Dormire con il gatto fa bene o male?

Dormire con il gatto fa bene o male?
Ultima modifica 23.01.2024
INDICE
  1. Fa bene dormire con il gatto?
  2. Dormire con il gatto fa male?
  3. Perché dormire con il gatto?
  4. Perché il gatto vuole dormire con noi?
  5. Come dormire con il gatto?
  6. In che posizione dorme il gatto e il significato

Fa bene dormire con il gatto?

Molte persone scelgono di riposare con il proprio pet. Ma dormire con il gatto fa bene oppure no? Si tratta di una scelta che presenta numerosi pro e contro da valutare al meglio per prendere la giusta decisione sia per il gatto che per il padrone.

Prima di scoprire se dormire con il gatto fa male, ti ricordiamo che puoi unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Dormire con il gatto fa male?

Dormire con il gatto non fa sostanzialmente male, ma presenta alcuni contro. Se il tuo gatto passa molto tempo fuori casa e in giardino infatti potrebbe salire sul letto con le zampette sporche di terra o di altro. Costringendo il padrone a entrare in contatto con germi, batteri o addirittura zecche e pulci pericolose per la salute. Un problema che si può risolvere facilmente curando con attenzione l'igiene dell'animale.

Va poi considerato che il gatto ha un ciclo sonno-veglia differente dall'uomo. Condividere il letto con il micio dunque potrebbe costringerti ad alzarti all'improvviso nel cuore della notte oppure svegliarti prestissimo per via delle attività del tuo pet, pronto a mettersi a caccia o desideroso di coccole.

Perché dormire con il gatto?

  • Rappresenta un antistress naturale;
  • Ti aiuta a dormire meglio;
  • Favorisce il vostro rapporto.

Se da una parte ci sono i contro, ecco arrivare i pro: pochi lo sanno, ma dormire con il gatto migliora la salute mentale. Riposare con il pet infatti ha degli effetti benefici sulla salute. La vicinanza dell'animale consente di rilassarsi e di sentirsi amati: un toccasana contro ansia e stress.

L'ossitocina che viene liberata dall'animale inoltre consente di migliorare il riposo e aiuta a dormire meglio. Infine condividere il sonno permette di rafforzare il legame con il pet. La mattina tu e il tuo gatto vi sveglierete non solo riposati, ma avrete anche il tempo di farvi le coccole e di giocare insieme.

Perché il gatto vuole dormire con noi?

  • Si trova a suo agio;
  • Cerca riparo;
  • Vuole proteggerti;
  • Desidera stare al caldo.

Vediamola invece dal punto di vista del gatto: perché vogliono dormire con noi? Facile: i gatti amano la comodità, proprio per questo adorano accoccolarsi sul letto, che resta in assoluto l'angolo più comodo di casa. Non solo: nel letto accanto al suo padrone questo pet si sente al sicuro e al riparo.

I gatti, come ben sappiamo, hanno il sonno leggero e stanno molto attenti a ciò che accade intorno a loro. Quando riposano con il padrone dunque possono permettersi di rilassarsi maggiormente e godersi il sonno. Anche l'istinto protettivo gioca un ruolo chiave.

Oltre a sentirsi al sicuro, il gatto ha infatti bisogno di trasmettere al proprio padrone relax e amore, tramite fusa costanti e calore. Consideriamo inoltre che il gatto è un grandissimo amante del calore e tende a rifugiarsi in tutti gli angoli che irradiano questa piacevole sensazione. Dunque, soprattutto in inverno, è facile che possa nascondersi sotto le lenzuola in cerca di calduccio.

Come dormire con il gatto?

  • Lascia dormire il gatto;
  • Tieni la porta socchiusa;
  • Fai arieggiare la stanza.

Come dormire con il gatto? Ci sono alcuni accorgimenti che dovresti seguire per poter riposare nel modo migliore insieme al tuo pet. Prima di tutto fai dormire il micio sopra le coperte per evitare che i batteri che si trovano sul pelo possano entrare a contatto con le lenzuola e – di conseguenza – arrivare a te. Per mantenere un'igiene migliore potresti anche pensare di posizionare una coperta nella zona in cui il gatto dorme di solito.

Ricordati poi di tenere la porta socchiusa. Si tratta di un comodo trucchetto per evitare che il tuo pet venga a svegliarti all'alba o nel cuore della notte. In questo modo infatti ogni volta che il micio avrà sete, fame oppure dovrà fare i suoi bisogni potrà abbandonare la stanza senza dover miagolare tutto il tempo e il tuo sonno continuerà in totale serenità. Fai arieggiare al meglio la stanza, sbatti le coperte e facilita il ricambio d'aria per fare in modo che la camera da letto sia sempre pulita, in ordine e igienizzata.

 

In che posizione dorme il gatto e il significato

  • Raggomitolato;
  • A pancia in su;
  • Accovacciato.

Il gatto può dormire in diverse posizioni e ognuna di esse ha un significato ben preciso. Se il gatto dorme in posizione raggomitolata, ad esempio, ha bisogno di calore. La posizione a ciambella infatti è perfetta per non disperdere il caldo ed è frequente – non a caso – in inverno. Solitamente viene assunta quando il micio dorme profondamente.

La posizione a pancia in su invece comunica una profonda serenità. Vuol dire che il gatto accanto a te si sente bene e al sicuro. I felini infatti non amano mostrare la pancia e lo fanno solamente con le persone che per loro sono degne di massima fiducia. La posizione accovacciata è una fra le più buffe e amate dai gatti per dormire.

Se il tuo micio assume questa particolare posizione però non significa che sta dormendo, ma sta semplicemente facendo un pisolino. Si tratta di una posizione che gli consente di reagire di fronte al minimo pericolo e di essere reattivo.