Caring

Il cucciolo di cane non vuole mai giocare: i motivi

Il cucciolo di cane non vuole mai giocare: i motivi
Ultima modifica 02.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Il cucciolo di cane non vuole giocare: motivi e soluzioni
  2. Perché il mio cane non gioca mai?
  3. Altri motivi per cui il cane cucciolo non gioca
  4. Come invogliare un cucciolo a giocare?
  5. Quanto si deve giocare con un cucciolo di cane?

Il cucciolo di cane non vuole giocare: motivi e soluzioni

Se il cane non vuole mai giocare, specie da cucciolo, c'è qualcosa che non va. Una risposta secca e certa, considerando come il gioco sia una parte fondamentale della vita di questo animale. Deve praticare attività con i propri umani di riferimento, rafforzando il rapporto che li lega. Al tempo stesso deve liberare le energie accumulate. Ciò è vero soprattutto per quei cani che trascorrono tanto tempo a casa e, ancor di più, per i cuccioli, che hanno energia da vendere. Di seguito riportiamo un'analisi delle problematiche possibili che spingono il proprio animale domestico a rifiutare quest'attività naturale.

Sappiate, però, che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Perché il mio cane non gioca mai?

  • Problematiche fisiche;
  • Poche passeggiate;
  • Passeggiate molto brevi;
  • Caldo eccessivo;
  • Ansia;
  • Stress;
  • Depressione;
  • Mancanza di esercizio.

Rifiutare il gioco per un cucciolo è qualcosa di molto insolito. Se ciò accade ripetutamente, è possibile che alla base ci siano delle problematiche fisiche da dover affrontare. È sempre importante osservare con attenzione i comportamenti dei propri animali domestici, così da rendersi conto di eventuali segnali d'allarme. Se il cane non vuole mai giocare, potrebbe percepire una problematica gastrointestinale, ad esempio, che potrebbe anche non essere segnalata da sintomi evidenti. Non è da escludere, poi, un vero e proprio infortunio o uno stato infiammatorio. In assenza di evidenze, il reiterarsi di questo stato apatico dovrebbe condurre a una visita dal veterinario.

Il problema può presentarsi anche in caso di un numero di passeggiate esiguo o dalla durata eccessivamente breve. Tutto ciò apre a una serie di motivazioni. Il cane potrebbe subire gli effetti di uno stato emotivo depressivo. La mancanza di tempo trascorso all'esterno della casa ha un impatto diretto sull'umore e sul rapporto con i proprietari.

Al tempo stesso il problema potrebbe essere strettamente legato ai suoi bisogni fisici. Poco tempo fuori casa vuol dire anche minori chance di liberarsi. In questa condizione risulta per lui/lei difficile cimentarsi nel gioco. Non è da escludere poi che proprio le condizioni esterne, nello specifico atmosferiche, giochino un ruolo in questo rifiuto. Alcuni cani possono soffrire il caldo eccessivo molto più di altri, finendo in uno stato di apatia.

Altri motivi per cui il cane cucciolo non gioca

Chi ha mai avuto un cane sa bene che la loro psiche non può essere ridotta a tre elementi: cibo, bisogni fisici e gioco. Si tratta di creature complesse e proprio per questo hanno un posto speciale nel nostro cuore. Occorre preoccuparsi anche di ciò che avviene nella loro mente, che potrebbe essere alla base di un allontanamento da una delle attività chiave della loro quotidianità. Non sono rari stati ansiosi o anche depressivi. Occorre prendersi cura del proprio animale ogni giorno, anche sotto l'aspetto relazionale. Non è un gioco inanimato da tenere in un angolo fino a quando se ne ha voglia.

Dinanzi a segnali evidenti di apatia, occorrerà andare a fondo, magari con l'aiuto di un esperto, e trovare una soluzione che, gradualmente, lo riporti alla normalità. Un esempio? La mancanza di esercizio ripetuta potrebbe aver di fatto spinto il cane ad "arrendersi". Dopo aver provato frustrazione e rabbia per essere costretto ad accumulare energia senza poterla liberare, ha scelto di restare quasi immobile per tutto il giorno, accettando il suo destino. Tutto ciò ricade nell'ambito delle responsabilità del padrone.

Come invogliare un cucciolo a giocare?

  • Socializzare;
  • Giochi;
  • Frequenti passeggiate;
  • Ambiente stimolante.

Un cane isolato dal resto del mondo, e soprattutto dai propri simili, sarà molto più propenso a subire gli effetti di stato d'animo negativi, dall'ansia alla depressione. È importante far socializzare il proprio animale domestico con altri esemplari. Che si opti per l'asilo per cani o per delle frequenti passeggiate al parco, è cruciale trascorrere del tempo all'aria aperta e in compagnia. Curare fisico e mente è rilevante tanto per noi quanto per loro.

Al tempo stesso, l'ambiente domestico dovrebbe essere stimolante. Ciò non vuol dire trasformare la propria casa in un parco giochi canino, ma è bene comprendere come rosicchiare un osso gustoso non sia la soluzione a tutti i problemi.

Quanto si deve giocare con un cucciolo di cane?

È chiaro quanto sia importante l'attività fisica per il proprio cane. Ne va della sua salute corporale e mentale. Al tempo stesso da ciò dipende anche la qualità del suo rapporto con l'umano di riferimento.

Scendendo nel dettaglio, però, quanto movimento è consigliato per un cucciolo ogni giorno? In ogni casa esiste un equilibrio specifico, di certo, ma indicare la soglia minima potrebbe essere utile.

I cuccioli di cane dovrebbero cimentarsi in brevi ma frequenti passeggiate o sessioni di gioco. È possibile alternare, dunque, del tempo fuori casa all'aria aperta, tra corse e socializzazione, ad altro tra le mura domestiche, con giochi acquistati per l'occorrenza, da condividere.

Quest'ultimo aspetto è importante, perché abbandonare l'animale a gestire in autonomia dei giochi ha di certo un impatto ben minore rispetto a trasformare il gioco in una sessione comune.

Volgendo nuovamente lo sguardo all'esterno, però, possono bastare 5 minuti di esercizio, due volte al giorno, per ogni mese d'età. Ciò vuol dire che un cane di quattro mesi avrà bisogno di 30 minuti di attività quotidiana, suddivisa in due tranche.

CONDIVIDI: