Veterinaria

Quali sono le cause di Diarrea nel Gatto e quando preoccuparsi?

Quali sono le cause di Diarrea nel Gatto e quando preoccuparsi?
Ultima modifica 07.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Cos’è?
  2. Cosa si intende per diarrea?
  3. Quali sono le cause?
  4. Come capire se il Gatto ha la Diarrea?
  5. A quali altri sintomi si associa?
  6. Quali esami fare per la diagnosi?
  7. Come si cura?
  8. Qual è la prognosi?
  9. Cosa prevenirla?

Cos’è?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/06/07/diarrea-nel-gatto-orig.jpeg Shutterstock

La diarrea nel gatto è un sintomo abbastanza comune.

In genere, è un disturbo temporaneo, espressione di condizioni banali, che si risolve in pochi giorni; più raramente, è conseguenza di problematiche più serie, per le quali è opportuno consultare il veterinario.

Cosa si intende per diarrea?

Per diarrea si intende un'emissione frequente di feci acquose, molli e non formate.  

La diarrea è il risultato di un passaggio più rapido del materiale fecale attraverso l'intestino, combinato a ridotto assorbimento dell'acqua, delle sostanze nutritive e degli elettroliti.

La diarrea è un sintomo e non una patologia.

Può presentarsi come unico segno oppure assieme ad altri sintomi, che variano in funzione della patologia sottostante.

Quali sono le cause?

Le cause più comuni di diarrea nel gatto sono:

Inoltre, meno frequentemente, la diarrea nel gatto può essere dovuta a:

Come capire se il Gatto ha la Diarrea?

Se un gatto ben addestrato comincia improvvisamente a defecare fuori dalla lettiera e se le sue feci sono liquide, con molta probabilità soffre di diarrea.

Accorgersi del problema è più difficile se:

  • Il gatto trascorre molte ore anche all'aperto;
  • Il gatto riesce comunque a raggiungere la lettiera e a usarla, coprendo le feci.

Se soffre di diarrea, il gatto a pelo lungo tende a sporcarsi nella parte posteriore, il che può aiutare a notare la problematica anche se l'animale vive all'aperto e usa regolarmente la lettiera.

Detto questo, occorre precisare anche che, nei gatti sani, si verificano regolarmente variazioni nella consistenza delle feci: si tratta di fenomeni che durano 1-2 giorni e che non devono allarmare eccessivamente.
Bisogna considerare l'ipotesi di contattare il veterinario, invece, se la presenza di feci liquide o semiliquide dura più di 2 giorni.

Infine, resta da chiarire cosa fare se si hanno più gatti e ci si accorge, dalle faci rivenute in giro, che almeno uno dei due soffre di diarrea; in tali frangenti, ricorrendo ad alcune strategie (es: isolamento), bisogna capire qual è l'animale interessato e valutare se serve o meno un consulto veterinario.

Diarrea nel Gatto: quali sintomi e segni aiutano a riconoscerla?

  • Uso più frequente della lettiera;
  • Posteriore sporco, puzzolente e, talvolta, doloroso;
  • Rumori di stomaco;
  • Flatulenza;
  • Pancia gonfia;
  • Tendenza a pulirsi frequentemente il posteriore.

A quali altri sintomi si associa?

Nel gatto, la diarrea può essere un sintomo isolato oppure parte di un quadro sintomatologico più complesso; in linea generale, se oltre alla diarrea il gatto presenta altri sintomi, è probabile che l'animale soffra di un problema serio o comunque meritevole di un consulto veterinario.

Sintomi e segni che, in aggiunta alla diarrea, devono preoccupare sono:

Un gatto con diarrea potrebbe manifestare solo alcuni di questi sintomi associati; in ogni caso, è sempre consigliato chiamare il veterinario.

Quali esami fare per la diagnosi?

Quando è alle prese con un gatto che presenta diarrea, il veterinario si adopera per risalire alle cause del disturbo.

L'identificazione delle cause richiede un'anamnesi accurata, un approfondito esame obiettivo e, talvolta, esami di laboratorio sulle feci (tampone rettale per i parassiti, coltura batterica ecc.) e su un campione di sangue.

Il proprietario dell'animale ha un ruolo determinante nella diagnosi corretta delle cause; si serve di lui, infatti, il veterinario per scoprire ciò che riguarda:

  • Inizio della diarrea;
  • Frequenza delle scariche;
  • Aspetto delle feci;
  • Cambiamenti nella dieta;
  • Modifiche all'ambiente in cui vive abitualmente l'animale;
  • Abitudini del gatto.

Se la diarrea è un disturbo persistente, il veterinario può anche ricorrere a esami radiologici, ecografie e/o esami endoscopici.

Come si cura?

Il trattamento varia in funzione della causa; ecco perché, in fase diagnostica, è molto importante stabilire correttamente cosa ha scatenato il sintomo.

Detto questo, ecco alcune situazioni esemplificative, che spiegano come potrebbe essere una terapia antidiarroica:

  • Diarrea a parte, se il gatto è sano, può bastare un'astensione dal cibo per 24 ore oppure il ricorso a una dieta specifica per problemi gastrointestinali per qualche giorno; in genere, è il veterinario a indicare cos'è meglio fare.
    Queste contromisure temporanee permettono al gatto di riprendersi in seguito a qualcosa che ne ha alterato l'equilibrio intestinale.
  • Se il gatto è sano, ma il disturbo persiste, può essere utile adottare un farmaco antidiarroico o un probiotico, che supporta la salute gastrointestinale; sull'efficacia dei probiotici ci sono delle perplessità, ragion per cui prima di usarli è meglio chiedere consiglio al veterinario.
  • Se la diarrea è dovuta a vermi intestinali, serve una terapia a base di farmaci vermifughi.
  • Se la diarrea è dovuta a un'intolleranza alimentare, bisogna cambiare piano alimentare, somministrando all'animale soltanto il cibo adatto a lui; questo cambiamento potrebbe richiedere diversi tentativi, nell'intento di scoprire qual è l'alimento da eliminare dalla dieta.
    In questi frangenti, la terapia dietetica deve durare tutta la vita.
  • Se la diarrea è in corso da diversi giorni e il gatto non sta bene, l'animale necessita del ricovero presso una clinica veterinaria, per ricevere tutte le cure appropriate (fluidi per via endovenosa ecc.).

Cosa contengono le diete per problemi gastrointestinali?

Le diete per problemi gastrointestinali sono specificatamente formulate con un equilibrio di fibre, che alimentano i batteri buoni presenti nell'intestino del tuo gatto, e con alcuni antiossidanti, che supportano il sistema immunitario del tuo gatto durante il recupero.

Qual è la prognosi?

La prognosi dipende dalla gravità della diarrea, dalla causa del disturbo e dalla risposta del gatto al trattamento.

La maggior parte dei casi di diarrea semplice (in cui il gatto è sano) guarisce completamente, mentre i gatti con diarrea cronica (dovuta a cause più serie) possono richiedere una gestione dietetica o farmaci per mantenere la condizione sotto controllo.

Cosa prevenirla?

È possibile ridurre il rischio di diarrea nel gatto grazie ad alcune precauzioni:

  • Vaccinare l'animale contro i vermi intestinali. Questo vaccino va somministrato quando il gatto è completamente sverminato.
  • Se si decide di cambiare dieta all'animale (anche solo il tipo di crocchette), è fondamentale farlo con gradualità.
  • Se il gatto vive all'aperto, è importante eliminare dall'ambiente tutto ciò che potrebbe risultare tossico.
CONDIVIDI:

Autore

Dott. Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza