I motivi per cui dovremmo parlare con il cane più di quanto facciamo

I motivi per cui dovremmo parlare con il cane più di quanto facciamo
Ultima modifica 18.01.2024
INDICE
  1. Parlare con il cane: perché farlo più spesso?
  2. Parlare con il cane: 5 motivi (scientifici) per farlo
  3. Come parlare con il cane

Parlare con il cane: perché farlo più spesso?

Parlare con il cane è un gesto che, per moltissimi padroni, risulta assolutamente naturale. Nonostante ciò capita spesso di sentirsi stupidi o di essere convinti che fido non sia in grado di comprendere cosa viene detto. In realtà non solo il cane è capace di capire cosa dice il padrone, entrando in contatto con lui, ma questo comportamento ha dei benefici per entrambi.

Prima di scoprire tutto sull'argomento, però, ti ricordiamo che puoi unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Parlare con il cane: 5 motivi (scientifici) per farlo

  • Ti ascolta
  • Sa cogliere le tue emozioni
  • Lo rendi felice
  • Ti fa stare meglio
  • È meglio confidarsi con loro che con un amico

Anche se probabilmente non capisce con esattezza ciò che dici, il cane comprende il senso dei tuoi discorsi. A dimostrarlo sono state alcune ricerche che hanno consentito di scoprire che fido elabora il linguaggio umano usando le stesse regioni del cervello usate dalle persone. La scoperta è stata fatta da Attila Andics grazie alla risonanza magnetica funzionale. L'esame ha evidenziato come sia gli esseri umani che i cani attivano le stesse aree del cervello di fronte ai toni emotivi delle vocalizzazioni.

Numerosi studi hanno svelato che i cani percepiscono il tono emotivo della voce. In particolare quando i padroni usano un tono più alto oppure una voce cantilenante. Questo discorso – simile al baby talk usato con i bambini e soprannominato dog-directed speech – non solo cattura l'attenzione dei cani, ma li spinge anche a restare con la persona che lo usa.

Uno studio pubblicato su NeuroImage ha svelato che la voce del padrone rende il cane felice. La ricerca, effettuata tramite la risonanza magnetica funzionale, ha mostrato che il centro di ricompensa nel cervello di fido diventa più reattivo di fronte alla voce del proprietario.

Parlare con il cane – dati scientifici pubblicati sulla rivista Science alla mano – genera una produzione di ossitocina, l'ormone dell'amore che garantisce una sensazione di benessere intenso. Un meccanismo che non solo genera un circuito positivo, ma rende anche più forte il legame fra padrone e animale.

Non solo: una ricerca apparsa sulla rivista Anthrozoös ha svelato che confidarsi con il cane è meglio che parlare con un amico. Chiacchierare con il tuo pet, raccontandogli i tuoi pensieri e cosa ti turba, ti permette infatti di contrastare i sentimenti negativi. I cani infatti sono degli ascoltatori che non giudicano e non interrompono il tuo discorso, offrendoti il giusto supporto.

Come parlare con il cane

  • Attira la sua attenzione
  • Scegli un vocabolario preciso
  • Usa il rinforzo positivo
  • Ripeti i comandi
  • Osserva la sua risposta
  • Sii paziente

Per comunicare in modo efficace con il tuo cane prima di tutto assicurati di avere la sua attenzione. Per farlo usa un nome oppure un gesto. Tieni conto che i cani rispondono meglio a tutti gli stimoli visivi. Dunque schiocca le dita, muovi su e giù il braccio oppure salutalo per avere la sua attenzione.

Lo step successivo riguarda la capacità di scegliere un vocabolario preciso. I cani sono infatti degli animali intelligenti, ma difficilmente distinguono le parole con una fonetica simile. Dunque scegli delle parole corte e fisse per dare ordini e parlare con il cane. In questo modo la comunicazione sarà molto più semplice.

Il rinforzo positivo è un elemento base da questo punto di vista. Usa piccoli premi o snack per insegnare al tuo pet a comprendere e interpretare le parole, seguendo il tuo discorso. Anche la ripetizione è un aspetto chiave: i cani sono degli animali abitudinari per questo i comandi, anche se già compresi, vanno sempre ripetuti. Uno studio ha svelato che per imparare al cane dei termini è importante stimolare il suo cervello ogni giorno per almeno 15 minuti. Un modo per favorire l'obbedienza e per migliorare la sintonia fra pet e padrone.

Un altro aspetto chiave riguarda la capacità di osservare le reazioni del cane, interpretando il linguaggio non verbale del pet. Se il tuo amico peloso drizza le orecchie quando parli, muove la coda in modo rilassato e gira la testa di lato vuol dire che hai attirato la sua attenzione e che ti sta ascoltando. Infine un elemento importantissimo quando si tratta di pet e di rapporto con gli umani è rappresentato dall'affetto. Cerca di essere paziente con il tuo cane, mostrati calmo e attento ai suoi bisogni, evitando di sgridarlo quando non risponde agli stimoli.