Caring

Dove andare in vacanza in Italia con il nostro cane?

Dove andare in vacanza in Italia con il nostro cane?
Ultima modifica 04.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Dove portare il cane durante le vacanze in Italia?
  2. Dove andare con il cane al mare?
  3. Dove si può fare il bagno al mare con i cani?
  4. Dove andare con il cane in montagna?
  5. Dove può andare il cane all'estero?
  6. Come si prepara il viaggio?
  7. Cosa serve per il benessere del cane in viaggio?
  8. Dove può viaggiare il cane?
  9. Viaggiare con il cane in nave
  10. In conclusione

Dove portare il cane durante le vacanze in Italia?

Le vacanze rappresentano un momento di relax e divertimento per tutti noi, che abbiamo spesso bisogno di distaccarci dalle routine quotidiane, ma può essere un momento di gioia e condivisione anche per i nostri amici cani. Portare con sé il proprio animale domestico è un'opportunità per creare ricordi speciali insieme, esplorare nuovi luoghi e condividere esperienze uniche.

La buona notizia è che sulla nostra Penisola la cultura pet-friendly è sempre più diffusa, con numerose strutture turistiche, spiagge, parchi e sentieri che accolgono con entusiasmo gli animali domestici, dunque se vi state chiedendo dove andare con il cane in vacanza in Italia, la prima risposta secca è che avete l'imbarazzo della scelta.

Naturalmente adesso andremo a fondo, ma prima di scoprire sia i luoghi sia come portare il cane in vacanza vi ricordiamo che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Dove andare con il cane al mare?

  • Abruzzo: Giulianova, Pescara, Roseto degli Abruzzi, Fara San Martino, Campotosto, Barrea, Pineto);
  • Calabria: Amantea, Sant'Andrea Apostolo dello Jonio, Soverato, Gizzeria, Reggio Calabria, Montegiordano Matina, Marina di Zambrone, Santa Caterina dello Iono Marina, Crotone);
  • Campania: Marina di Eboli, Palinuro, Castel Volturno, Ascea, Ascea Marina, Sapri;
  • Emilia Romagna: Cattolica, Comacchio, Rimini, Misano Adriatico;
  • Friuli Venezia Giulia: Lignano Sabbiadoro, Lignano Riviera, Grado Pineta, Grado, Muggia;
  • Lazio: Gradoli, Fiumicino, Tarquinia, Pescia Romana, Sabaudia;
  • Liguria: Laigueglia, Spotorno, Ameglia, Oneglia, Ventimiglia, Pietra Ligure, Sanremo;
  • Marche: Pesaro, Fano, Senigallia, Civitanova Marche;
  • Puglia: Vieste, Campomarino di Maruggio, Torre Canne, Otranto, Nardò, Ostuni, Torre Pali;
  • Sardegna: Santa Giusta, Orosei, Badesi, Uri;
  • Sicilia: Brolo, Catania, Porto Empedocle, Trappeto, Siculiana Marina, Palma di Montechiaro;
  • Toscana: Massa, Orbetello, Sovara, Grosseto;
  • Veneto: Peschiera del Garda, Caorle, Bibione.

Quello che vi abbiamo fatto è un breve elenco delle migliori spiagge dog friendly in Italia, ma va precisato che tante regioni sono sempre più accoglienti nei confronti degli animali domestici. In linea di massima il consiglio è quello di verificare in anticipo le spiagge pet-friendly e le loro caratteristiche, così da potersi godere al meglio le giornate di relax in compagnia del proprio cane.

Dove si può fare il bagno al mare con i cani?

  • Nelle spiagge libere, salvo ordinanza balneare del Comune e divieti espliciti;
  • Nelle spiagge dog friendly.

In generale i cani possono effettivamente fare il bagno al mare in qualsiasi tratto libero cui possono accedere, ma esistono zone balneari in Italia soggette a divieto. Anche in questo caso, dunque, è importante verificare prima di portare il nostro animale domestico con noi.

Dove andare con il cane in montagna?

  • Piemonte;
  • Trentino Alto Adige;
  • Valle D'Aosta;
  • Veneto.

Le regioni che vi abbiamo appena indicato sono quelle con più strutture ricettive per cani. C'è solo l'imbarazzo della scelta: si va dagli agriturismi ai bed and breakfast, passando per hotel, rifugi, baite e resort. Anche in questo caso è essenziale fare una verifica, anche per essere sicuri che le necessità del cane siano del tutto soddisfatte.

Numerose località di montagna in Italia accolgono gli animali domestici organizzando anche cammini e percorsi adatti a loro, ma è molto importante prestare attenzione alle regole di comportamento, rispettare l'ambiente circostante durante le escursioni e informarsi sull'eventuale presenza di animali selvatici e pericolosi.

Ricorda che ogni cane, a seconda delle proprie caratteristiche, ha un limite di energie che può consumare in viaggi simili. Tiene a mente quindi di avere sempre a disposizione il necessario per il suo benessere, dalle ciotole al cibo, fino ai kit di pronto soccorso per cani.

Dove può andare il cane all'estero?

Se si desidera portare il proprio cane all'estero in vacanza, è fondamentale informarsi sulle normative del Paese di destinazione in merito all'ingresso degli animali domestici. Alcuni Paesi, difatti, richiedono documenti specifici, come il passaporto UE per animali domestici, e possono imporre restrizioni sulla razza del cane o sulle vaccinazioni obbligatorie.

È opportuno considerare che, sebbene le regole siano differenti a seconda della compagnia scelta, in linea di massima il cane può volare in cabina solo se è abbastanza piccolo da stare in un trasportino sotto il sedile. Per animali di taglie e peso maggiori c'è l'obbligo di viaggio in stiva, con il bagaglio e il carico. Un pensiero sul quale soffermarsi, prima di imbarcarci in un simile viaggio con il nostro amico.

Come si prepara il viaggio?

  • Portare il cane dal veterinario
  • Munirsi di trasportino e/o tappetino
  • Non dimenticare il libretto sanitario
  • Passaporto UE per animali (per viaggi all'estero)

Come detto, portare il nostro cane in vacanza con noi non è sempre la scelta consigliabile. Sia per il carattere del nostro animale, che potrebbe essere impaziente o soffrire i mezzi in movimento e la folla, sia magari per la destinazione, che comprende tratte troppo lunghe o troppo complesse per poterle affrontare con il nostro amico.

Ma, partendo dal presupposto che il nostro cane sia già abituato a viaggiare con noi, sia liberamente che nel trasportino, la prima cosa da fare prima di affrontare un viaggio è quello di far fare una visita preventiva dal nostro veterinario, così da essere sicuri che prima della partenza il nostro amico sia in perfetta forma.

Considerando poi il viaggio, a seconda del mezzo scelto, sarà indispensabile avere a disposizione il trasportino (ovviamente di dimensioni e caratteristiche adeguate) ed eventualmente un tappetino o una copertina, la pettorina con il relativo guinzaglio e una museruola, che in alcuni casi specifici è obbligatoria.

Altra cosa molto importante da non dimenticare è il libretto sanitario del cane (o certificato sanitario dell'UE per animali), un documento che racchiude tutte le informazioni sulla salute del nostro animale domestico, che è sempre bere avere con sé quando si viaggia. In caso di viaggi all'estero, è poi necessario avere con sé il passaporto UE per animali.

Cosa serve per il benessere del cane in viaggio?

  • Ciotole per cibo e acqua
  • Cibo e premietti
  • Giochi
  • Spazzola o pettine
  • Bustine igieniche

Quale che sia la nostra destinazione, è bene organizzare il bagaglio per il nostro cane per tempo, informandosi su tutto quello che potrebbe essere disponibile nel luogo nel quale soggiorneremo, così da portare con noi lo stretto indispensabile per il benessere del nostro animale (e per la nostra sanità mentale).

Dove può viaggiare il cane?

In Italia, i cani possono viaggiare su mezzi pubblici come treni, autobus e traghetti, purché rispettino le norme di comportamento e siano tenuti al guinzaglio. È importante verificare le regole specifiche di ogni mezzo di trasporto per garantire un viaggio sicuro e confortevole sia per noi che per il nostro amico.

Sui treni, ad esempio, i cani di taglia piccola viaggiano gratuitamente, ma devono essere tenuti all'interno del trasportino, mentre gli animali più grandi, che possono viaggiare pagando un apposito biglietto, devono essere tenuti a guinzaglio e con la museruola (obbligatoria nelle fasi di salita e discesa dal treno).

Discorso simile, in linea generale, anche per i mezzi pubblici, ma ogni compagnia ha delle regole specifiche che consigliamo di consultare attentamente prima di organizzare il nostro viaggio.

Per quanto riguarda invece i viaggi in auto, sicuramente l'organizzazione dipende da molti fattori, a partire dalle abitudini nostre e del nostro fidato amico, fino ad arrivare alle caratteristiche della vettura e delle strade da intraprendere. È importante scegliere una soluzione adatta e confortevole per il tuo animale domestico, e organizzare tutto il necessario di conseguenza.

Viaggiare con il cane in nave

I mezzi che vanno per mare sono, in generale, meno organizzati per i bisogni dei nostri amici cani. Per i viaggi di percorrenza inferiore alle 4 ore, ad esempio, spessi le navi non prevedono la sistemazione in cabina.

I nostri cani possono quindi girare, sempre al guinzaglio, muniti di museruola e sotto la vigilanza dei proprietari, per qualsiasi area comune sui ponti interni e sui ponti all'aperto, fatta eccezione per le aree adibite alla ristorazione.

Per le tratte a lunga percorrenza, invece, c'è la possibilità di sistemazione in cabina (comunque da verificare a seconda della compagnia), ma generalmente la loro presenza viene limitata ad alcune aree circoscritte.

In conclusione

Se pensate che un viaggio con il vostro cane sia un'esperienza fattibile e piacevole, non pensateci due volte e organizzate il vostro viaggio. Con un'adeguata pianificazione e attenzione alle esigenze dell'animale, ogni vacanza con il proprio cane può trasformarsi in un'esperienza unica.

Ricordate però che al primo posto viene il benessere del nostro animale: se non siete preparati, o se non lo è il nostro amico, è sempre bene considerare opzioni alternative come l'aiuto di una persona fidata, alla quale lasciare il nostro amico durante l'assenza, o il pernottamento in un albergo per cani.

CONDIVIDI: