Gatto Tabby o Soriano: cosa significa? È una razza?

Gatto Tabby o Soriano: cosa significa? È una razza?
Ultima modifica 29.11.2023
INDICE
  1. Il Gatto Tabby è una razza?
  2. Caratteristiche del Tabby
  3. Quali gatti possono essere Tabby?
  4. Tipi di Tabby
  5. Cura e carattere del Gatto Tabby
  6. Gatto Tabby fra miti e leggende

Il Gatto Tabby è una razza?

Al contrario di quanti molti erroneamente pensano, no. Il gatto tabby non costituisce una razza di felino domestico. Con il termine "tabby", infatti, si vuole indicare una particolare caratteristica del mantello dei gatti.

Anche noto come "mantello tigrato", il tabby rappresenta la tipologia di pelliccia più diffusa in natura. Difatti, si ritiene che si tratti del mantello selvatico originale da cui sono derivati tutti gli altri in seguito a differenti mutazioni.

Lo sai che…

Il gatto tabby viene anche definito come gatto soriano. Anche in questo caso, pertanto, quando si parla di soriano non ci si riferisce ad una razza di gatto.

Gatto Tabby Shutterstock

Caratteristiche del Tabby

Il gatto tabby - o gatto soriano, che dir si voglia - si caratterizza per un mantello con tigrature che si disegnano su un colore di fondo - variabile dal giallo al grigiastro - noto come "agouti".

La particolare colorazione di fondo che ciascun gatto tabby possiede è dovuta al fatto che i peli dell'animale non sono di un solo colore, ma presentano diverse bande di colore giallo-grigiastro che si alternano regolarmente lungo il fusto dell'intero pelo, la cui punta termina generalmente con un colore scuro.

Altro aspetto caratteristico del gatto tabby è rappresentato dalla "M" disegnata sulla fronte. Questa peculiarità ha fatto sì che attorno ai felini con questa tipologia di mantello nascessero miti e leggende. Per approfondire, leggi il capitolo dedicato più avanti.

Lo sapevi che…

Quando il mantello del gatto presenta un unico colore si parla di mantello solido o self.

Oltre al motivo con cui la pelliccia del gatto si manifesta, i gatti tabby - rispetto ai gatti con mantello self - presentano particolarità anche a livello di occhi, naso, orecchie e mento. Vediamo quali sono:

  • Occhi: gli occhi del gatto tabby sono generalmente bordati di un colore più scuro rispetto al resto del mantello che, tuttavia, si intona alla perfezione con il colore di base dello stesso. Inoltre, intorno agli occhi presentano un anello di pelo di colore più chiaro che fa sì che l'animale sembri portare gli occhiali.
  • Naso: nei gatti tabby il naso non è a tinta unita come nei gatti solidi, bensì assume una colorazione che può variare dal rosa, rosa antico al rosso mattone. Inoltre, il contorno del naso è bordato del colore di base del mantello.
  • Orecchie: le orecchie dei gatti tabby si caratterizzano per la presenza di un punto più chiaro sul padiglione esterno dell'orecchio definito "impronta del pollice" ("thumbmark" o "pouce", rispettivamente, in inglese e in francese).
  • Mento: nei gatti tabby il colore del mento è più chiaro rispetto al resto del mantello.

Quali gatti possono essere Tabby?

Poiché il tabby è una particolare tipologia di mantello, esso può manifestarsi in diversi tipi di gatti, sia di razza che non. Fra le razze che possono annoverare una pelliccia di questo tipo ricordiamo:

Anche gatti non di razza (gatto domestico comune) possono avere un mantello soriano.

Tipi di Tabby

Come riportato dall'Anagrafe Nazionale Felina, esistono ben quattro differenti tipi di mantello tabby. Entriamo più nel dettaglio.

Mackerel Tabby

Il mackerel tabby è un manto tigrato caratterizzato da linee verticali non interrotte. Il termine "mackerel" significa "sgombro", come il pesce la cui pelle si distingue proprio per la presenza di striature che determinano un disegno tigrato sulla sua superficie corporea.

I gatti con questo tipo di mantello tabby presentano una linea nera che non si interrompe mai e che corre dalla nuca fino alla base della coda. Quest'ultima, insieme a zampe e collo si presenta ben inanellata, mentre le cosce, le spalle e i fianchi cono adornati con sottili e continue strisce parallele fra loro. La pelliccia sulla pancia, invece, presenta tante piccole macchie rotonde o pois. Sulla fronte dei gatti mackerel tabby è presenta la tipica "M", mentre sulle guance si apprezzano due o tre righe che ne seguono il contorno.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/28/gatto-europeo-mackerel-tabby-orig.jpeg Shutterstock
Gatto Europeo Mackerel Tabby

Ticked Tabby o mantello abissino

Il ticked tabby è il mantello tipico dei gatti di razza Abbisina. Il colore di fondo - l'agouti - in questo caso si distribuisce in maniera uniforme su tutto il corpo dell'animale. Ciascun pelo possiede bande di colore diverse regolarmente alternate le une con le altre; la sua radice è color albicocca, mentre la punta è del colore di base. Quest'ultimo può essere, a seconda dei casi, cinnamon, fawn, nero, blu, chocolate. Muso, collo, zampe e coda possono presentare o meno delle tigrature. Sulla fronte non manca la classica "M".

Questa particolare tipologia di manto tabby si riscontra soprattutto nei gatti selvatici che vivono in zone desertiche ed aride, così come nei gatti della savana. Fra le razze domestiche, invece, il manto ticked tabby - oltre che sugli Abissini - può essere presente nel Gatto di Ceyilon o nel Singapura.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/28/gatto-abissino-ticked-tabby-orig.jpeg Shutterstock
Gatto Abissino Ticked Tabby

Spotted Tabby

I gatti con mantello spotted tabby si caratterizzano per la presenza di tante piccole macchie ben separate le une dalle altre e regolarmente distribuite lungo il corpo dell'animale. Tali macchie possono avere una forma rotonda, oppure ovale. Dalla nuca alla base della coda del gatto può essere presente una sottile e ininterrotta linea nera. Il collo presenta due righe ininterrotte, mentre zampe e coda sono inanellate. Sulla fronte è presente la tipica "M", mentre sulle guance - così come in altre tipologie di manto tabby - sono presenti due o tre righe che ne seguono il contorno.

Il mantello spotted tabby è anche definito come maculato. Fra le razze di gatto che presentano questo manto spiccano l'Ocicat e il Gatto egiziano. Il caratteristico mantello del Bengalese, invece, si può considerare come uno spotted modificato.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/28/gatto-orientale-spotted-tabby-orig.jpeg Shutterstock
Gatto Orientale Spotted Tabby

Blotched Tabby o Classic Tabby

Il blotched tabby - anche noto come classic tabby o come marmorizzato classico - presenta peculiarità che non passano certo inosservate. Sul colore di fondo, infatti, la striatura assume la conformazione di una sorta di farfalla di cui è possibile distinguere il disegno delle ali superiori e inferiori sui fianchi e sulle spalle dell'animale. Dal collo alla base della coda è possibile distinguere tre grosse linee: una centrale e altre due parallele ad essa. Zampe e coda sono inanellate, mentre sul collo sono presenti due righe ininterrotte. Il manto sull'addome presenta tanti piccoli pois. Anche in questo caso, non mancano la classica "M" sulla fronte e le due o tre righe che seguono i contorni delle guance.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/11/28/british-shorthair-blotched-tabby-orig.jpeg Shutterstock
British Shorthair Blotched Tabby

Cura e carattere del Gatto Tabby

Come abbiamo detto, il gatto tabby o soriano non rappresenta una razza di gatto in sé. Cura e carattere dell'animale, pertanto, sono strettamente correlati alla razza di appartenenza, cui si aggiunge una certa variabilità individuale fra un felino e l'altro.

Poiché ogni gatto presenta un proprio temperamento, così come necessità ed esigenze proprie, è sempre bene rivolgersi al veterinario per ottenere consigli mirati e specifici su cura e alimentazione del proprio micio.

Gatto Tabby fra miti e leggende

Come accennato all'inizio di questo articolo, il gatto tabby si caratterizza per la presenza di una striatura a forma di "M" sulla fronte. Attorno a questo "marchio" sono numerose le leggende e i miti che si sono sviluppati. Fra queste ne ricordiamo alcune.

Gatto Tabby e Antico Egitto

La "M" presentata dai gatti tabby viene ricondotta alla parola "Mau" che in egiziano significa, per l'appunto, "gatto".

Inoltre, questa particolare striatura presente sulla fronte degli Egyptian Mau viene chiamata anche "marchio dello scarabeo", animale sacro e divinità nella cultura dell'Antico Egitto.

Gatto Tabby e Cristianesimo

Vi è una leggenda secondo cui, dopo la nascita di Gesù, un gatto (secondo alcuni, una gatta con cuccioli) giunse nella stalla dove la Sacra Famiglia si rifugiava e andò ad acciambellarsi all'interno della mangiatoia con il bambino, riscaldandolo. Maria, quindi, in segno di gratitudine gli accarezzò la testa, lasciando impressa sulla sua fronte l'iniziale del suo nome: "M".

Gatto Tabby e Islam

Le leggende sul gatto tabby ci arrivano anche dalla religione islamica. Secondo questa leggenda, infatti, Maometto possedeva una gatta di nome Muezza che lo salvò da un grave pericolo. Difatti, secondo la leggenda, un giorno Maometto si ritrovò di fronte un serpente velenoso pronto ad attaccarlo; la gatta Muezza, però, intervenne in suo aiuto salvandogli la vita. In segno della gratitudine e dell'amicizia che lo legava a questa felina, Maometto impresse la lettera iniziale dei loro nomi sulla fronte di tutti i gatti, ossia la lettera M.

Autore

Ilaria Randi

Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista