Cosa mangia un Cacatua: cibi consigliati e cosa evitare

Cosa mangia un Cacatua: cibi consigliati e cosa evitare
Ultima modifica 03.04.2024
INDICE
  1. Cibi permessi e cibi da evitare: cosa mangia un Cacatua?
  2. Cosa mangia il Cacatua?
  3. Verdure consentite per il cacatua
  4. Frutta consentita per il Cacatua
  5. Insetti e proteine animali per il Cacatua
  6. Cacatua: cibi crudi o cotti?
  7. Cosa non dare da mangiare al Cacatua?
  8. Quanto vive in media un Cacatua?
  9. Cacatua, carattere e temperamento
  10. Come tenere un Cacatua in casa?
  11. Come parla il Cacatua?
  12. Cacatua Alba, prezzo e caratteristiche

Cibi permessi e cibi da evitare: cosa mangia un Cacatua?

Come per qualsiasi animale domestico, l'alimentazione è un aspetto fondamentale per il Cacatua. Si tratta di un pappagallo originario dell'Australia e in natura esistono 20 specie differenti: se riconoscerlo è semplice per via della cresta sulla testa che lo contraddistingue, sapere cosa mangia il Cacatua può essere un po' meno facile. 

L'alimentazione del Cacatua (e dei pappagalli in generale), infatti, è meno intuitiva di quanto si possa pensare.

Prima di approfondire, però, sappiate che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e al profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Cosa mangia il Cacatua?

  • Semi e cereali;
  • Pellet;
  • Gastroliti
  • Frutta;
  • Verdura;
  • Proteine animali.

L'alimentazione del Cacatua, a differenza di quella di altri volatili, è molto varia. Ciò significa che non è possibile pensare di nutrirlo solo con dei mangimi preconfezionati. Per il suo benessere è necessario includere nel piano alimentare sia cibi secchi, che freschi, che crudi, che cotti: insomma, questo pappagallo è un vero buongustaio!

Per quanto riguarda semi e girasoli, vanno somministrati quelli di girasole, quelli di lino, la scagliola, il miglio (sia giallo che rosso), il grano saraceno, l'avena pelata. Non occorre poi dimenticare il Pellet, un alimento che contiene molte vitamine e minerali, e i gastroliti.

Questi ultimi non sono cibo, ma sono delle piccole pietre appuntite che aiutano la digestione perché macinano il cibo nello stomaco. Riguardo agli altri alimenti, invece, occorre fare delle precisazioni a parte. 

Verdure consentite per il cacatua

  • Broccoli;
  • Cavolfiore;
  • Fagioli;
  • Patate;
  • Piselli,
  • Carote;
  • Cetrioli;
  • Lattuga.

Queste verdure e ortaggi sono tutte permesse nell'alimentazione del Cacatua, ma attenzione alla frequenza: mentre lattuga e cetrioli possono essere dati al pappagallo quotidianamente, gli altri vegetali vanno somministrati a cadenze più o meno regolari. Broccoli e cavolfiori possono far parte di un pasto bisettimanale o mensile, così come i fagioli.

Patate e piselli possono invece essere settimanali, mentre è possibile far sgranocchiare le carote al nostro volatile ogni due-tre giorni. Date sempre uno o al massimo due cibi per volta ed evitate pastoni: nonostante si tratti di alimenti consentiti pasti troppo complessi o abbondanti possono fare del male al pappagallo.

Frutta consentita per il Cacatua

  • Mela;
  • Banana;
  • Pera;
  • Uva;
  • Mandarino;
  • Arancia;
  • Mango;
  • Fragole;
  • Mirtilli;
  • Meloni;
  • Ananas.

Riguardo alla frutta, sappiate che il Cacatua è abbastanza esigente: tutti questi frutti sono ammessi nella sua dieta, ma ogni volatile esprimerà le sue preferenze personali, accettando o rifiutando il pasto.

In generale va comunque considerato che tutta la frutta non deve essere somministrata quotidianamente: l'alta quantità di zuccheri può infatti diventare nociva se l'assunzione diventa giornaliera. Meglio limitare il "dolcetto" a una volta a settimana.

 

Insetti e proteine animali per il Cacatua

  • Bachi da seta
  • Tarme della Farina
  • Camole
  • Farina di Hermetia illucens
  • Mix di insetti da pasto;
  • Uovo bollito;
  • Carne di maiale.

Infine, per un corretto e non eccessivo apporto di proteine animali, il Cacatua può mangiare insetti secchi e vivi ogni due-tre giorni, un uovo bollito a settimana o un pezzettino di carne di maiale ogni tanto (non di più).

Cacatua: cibi crudi o cotti?

Per il benessere di questo volatile è necessario che alcuni cibi passino per il processo di cottura. Per intenderci, mele e pere possono essergli somministrate sia crude che bollite, così come le carote.

Cetrioli o lattuga sono perfetti crudi così come uva, mandarino, arancia, mango, fragola, mirtillo, melone e ananas, mentre fagioli, patate, piselli, broccoli cavolfiori vanno rigorosamente cotti. Attenzione: ricordate che nella preparazione del cibo del Cacatua è escluso qualsiasi tipo di condimento.

Cosa non dare da mangiare al Cacatua?

Alla dieta del Cacatua non vanno aggiunti condimenti e spezie. Niente sale, zucchero, pepe. Sono da evitare anche le verdure o la frutta inscatolate. Meglio optare per qualcosa di fresco e genuino.

I latticini vanno somministrati con parsimonia: contengono calcio, ma non fanno parte della dieta naturale del pappagallo e non sono facilmente digeribili. Prima di procedere, quindi, è bene sempre chiedere il parere del veterinario specializzato.

 

Quanto vive in media un Cacatua?

Grazie anche a cosa mangia un Cacatua, la sua aspettativa di vita è notevole: si aggira fra i 40 e 60 anni. Questo animale può vivere anche di più e un esemplare ha raggiunto il record di un secolo di vita. Chi lo adotta, quindi, prende un impegno notevole ed è un aspetto da non sottovalutare prima di procedere concretamente. È anche necessario pianificare un eventuale piano B sostenibile, nel caso in cui il proprietario non dovesse vivere a sufficienza.

Inoltre questi pappagalli dopo i cinque o sei anni di età, quando raggiungono la maturità sessuale, diventano particolarmente impegnativi dal punto di vista comportamentale, ma è il caso di approfondire.

Cacatua, carattere e temperamento

Il pappagallo Cacatua, è stato già anticipato, di norma ha un carattere estremamente docile e affettuoso. Tuttavia può manifestare dei cambiamenti umorali e diventare un po' dispettoso. Per quanto addomesticato, infatti, ha una componente molto istintiva che lo rende spesso capriccioso ede esigente.

È un animale molto sensibile e vulnerabile, tende ad affezionarsi in maniera eccessiva a tutto ciò che lo circonda. Sia che si tratti dell'ambiente in cui vive che di coloro che convivono con lui. Non ama quindi la solitudine e pretende molta attenzione. Per mitigare questa sua paura dell'abbandono, è consigliabile che in casa abbia una zona tutta sua, protetta, dove si possa sentire protetta e al sicuro.

Come tenere un Cacatua in casa?

Seppur il pappagallo passi molto tempo libero in casa e abbia bisogno di ambienti sicuri e con zanzariere resistenti alle finestre per prevenire le fughe, è importante che abbia la sua voliera o la sua gabbia e che siano molto spaziose. I Cacatua ha bisogno di muoversi senza mettere a rischio la propria salute e quella degli altri.

Il metallo non verniciato è l'ideale per evitare ingestioni tossiche e per favorire l'arrampicata. Sul fondo è necessaria una griglia che separi l'animale dalle feci e dagli scarti alimentari. I posatoi sono consigliati irregolari e della dimensione giusta a seconda delle zampe.

Oltre alla gabbia, il pappagallo necessita di una specie di area giochi con diversi posatoi, scalette e elementi che gli permettano di stimolare correttamente la mente e il corpo. Da evitare assolutamente è la catenella alla zampa: ci sono stati casi di fratture e strangolamenti.

L'ambiente in cui il pappagallo passa la maggior parte della sua giornata deve essere luminoso e ventilato, ma vanno evitati spifferi e correnti. La cucina, a proposito di cosa può mangiare un Cacatua, deve essere off limits, altrimenti si rischia l'ingestione accidentale di alimenti tossici per la sua salute. Infine, il sonno è un elemento fondamentale, sono da evitare le case o le stanze particolarmente rumorose.

Come parla il Cacatua?

Il Cacatua, come tutti i pappagalli, non parla come l'uomo, ma imita ogni tipo di suono che sente, compreso il linguaggio di chi lo adotta o di chi si rivolge a lui. Questo succede perché è dotato di uno speciale organo fonico che si chiama siringe.

È simile alle corde vocali umane e, contraendosi, permette all'animale di riprodurre quello che sente. Posizionato alla base della trachea è composto da 12 muscoli altamente performanti.

Cacatua Alba, prezzo e caratteristiche

Fra i tipi di pappagalli, 20 specie sono di Cacatua. Fra queste c'è un esemplare che si chiama Alba. Originario dell'Indonesia, è alto in media 46 centimetri e pesa circa 500 grammi. Si tratta di un animale molto rumoroso e necessita di molte attenzioni. chiunque lo adotti deve mettere in conto di dover essere presente e attento alle sue esigenze.

Il prezzo di un esemplare in media si aggira attorno ai 1500 e i 2000 euro, ecco allora che diventa importante affidarsi a un centro specializzato e certificato. In questo modo si evitano truffe e brutte sorprese.