Gatto d'Angora o Angora Turco: caratteristiche e come prendersene cura

Gatto d'Angora o Angora Turco: caratteristiche e come prendersene cura
Ultima modifica 10.01.2024
INDICE
  1. Che cos'è il Gatto d'Angora?
  2. Caratteristiche fisiche
  3. Carattere e temperamento
  4. Come prendersi cura di un Gatto d'Angora?
  5. Salute e malattie
  6. Quanto vive un Gatto d'Angora?
  7. Quanto costa un Gatto d'Angora?

Che cos'è il Gatto d'Angora?

Il gatto d'Angora, Angora Turco o Turkish Angora è una razza di felino domestico originario della Turchia e, più precisamente, della città di Ankara (un tempo nota come "Angora").

A differenza di altre tipologie di razze ottenute da incroci avvenute ad opera dell'uomo, l'Angora Turco è una razza naturale. Si tratta, infatti, di una delle razze di gatto più antiche, ben conosciuta per il caratteristico manto bianco e soffice. Più precisamente, si ritiene che il gatto d'Angora sia un diretto discendente del gatto selvatico africano e che il suo pelo lungo e setoso sia il risultato di una mutazione spontanea verificatasi per consentire l'adattamento al clima rigido di Ankara.

Nota bene

Il Turkish Angora non deve essere confuso con il Turkish Van, altra razza di gatto domestico originaria dalla Turchia.

Gatto d'Angora - Turkish Angora Shutterstock

Caratteristiche fisiche

Il gatto d'Angora è un felino di taglia media; snello, atletico, dalla corporatura aggraziata e ben bilanciata. Può raggiungere i 50 centimetri di lunghezza ed un peso corporeo compreso fra i 2 e i 5 kg.

L'ossatura è fine, ma ciò non implica necessariamente che il gatto Angora Turco sia delicato. Le zampe sono lunghe e fini; quelle posteriori tendono ad essere leggermente più lunghe di quelle anteriori.

Il pelo è semilungo e di diversi colori. Inizialmente, si riteneva che il manto dell'Angora Turco potesse essere solo bianco; oggi, invece, questo gatto è disponibile in moltissimi colori e in diverse combinazioni, inclusi il lavanda, il chocolate, il blu, il rosso, il nero, il bicolore, il calico, il tartarugato e il tabby.

Durante i mesi invernali, il pelo dell'Angora Turco è più lungo e folto, mentre nei mesi estivi tende ad essere più corto. In qualsiasi caso, il manto è soffice e morbido.

La testa è a forma di cuneo. Le orecchie sono grandi e presentano ciuffi di pelo sulla sommità.

Gli occhi sono a mandorla e possono essere blu, verdi, ambra, oppure possono essere di colori differenti: generalmente, uno blu e uno ambra.

La coda è lunga, assottigliata verso l'estremità e ricoperta da un lungo pelo.

Per approfondire: Eterocromia: perché alcuni gatti hanno gli occhi di colore diverso?

Carattere e temperamento

Il gatto d'Angora è un felino con una personalità affettuosa e giocosa ed è dotato di una spiccata loquacità. Difatti, non risulta timido nell'esprimersi ed è ben disposto a "lunghe conversazioni" con chiunque voglia interagire con lui.

Il Turkish Angora è un ottimo compagno per persone di tutte le età, inclusi anziani e bambini. Può anche andare d'accordo con altri gatti o altri animali domestici, benché abbia una certa tendenza al comando e ad essere considerato "il capo". Nonostante ciò, è in grado di instaurare forti legami affettivi non solo con gli esseri umani, ma anche con gli altri animali della famiglia.

Anche se apprezzano la compagnia e sono dotati di un'indole molto socievole, i gatti d'Angora non amano essere presi in braccio; per questo motivo, è molto importante insegnare agli eventuali bambini della famiglia come approcciarsi correttamente al gatto.

Lo sapevi che…

Per via della loro socievolezza, i gatti d'Angora vengono anche definiti come i Border Collie dei gatti.

Come prendersi cura di un Gatto d'Angora?

Per garantirne benessere fisico e psichico e un'ottima salute, è necessario prendersi cura del gatto d'Angora nel modo corretto, assicurandosi di rispondere ad ogni sua esigenza. Entriamo più nel dettaglio.

Alimentazione

Naturalmente, in quanto felino, il gatto d'Angora è un animale principalmente carnivoro. Nella sua alimentazione, pertanto, non possono mancare proteine animali di alta qualità.

Chiaramente, l'alimentazione dovrà essere strutturata in maniera tale che l'animale riceva tutti i nutrienti di cui necessita e in modo da rispondere alle esigenze nutrizionali che caratterizzano ciascuna fascia di età e fase della vita. Un cucciolo, infatti, avrà necessità diverse rispetto a un esemplare adulto o ad un esemplare anziano.

Per ottenere indicazioni personalizzate in merito alla miglior dieta da far seguire al proprio gatto, è utile chiedere consiglio al proprio veterinario.

Naturalmente, a disposizione del nostro gatto d'Angora dovrà esserci acqua sempre fresca e pulita che può essere dispensata in una semplice ciotola o mediante l'uso di apposite fontanelle.

Toelettatura

Il pelo semilungo del gatto d'Angora non tende a formare nodi e ad aggrovigliarsi, tuttavia, necessita comunque di essere spazzolato regolarmente per essere mantenuto in ordine. Generalmente, grazie alla mancanza del sottopelo, è sufficiente una spazzolatura a settimana, ma nei periodi di cambio pelo potrebbe essere necessario incrementare le sessioni di spazzolamento per favorire l'eliminazione del pelo caduto ed evitare che l'animale ne ingerisca grandi quantità durante le sue quotidiane operazioni di pulizia. Così facendo, inoltre, si può prevenire la formazione dei boli di pelo e delle loro conseguenze.

In quanto suscettibile alla comparsa di disturbi dentali, è molto opportuno assicurare al proprio gatto d'Angora una corretta igiene orale.

Per approfondire: Igiene orale del gatto: cosa c'è da sapere?

Inoltre, è necessario controllare regolarmente le orecchie del proprio felino al fine di valutare se sono pulite e in salute.

Ad ogni modo, per maggiori informazioni sulla pulizia e la cura, si rimanda ancora una volta all'utile consulto con il proprio veterinario.

Per approfondire: Pulizia del gatto: consigli per la toelettatura felina

Esercizio e gioco

Il gatto d'Angora è un animale molto attivo ed energico che ama giocare e arrampicarsi. Per questa ragione, non solo è importante arricchire l'ambiente in cui vive con giocattoli, tiragraffi a più piani e pareti attrezzate, ma anche assicurarsi di potersi ritagliare del tempo in modo da garantirgli sessioni di gioco di almeno 15-30 minuti al giorno. I gatti d'Angora possono sfogare le loro energie anche con giocattoli interattivi e giocattoli puzzle.

Questi felini domestici, infine, possono essere abituati all'uso del guinzaglio.

Altri aspetti da considerare

Quando si decide di accogliere un Angora Turco nella propria casa - oltre a procurarsi quanto serve per alimentarlo, per pulirlo e per far sì che possa svagarsi - è altresì necessario occuparsi della scelta della lettiera dove l'animale espleterà i suoi bisogni. Questa dovrà essere sufficientemente spaziosa per consentire al gatto di muoversi al suo interno e dovrà essere posizionata lontano da cibo e acqua, ma pur sempre in un posto tranquillo.

Per approfondire: Lettiera per gatti: quale scegliere e dove posizionarla

Allo stesso tempo, è necessario assicurarsi che il Turkish Angora abbia a disposizione cucce e luoghi tranquilli dove riposare e rifugiarsi quando ne sente la necessità.

Infine, poiché si tratta di animali curiosi ed energici che amano arrampicarsi a saltare, è fondamentale rendere la propria casa a prova di gatto d'Angora, allontanando - o posizionando al di fuori della sua portata - oggetti, prodotti e alimenti che possono essere potenzialmente dannosi.

Per approfondire: Come prepararsi all'arrivo di un gatto?

Salute e malattie

Problemi di salute e malattie comuni nel Gatto d'Angora

Come avviene per altri felini di razza, anche il gatto d'Angora può essere predisposto allo sviluppo di alcuni disturbi e malattie. Fra queste, ricordiamo:

  • Sordità ereditaria: i Turkish Angora bianchi con gli occhi blu (o con un solo occhio blu) tendono ad essere inclini allo sviluppo di sordità ereditaria di una o entrambe le orecchie.
  • Cardiomiopatia ipertrofica: gli esemplari di Angora Turco sono predisposti allo sviluppo di questa patologia cardiaca caratterizzata dall'ingrossamento del muscolo cardiaco che può portare alla comparsa di insufficienza cardiaca.
  • Malattia renale cronica: tale patologia comporta una perdita di funzionalità da parte dei reni.
  • Atassia ereditaria: questa patologia interessa il sistema nervoso del gatto e determina problemi di movimento.
  • Malattie parodontali.

Lo sapevi che…

I Turkish Angora di colore bianco - per via del colore della loro pelliccia - sono più inclini a scottature solari e irritazioni dovute all'esposizione al sole. Pertanto, è opportuno prestare attenzione quando il proprio gatto d'Angora bianco vive all'esterno o si trova ad essere esposto al sole.

In questo caso, tuttavia, non si tratta di un problema riconducibile alla razza specifica, bensì al colore chiaro del manto e può, perciò, riguardare qualsiasi altro tipo di gatto con pelo bianco o chiaro, sia di razza che non di razza.

Naturalmente, quelli sopra riportati non sono gli unici problemi di salute cui un gatto d'Angora può andare incontro, ma quelli nei confronti delle quali la razza in questione si trova ad essere maggiormente predisposta. Di contro, ciò non significa che il proprio gatto - solo perché appartenente a questa razza - debba per forza sviluppare uno o più delle suddette patologie.

In qualsiasi caso, qualora si noti la comparsa di sintomi, segni o alterazioni del comportamento e/o delle abitudini di qualsiasi tipo nel proprio Turkish Angora, è sempre bene non sottovalutarli e rivolgersi prontamente al proprio veterinario.

A questo proposito, infine, è bene precisare che è opportuno sottoporre il proprio Angora Turco a regolari controlli veterinari, in maniera tale da valutarne periodicamente stato di salute e benessere.

Quanto vive un Gatto d'Angora?

Indicativamente, la vita media di un gatto d'Angora è di 12-18 anni; tuttavia, secondo alcune fonti, questi animali possono raggiungere i 20 anni di età.

Quanto costa un Gatto d'Angora?

Il costo di un cucciolo di gatto d'Angora, indicativamente, parte dai 500-900 euro, in funzione dell'allevamento cui ci si rivolge.

Autore

Ilaria Randi

Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista