Caring

Far convivere due tartarughe di terra: consigli e come fare

Far convivere due tartarughe di terra: consigli e come fare
Ultima modifica 06.04.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Si può far convivere due tartarughe di terra?
  2. Quante tartarughe di terra possono stare insieme?
  3. Quando vanno in amore le tartarughe di terra?
  4. Tartarughe di terra meglio sole o in compagnia
  5. Inserimento tartarughe di terra
  6. Come far convivere due tartarughe

Si può far convivere due tartarughe di terra?

Far convivere due tartarughe di terra è possibile? I padroni che desiderano allevare più di una tartaruga dovrebbero conoscere molto bene l'indole e i comportamenti di questi animali.

Le tartarughe infatti sono animali piuttosto solitari ed è essenziale, per far convivere più esemplari, seguire alcune regole.

Prima di scoprire come far convivere due tartarughe di terra ti ricordiamo che puoi anche unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Quante tartarughe di terra possono stare insieme?

Partiamo dal presupposto che le tartarughe sono animali solitari e indipendenti. Detto ciò, con gli spazi sufficienti, è possibile adottarne più di una.

Quante tartarughe di terra si possono allevare insieme? In media in uno spazio di un metro quadro indoor si possono allevare massimo otto esemplari di taglia inferiore ai 10 centimetri oppure un solo esemplare con una taglia fra i 10 e i 20 centimetri.

All'aperto, invece, lo spazio minimo per una coppia di tartarughe di terra di taglia media è di 2 metri quadri. In dieci metri quadri, in media, è possibile allevare 15-20 esemplari di taglia media, in caso di taglia grande invece il numero diminuisce.

Quando vanno in amore le tartarughe di terra?

  • Generalmente in primavera

Le tartarughe di terra sono dei rettili ovipari, ciò significa che depongono le uova. Nelle femmine gli organi riproduttivi sono costituiti da due ovaie che hanno lo scopo di produrre gli ovuli che si spostano negli ovidotti in cui si formeranno guscio e albume.   

Gli esemplari maschi invece possiedono dei testicoli posizionati nella corazza e un pene situato alla base della coda. La riproduzione è legata alla maturità degli esemplari, ma anche alla taglia.

La maturità sessuale viene raggiunta intorno ai 5-7 anni d'età, ma in cattività può arrivare anche intorno ai 2 anni d'età. La riproduzione avviene nelle zone temperate in primavera, mentre in quelle tropicali nelle stagioni umide. Durante l'anno può essere multipla o singola.

L'accoppiamento viene preceduto da un corteggiamento durante cui la tartaruga maschio può rivelarsi particolarmente aggressiva verso la femmina. Proprio per questo è importante non lasciare una femmina da sola con il maschio in questo periodo.

Per un allevamento ottimale dunque sarebbe meglio far stare la femmina con il maschio per circa 6-7 settimane.

Tartarughe di terra meglio sole o in compagnia

Le tartarughe di terra non sono animali che soffrono particolarmente la solitudine. Parliamo infatti di animali solitari e che apprezzano raramente la compagnia di altri esemplari della stessa specie.

In generale è sconsigliabile tenere insieme diverse Testudo hermanni perché potrebbero crearsi, soprattutto fra i maschi, dei violenti combattimenti. Va però sottolineato che ogni tartaruga possiede il proprio carattere, dunque non mancano dei casi di tartarughe capaci di convivere con altri esemplari.

Inserimento tartarughe di terra

La convivenza fra le tartarughe di terra non è legata ad una necessità sociale, ma ad un'opportunità di arricchimento psicologico, ma sempre rispettando sia la compatibilità fra sessi e gli spazi giusti.  

Le specie di tartarughe di terra non sono animali molto sociali fra loro. In generale la regola da seguire è quella di inserire un solo esemplare maschio ogni tre femmine in recinti spaziosi. In alternativa si possono gestire insieme solamente esemplari femmine oppure esemplari sub adulti o baby sino a tre o quattro anni.

La convivenza fra esemplari adulti e baby non si può effettuare nello stesso recinto per via della differenza di stazza. Le tartarughe baby infatti rischierebbero di essere schiacciate dagli adulti.

Come far convivere due tartarughe

I maschi solitamente sono più aggressivi e territoriali rispetto alle femmine. Proprio per questo difficilmente due esemplari maschi possono convivere insieme senza arrivare ad uno scontro, con conseguenze anche gravi a causa di colpi e morsi.

Le tartarughe acquatiche invece sono maggiormente portate per la vita gregaria. Dunque i maschi tendono a tollerarsi maggiormente, anche grazie ad alcuni articolari rituali.

In ogni caso determinare il sesso delle tartarughe è essenziale per assicurare una buona convivenza. Le tartarughe di terra non presentano un grande dimorfismo sessuale come in tanti altri animali.

Per determinare il sesso andrebbe esaminata la coda. Nei maschi infatti è più grossa alla base e lunga, nelle femmine è sottile e corta. Ciò è dovuto al fatto che la coda viene usata per accoppiarsi tramite la cloaca. Proprio per questo quella del maschio appare più lunga per arrivare all'apertura cloacale presenza nella femmina durante l'accoppiamento.  

Un'altra caratteristica da prendere in considerazione è quella legata al piastrone, ossia la zona inferiore al guscio. Nei maschi il piastrone appare leggermente concavo per coprire con facilità la femmina e facilitare l'accoppiamento.

Nelle tartarughe acquatiche inoltre è presente un'altra caratteristica da prendere in considerazione: le unghie delle zampe anteriori. Nei maschi infatti appaiono più lunghe, questo perché vengono usate per corteggiare la femmina prima dell'accoppiamento, facendole vibrare di fronte al suo muso.

CONDIVIDI: