Gatto iperattivo: come riconoscerlo e cosa fare

Gatto iperattivo: come riconoscerlo e cosa fare
Ultima modifica 22.12.2023
INDICE
  1. Come riconoscere un gatto iperattivo?
  2. Come fare calmare un gatto iperattivo?
  3. A quale età si calmano i gatti?
  4. Gatto iperattivo di notte
  5. Cause
  6. Rimedi

Come riconoscere un gatto iperattivo?

Sono molti i padroni che si trovano ad affrontare i problemi legati a un gatto iperattivo. Il micio, per natura, adora cacciare, arrampicarsi e correre. A volte questi comportamenti si manifestano all'improvviso e senza un apparente motivo. Ad esempio se noti che il tuo felino miagola troppo oppure è più attivo del solito nella caccia potrebbe soffrire di iperattività. Prima di saperne di più e scoprire cosa si nasconde dietro un gatto iperattivo, ti ricordiamo che puoi unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere.

 

Come fare calmare un gatto iperattivo?

Per calmare un gatto iperattivo è essenziale risalire alle cause di questo problema. Se noti un comportamento fuori dall'ordinario nel tuo micio potrebbe essere utile contattare il veterinario ed effettuare una visita per scoprire cosa si nasconde dietro dei comportamenti anomali. In questo modo scoprirai come calmare il tuo micio e in che modo affrontare i momenti in cui sarà iperattivo.

A quale età si calmano i gatti?

I gattini sono molto attivi e nei primi anni di vita trascorrono il tempo a giocare, esplorare il territorio circostante e fare esperienza. Passato questo periodo però sia le ore dedicate al gioco che le attività diminuiscono. Si tratta di un cambiamento che non è uguale in tutti i mici e che è legato, ovviamente, anche al carattere del singolo gatto che potrà essere più o meno attivo e giocherellone. Man mano che diventerà adulto comunque il tuo gatto sarà sempre meno attivo. Inizierà dunque a dedicare molto più tempo al sonno e al riposo, relegando il gioco e le coccole a dei momenti precisi. Nonostante ciò anche i gatti adulti possono vivere dei momenti di iperattività in cui adottano una postura d'attacco, camminando o saltando di lato e tenendo il pelo all'indietro e ispido. Questo comportamento, dopo pochi minuti di corsa, si esaurisce, riportando il gatto a uno stato di tranquillità.

Gatto iperattivo di notte

Perché il gatto diventa iperattivo di notte? Si tratta di una domanda che si fanno tantissimi padroni alle prese con mici che, durante le ore notturne, non fanno altro che saltare sui mobili, miagolare e correre qua e là. Spesso però ci dimentichiamo che i felini possiedono un fortissimo istinto predatorio e sono animali particolarmente attivi nelle ore notturne. Anche se il gatto domestico non ha necessità di andare a caccia per potersi nutrire dunque tende ad accumulare le energie durante la giornata, rilasciandole la notte. Dobbiamo poi ricordare che spesso le ore diurne per il gatto risultano noiose: il più delle volte infatti restano a casa da soli e attendono il rientro del padrone. Un accumulo di energie che favorirà l'iperattività notturna. 

 

Cause

  • Mancato sviluppo sociale
  • Energia repressa
  • Noia
  • Ansia e paura

Dietro un gatto iperattivo possono esserci moltissime cause. Prima di tutto un mancato sviluppo sociale a causa del distacco prematuro dalla madre. Nei gatti infatti le abilità sociali vengono sviluppate grazie al contatto con la madre e con i fratellini della cucciolata. Se i gattini vengono allontanati troppo presto dalla propria mamma però non riusciranno a seguire uno sviluppo sociale lineare, imparando a non mordere e a non graffiare a meno che non si sentano in pericolo. Ricordiamo inoltre che i fatti adorano giocare e correre, dunque a volte hanno necessità di sfogare le energie represse, soprattutto se hanno trascorso molto tempo a dormire.

Se un gatto sembra iperattivo inoltre potrebbe essere semplicemente annoiato. Fornire nuovi giocattoli e dedicare più tempo al gatto potrebbe rivelarsi utile per non fare annoiare il tuo micio. A volte infine l'iperattività può essere legata all'introduzione in un nuovo ambiente, all'arrivo di nuove persone oppure animali.

Rimedi

  • Arricchisci l'ambiente;
  • Usa i rimedi naturali;
  • Prova i feromoni calmanti;
  • Adotta un altro gatto
  • Consulta un etologo.

Ma cosa si può fare, dunque, se il gatto è iperattivo? Si può provate con i consigli che vi abbiamo appena dato, in primis arricchendo l'ambiente inserendo in casa elementi che possano intrattenere il micio ed evitare la noia, come mensole, amache, giochi e tiragraffi. A seguire, si può provare a usare un rimedio naturale. I fiori di Bach, per esempio, sempre usati dietro consiglio di un veterinario specializzato, possono essere un ottimo rimedio per aiutare il tuo micio a ritrovare l'equilibrio psicofisico.

Sempre dietro consiglio veterinario si possono usare i ferormoni calmanti, sostanze sintetiche che possono aiutare il micio a calmarsi nelle situazioni che gli causano un alto livello di stress. Potreste anche adottare un altro gatto: trovare un compagno felino per il tuo potrebbe essere la soluzione giusta per fargli bruciare energie ed evitare che possa annoiarsi durante il giorno.

Ovviamente prima di fare una scelta rifletti bene e cerca di capire se l'arrivo di un altro micio potrebbe creare solamente stress oppure potrebbe rivelarsi positivo. Infine, è bene consultare un etologo: se il gatto presenta un disturbo del comportamento potrebbe essere utile consultare un esperto. Un etologo è la figura giusta per comprendere le cause del comportamento del tuo pet, ma soprattutto per trovare un trattamento oppure una cura che sia specifica.