specie.

Contro: può essere esigente e, se non riceve attenzioni, diventare molto rumoroso.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/pappagallo-amazzone-orig.jpeg Shutterstock

Pionus e Caiques

Pro: i pappagalli sudamericani sono colorati, giocosi e gentili. Le loro dimensioni ridotte li rendono adatti ai bambini e alle case più piccole. La famiglia Pionus è composta da diverse specie, le più comunemente allevate sono i pappagalli dalla testa blu e Maximillian, il Caiques più comune è il pappagallo dalla testa nera.

Contro: non sono così facilmente disponibili come le specie di cui sopra, ma vale la pena aspettare perché sono ottimi animali domestici. Capacità di parlare media.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/pionus-pappagallo-orig.jpeg Shutterstock
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/conures-pappagallo-orig.jpeg Shutterstock

Ara e Conuri

Pro: questi pappagalli sudamericani vengono regolarmente allevati in cattività e quelli allevati a mano sono facilmente disponibili. I Conuri sono una famiglia di parrocchetti strettamente imparentati con gli ara più grandi; esistono anche gli ara nani (Hahn's e Noble). Alcuni dei Conuri più piccoli (Green-cheeked, Maroon-bellied, Painted, Petz, Peach-fronted e Dusky-headed per citarne alcuni), sono animali domestici eccezionali se acquisiti da giovani e sono buoni con i bambini. I prezzi variano notevolmente, a seconda delle dimensioni e della rarità.

Contro: i grandi Ara possono essere buoni animali domestici da giovani, ma possono diventare feroci man mano che maturano, questo è particolarmente vero per l'Ara scarlatta. Questi grandi uccelli richiedono anche gabbie grandi e non sono proprio adatti alle stanze mediamente presenti nelle abitazioni. Inoltre, hanno bisogno di molta attenzione, altrimenti soffrono di stress, che si traduce in spiumatura. Anche i grandi Ara sono estremamente rumorosi.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/ara-orig.jpeg Shutterstock
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/conuri-orig.jpeg Shutterstock

Lori

Pro: i Lori vengono offerti anche come animali domestici allevati a mano; sono molto amichevoli e coinvolgenti. Sono anche molto colorati e possono imparare a pronunciare qualche parola. Il comportamento è molto giocoso e divertente.

Contro: questi uccelli richiedono una dieta specializzata composta da nettare artificiale e mangiano anche molta frutta. Poiché la dieta è fondamentalmente tutta liquida, lo sono anche i loro escrementi, che spruzzano con notevole forza. Ciò rende la gabbia e l'area circostante molto disordinate e appiccicose, e richiedono un lavaggio quotidiano. A volte gli uccelli sono svezzati con diete a base di semi o pellet, ma tali uccelli avranno una durata di vita molto ridotta o soffriranno di malattie del fegato.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/pappagallo-lori-orig.jpeg Shutterstock

Cacatua

Pro: i Cacatua possono essere buoni animali domestici e imparare qualche parola.

Contro: questi uccelli richiedono molta attenzione e devono essere tenuti occupati, perché possono facilmente annoiarsi con conseguente spiumatura, o peggio ancora, mutilazione del corpo. Questi potenti uccelli possono causare danni agli oggetti domestici, se lasciati incustoditi per più di qualche istante, e possono anche infliggere morsi dolorosi o fare altri dispetti. I Cacatua possono anche tentare di dominare il loro proprietario, quindi devi essere molto fermo con loro fin dall'inizio. Come il grigio africano, producono grandi quantità di polvere di piume. La maggior parte è ora protetta e richiede il certificato dell'Articolo 10.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/cacatua-pappagallo-orig.jpeg Shutterstock

Calopsitta, Cocorite, Parrocchetti e Inseparabili

Pro: cocorite e parrocchetti sono buoni animali domestici e, se allevati giovani, e possono imparare alcune parole e melodie. Gli inseparabili, essendo uccelli altamente sociali, vanno tenuti in coppia e possono essere molto divertenti e meno esigenti dei pappagalli più grandi. Possono anche riprodursi, se dotati di un nido e ramoscelli freschi. Si nutrono facilmente con buone miscele di semi più una piccola mela e della verdura a foglia verde. Le gabbie per questi uccelli sono più economiche, in quanto non devono essere realizzate con materiali pesanti. Questi uccelli rappresentano un'introduzione ideale ai pappagalli grandi.
Contro: i calopsitte possono essere rumorosi. Gli inseparabili raramente diventano addomesticati o imparano a parlare. I parrocchetti australiani come le famiglie Rosella e Grass Parakeet non sono adatti alla vita in gabbia e vanno tenuti in grandi voliere all'aperto.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/calopsitta-orig.jpeg Shutterstock
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/cocorita-orig.jpeg Shutterstock
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/parrocchetto-pappagallo-orig.jpeg Shutterstock
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/14/inseparabile-pappagallo-orig.jpeg Shutterstock

Scegliere il pappagallo al momento dell'acquisto

Si fa presto a dire "pappagallo gigante"...

Prenditi del tempo per scegliere il pappagallo, perché può vivere davvero molto a lungo. Discutine con l'allevatore o il commerciante, per cercare di ottenere quante più informazioni possibili sull'uccello proposto, come la dieta pregressa, dove è stato tenuto, se ha visto altri animali o bambini ecc. Non scegliere un uccello solo perché è grande e imponente o, peggio ancora, perché si abbina al tuo arredamento.

Ricorda che i pappagalli catturati in natura, anche se giovani esemplati, non si adatteranno mai alla vita in gabbia e c'è un rischio maggiore che possano portare malattie. Fortunatamente, il traffico di pappagalli catturati è illegale dal 2005, quando è divenuta obbligatoria la licenza per il commercio.

Gli uccelli allevati in voliera (ovvero in cattività) sono molto più adatti alla vita domestica. Se l'uccello è stato allevato "a mano" è anche già domestico e potrebbe parlare; di conseguenza, questi sono più costosi. Scegliendo pappagalli già adulti e tenuti da altri padroni, bisogna accettare il rischio che essi non si affezionino mai al nuovo padrone quanto al vecchio, e che potrebbero pronunciare frasi spiacevoli.

La scelta dev'essere orientata su un esemplare sano, cioè con le piume strette contro il corpo, con gli occhi luminosi e vivace. Evita gli esemplari con le piume arruffate e che passa la maggior parte del tempo addormentato sul trespolo. Molti rivenditori e allevatori offrono uccelli già testati per alcune malattie. Se il tuo animale domestico mostra questi sintomi, chiedi consiglio a un veterinario con esperienza aviaria.

In molte specie, maschi e femmine sono identici; se desideri scoprirne il sesso, alcuni veterinari possono riconoscerlo "chirurgicamente" o con il test del DNA. Quest'ultimo metodo è il più sicuro.

Cose importanti da sapere se intendi adottare un pappagallo

Prima di adottare un pappagallo gigante, devi amare la natura

Alcune specie di pappagallo che vengono regolarmente allevate e messe in vendita nel commercio di animali domestici sono estremamente a rischio di estinzione in natura.

Per proteggere questi uccelli è stato fondato il CITES (Convention on International Trade in Endangered Species). Tutti gli uccelli in cattività nell'elenco CITES devono essere identificabili (con anello o chip) e devono avere la documentazione correttamente rilasciata da Wildlife Licensing, Animal and Plant Health Agency (APHA), Horizon House, Deanery Road, Bristol BS1 5AH.

Se, al momento dell'acquisto di un pappagallo presente sulla lista CITES, il proprietario non dispone dei documenti corretti, sia la vendita che l'acquisto sono un reato.

Sono presenti nella CITES (ma l'elenco è incompleto): Cuban, Tucuman e Green-cheeked Amazons, Hyacinth, Scarlet, Buffon's e Illigers Macaws, Goffin's, e Moluccan Cockatoos, e Blue-throated Conures. Per l'elenco completo contattare il DETR.

Pappagalli e longevità

Scegliere di adottare un pappagallo non è uno scherzo! Potrebbe vivere più a lungo di te, con la differenza che lui non ha la possibilità di auto-gestirsi.

Data la loro longevità, potrebbe essere necessario provvedere alla loro cura nel testamento.

Identificazione del pappagallo gigante: saperlo riconoscere è fondamentale!

Essere in grado di identificare con certezza il proprio uccello può essere molto importante, nel caso in cui venga smarrito o rubato e poi recuperato. Esistono vari modi per contrassegnare il pappagallo. Il più diffuso è l'anello chiuso d'acciaio, che viene montato attorno alla zampa già da pulcino e che porta le iniziali del padrone. I microchip sono piccoli chip elettronici, delle dimensioni di un chicco di riso, che vengono inseriti sottopelle nel pappagallo per tutta la vita e vengono letti utilizzando uno scanner che fornisce un codice numerico/letterale individuale.

Come si trasporta un pappagallo gigante?

La modalità di trasporto del pappagallo gigante dipende dal suo temperamento. Se è nervoso, meglio spostarlo in una piccola scatola di legno, in questo modo si sentirà più sicuro, in un ambiente buio, e non potrà farsi del male sbattendo contro le sbarre della gabbia grande in metallo.

Se è sereno e tranquillo, allora può essere spostato nella sua gabbia; a molti pappagalli abituati può addirittura piacere "fare un giro".

Convivenza tra pappagallo e altri animali domestici o bambini

Se possiedi già altri animali domestici, come cani o gatti, molti allevatori offrono uccelli allevati in compagnia, in modo che si abituino a questa condizione. Tuttavia, gli esemplari giovani, di solito, accettano qualsiasi altro animale senza problemi. Lo stesso vale per i bambini; ma ricorda, i grandi pappagalli possiedono un becco possente e pericoloso, quindi meglio evitare il contatto tra piccoli e "maneschi" umani.

Pappagallo, rumori molesti e vicinato

Ricorda che alcuni pappagalli possono essere estremamente rumorosi, quindi sarebbe buona educazione chiedere ai vicini se hanno obiezioni o se preferiscono una specie tranquilla, come ad esempio il pappagallo del Senegal o il pappagallo di Meyer.

CONDIVIDI:

Autore

Dott. Riccardo Borgacci

Dott. Riccardo Borgacci

Dietista e Scienziato Motorio
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer