I gatti cadono sempre in piedi: cosa c'è di vero?

I gatti cadono sempre in piedi: cosa c'è di vero?
Ultima modifica 14.02.2024
INDICE
  1. È vero che i gatti cadono sempre in piedi?
  2. Perché i gatti cadono sempre in piedi?
  3. Come fanno i gatti ad atterrare sempre in piedi?
  4. Il ruolo dell’altezza nella caduta del gatto
  5. Le gambe di un gatto: come li aiutano nella caduta?

È vero che i gatti cadono sempre in piedi?

Non solo un modo di dire quello che i gatti cadono sempre in piedi, anzi, c'è molto di vero. Infatti, questa capacità significa che possono sopravvivere a cadute da altezze incredibili. Alcune persone pensano che sia dovuto al grande equilibrio dei gatti, ma cosa c'è di vero?

Questa capacità dei nostri amici felini è stata fonte di discussione da parte degli scienziati per molti secoli, e alcuni avanzano ancora dubbi su cosa permetta loro davvero di farlo. Ma prima di scoprire perché i gatti cadono sempre in piedi, vi ricordiamo che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Perché i gatti cadono sempre in piedi?

I gatti hanno un sistema di equilibrio integrato chiamato "riflesso di raddrizzamento" che consente loro di orientarsi e atterrare in piedi. Ma anche se i gatti spesso riescono ad atterrare nel modo giusto, non è il caso che atterrino sempre in piedi. L'altezza della caduta può influenzare la loro capacità di atterrare in sicurezza.

Per molto tempo, la capacità dei gatti di atterrare apparentemente sempre in piedi ha sconcertato gli scienziati fin dall'inizio del XIX secolo. Inizialmente, si pensava che quando i gatti venivano lasciati cadere in qualche modo riuscissero a "spingere via" la mano della persona.

Tuttavia, uno scienziato francese chiamato Etienne-Jules Marey nel 1894 scoprì che non era così. Usando una macchina fotografica cronofotografica, è riuscito a catturare 60 fotogrammi al secondo della caduta di un gatto, poi ha potuto guardare al rallentatore e vedere come i gatti atterrano in piedi.

Come fanno i gatti ad atterrare sempre in piedi?

Come già anticipato, il modo in cui i gatti riescono ad atterrare in piedi è chiamato riflesso di raddrizzamento. Possono girarsi nella direzione giusta durante la caduta per atterrare in sicurezza in piedi. L'apparato vestibolare all'interno dell'orecchio di un gatto viene utilizzato per l'equilibrio e l'orientamento e ciò consente ai gatti di capire rapidamente da che parte è in alto e ruotare la testa in modo che il corpo possa seguirlo.

I gatti hanno anche strutture scheletriche incredibilmente uniche: non hanno clavicole e una colonna vertebrale molto flessibile con 30 vertebre. Questa colonna vertebrale flessibile significa che possono correggersi facilmente e rapidamente durante una caduta. La schiena si inarca, le zampe scendono sotto il corpo e avvicinano quelle anteriori al viso per proteggerlo. Il loro basso rapporto peso/corpo aiuta anche i gatti ad atterrare in piedi poiché riescono a rallentare la loro velocità durante la caduta.

I gatti sviluppano il riflesso di raddrizzamento molto presto e viene osservato per la prima volta nei gattini già a 3 settimane di età e entro 7 settimane è completamente sviluppato.

Il ruolo dell’altezza nella caduta del gatto

L'altezza della caduta del gatto gioca un ruolo importante se i gatti cadono sempre in piedi. Uno studio condotto nel 1987 dal New York City Animal Medical Center ha analizzato i registri veterinari di gatti caduti da edifici a più piani e ha trovato alcune statistiche incredibili. La maggior parte di loro è caduta sul cemento, eppure il 90% di tutti i gatti studiati è sopravvissuto alla caduta e solo il 37% di questi ha avuto bisogno di cure di emergenza.

Ma è stata l'altezza della caduta a incidere maggiormente sul risultato. I gatti caduti da un livello compreso tra 7 e 32 piani hanno subito meno lesioni, mentre quelli caduti tra 2 e 6 piani hanno subito più lesioni. Sorprendentemente, un gatto caduto da ben 32 piani e atterrato sul cemento è stato rilasciato dopo 48 ore con solo un dente scheggiato e una lieve puntura polmonare.

Gli scienziati, dunque, ritengono che più dall'alto avviene la caduta, più tempo i gatti hanno a disposizione per raddrizzarsi, e dunque cadere in piedi limitando i danni.

Le gambe di un gatto: come li aiutano nella caduta?

  • Abitati ad arrampicarsi
  • Gambe muscolose
  • Gambe lavorano per ammortizzare l'impatto

La capacità dei gatti di atterrare in piedi e sopravvivere a grandi cadute è influenzata dal fatto che, i loro geni selvatici, li spingono a trascorrere (quando possono) molto tempo sugli alberi o, nel caso di gatti esclusivamente domestici, arrampicandosi sulle cose. Pertanto, è probabile che prima o poi cadano, quindi si sono adattati per sostenere un danno minimo in seguito a una caduta.

Anche se le loro gambe possono sembrare lunghe e snelle, in realtà sono molto muscolose e lavorano per ridurre l'impatto e agire come ammortizzatori quando atterrano. Le loro gambe angolate non sono solo costruite per essere perfette per saltare e raggiungere grandi altezze, ma riducono anche l'impatto in modo che la forza non colpisca direttamente.

Laddove i gatti hanno la capacità di raddrizzarsi, è comunque importante assicurarsi che il tuo gatto non possa cadere dall'alto. I gatti in sovrappeso hanno molte meno probabilità di riuscire ad atterrare in piedi, poiché ciò riduce la loro capacità di raddrizzarsi in aria. Se vivi con il tuo gatto in ​​un condominio o in un edificio alto, è una buona idea assicurarti di tenere le finestre chiuse o, se devi tenerle aperte, installare delle inferriate per evitare che il tuo gatto cada. Se il tuo gatto è caduto, portalo subito dal veterinario perché potrebbe avere gravi lesioni interne che non puoi vedere.