Caring

Cosa possiamo fare se una vespa punge il gatto?

Cosa possiamo fare se una vespa punge il gatto?
Ultima modifica 26.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Cosa succede se una vespa punge il gatto e cosa fare?
  2. Come capire se un gatto è stato punto?
  3. Quanto dura l'effetto di una puntura di vespa?
  4. Come togliere il veleno della vespa?
  5. Cosa fare se una vespa punge il gatto in bocca?
  6. Le vespe sono pericolose per i gatti?
  7. Cosa fare se il gatto mangia una vespa morta?

Cosa succede se una vespa punge il gatto e cosa fare?

  • Compare un gonfiore localizzato nell'area della puntura;
  • Il cane potrebbe zoppicare;
  • Potrebbe verificarsi un eccesso di salivazione (scialorrea)
  • Nei casi peggiori: vomito, diarrea e gonfiore su tutto il corpo (possibile shock anafilattico).

Se sospetti che il tuo gatto abbia avuto un incontro con una vespa, e l'abbia perso, devi monitorare i sintomi, così da capire se la puntura avrà conseguenze gravi, come per esempio uno shock anafilattico. Nella maggior parte dei casi, però, la puntura guarisce entro poche ore.

Consulta il veterinario!

Attenzione: tutte le informazioni che seguono sono di carattere editoriale. Per qualsiasi dubbio (e per il bene del vostro animale domestico) è fondamentale consultare il veterinario.

Come capire se un gatto è stato punto?

  • La zona della puntura è gonfia e arrossata;
  • Il gatto miagola per il dolore e non vuole essere toccato;
  • Si gratta spesso nella zona della puntura;
  • Produzione eccessiva di saliva.

Quando un gatto viene punto da una vespa, di solito, a gonfiarsi è solo la zona della puntura. Si tratta di un'esperienza molto dolorosa e spiacevole che, nella maggior parte dei casi, produce una reazione locale e immediata che si risolve da sola entro qualche ora. In questo caso significa che la vespa ha punto un gatto non allergico, e che probabilmente avrà imparato la lezione.

Nelle ore successive alla puntura il gatto tenderà ad isolarsi, non vorrà essere toccato neanche dai padroni. Tuttavia, sarà necessario fare del proprio meglio per tenerlo monitorato. Se nella maggior parte dei casi la puntura di vespa è solo una brutta esperienza, negli esemplari allergici occorre intervenire immediatamente.

Se so notano sintomi come vomito, diarrea, gonfiore, problemi all'apparato respiratorio (respiro affannoso o accelerato), problemi cardiaci, è importante non perdere di vista il gatto. Nel caso in cui le mucose del gatto dovessero poi assumere un colore cianotico (violastro o bluastro), non bisogna attendere oltre e contattare subito il veterinario. Se il gatto è allergico, infatti, la puntura potrebbe risultargli fatale.

Quanto dura l'effetto di una puntura di vespa?

Quando il gatto non è allergico, l'effetto di una puntura della vespa dura solo qualche ora. In caso di esemplari vulnerabili, invece, i sintomi cominceranno a peggiorare rapidamente, e occorre portare subito dal veterinario l'animale.

Come togliere il veleno della vespa?

Rimuovere il veleno non è possibile: per ridurre il dolore ed eliminare alcuni enzimi del veleno è solo possibile applicare un panno imbevuto d'acqua calda sulla zona interessata per pochi minuti. Si potranno poi utilizzare dei medicinali (solo su prescrizione medica) per ridurre gli effetti della puntura.

Questo per un motivo semplice: se il gatto è stato punto da un'ape è importante rimuovere il pungiglione raschiando delicatamente l'area interessata con una superficie rigida ma non affilata, ma in caso di vespa la questione è diversa, perché questi animali possono pungere più e più volte e non rischiano di perdere il loro pungiglione.

Cosa fare se una vespa punge il gatto in bocca?

  • Monitorare i sintomi e il gonfiore;
  • Valutare se il gatto manifesta sintomi respiratori o cardiaci;
  • Contattare il veterinario se il felino ha problemi a respirare, o in caso di vomito e diarrea costanti.

Se il gatto sta giocando e mangia una vespa, è molto probabile che questa lo punga. È necessario prestare attenzione ai gatti che mangiano le vespe e osservare attentamente i sintomi che manifestano, in quanto potrebbero essere allergici. La puntura in bocca può essere particolarmente pericolosa, per i soggetti vulnerabili, poiché tende a gonfiare l'area in questione e può bloccare le vie respiratorie.

Le reazioni allergiche si curano solo dal veterinario, sotto la sua supervisione, e attraverso la somministrazione di antistaminici dedicati.

Le vespe sono pericolose per i gatti?

In linea di massima la risposta è no: le vespe non sono pericolose per i gatti, i quali venendo punti sperimenteranno dolore, ma nessuna conseguenza grave. Il problema si manifesta quando il gatto è allergico: una puntura può portarlo in shock anafilattico ed essergli quindi fatale.

Cosa fare se il gatto mangia una vespa morta?

L'ingestione di una vespa morta non presenta particolari pericoli per un gatto sano. Gli acidi presenti nello stomaco saranno infatti in grado di neutralizzare il veleno.

Il problema, come sempre, sono i gatti allergici: indipendentemente dall'ingestione o dalla puntura, il veleno potrebbe non essere distrutto correttamente dall'organismo del felino e provocare infine reazioni allergiche anche gravi.

L'unica cosa che si può fare, in quanto padroni preoccupati, è quella di tenere l'animale sotto stretta osservazione e attendere l'evolversi della situazione, con il numero di telefono del veterinario sempre a portata di mano. In caso di sintomi sospetti, contattiamolo e spieghiamogli la questione.

Il veterinario potrebbe somministrare cortisone o antistaminici anche nel caso che il gatto abbia mangiato una vespa senza esserne punto, specialmente se nel suo passato ci sono stati episodi di allergia ad api o altri animali.

Se vuoi saperne di più, ti consigliamo di unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e di seguire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

CONDIVIDI: